RESUSCITATI….IN 6 MINUTI! Un Treviso da crepacuore espugna Cornuda (1-2)

12733558_10153383126057944_4059082866974840879_nPer commentare questa partita, usare l’apposito thread sul forum.

Dall’inferno al secondo posto nel giro di 6 minuti: questo è stato in grado di offrire oggi il Treviso ai suoi numerosissimi tifosi saliti fino al Comunale di Cornuda per questa cruciale sfida per il proseguo di campionato.
Partita vietata per i deboli di cuore: al 73′ il Treviso perdeva 1-0 ed era al quarto posto a -4 dal San Donà, nuova capolista. Una doppietta del capocannoniere Cattelan (salito a quota 11 in classifica marcatori) stende il Cornuda finora bravo a difendere il preziosissimo vantaggio.
Partiamo col dire che il Treviso, nonostante non abbia giocato la sua migliore partita di stagione, non avrebbe assolutamente meritato di perdere: il Cornudacrocetta, a parte il gol (assist di Malacarne per Sartor che da solo in mezzo all’area trafigge Schincariol nell’angolino) arrivato nel finale di primo tempo, ha avuto solo un’altra occasione con Schiavon che ha impegnato severamente Schincariol di testa a inizio secondo tempo. Per il resto gli azzurri hanno fatto una (ottima) partita di contenimento, lasciando al Treviso il dominio territoriale e di possesso palla, ma poche occasioni da gol. La prima occasionissima capita tra i piedi di Granati poco prima del vantaggio locale, ma il suo “piazzato” dal limite dell’area è troppo debole e viene bloccato da Pezzato.
Nel secondo tempo prima Biondo entra in area piccola ma il suo passaggio sbatte sulle gambe di Mastellotto e finisce direttamente fuori. Quando sembra che la partita sia ormai incanalata in una sconfitta ampiamente deleteria per la classifica del Treviso, ecco che Cattelan tira fuori dal suo cilindro un 1-2 che ribalta clamorosamente la situazione: prima riceve palla in mezzo all’area e tira centralmente, ma il suo tiro è talmente potente che Pezzato non riesce a respingere e la palla finisce in rete; poi riceve un cross al bacio di Zanardo che riesce a scaraventare in rete di testa, mandando letteralmente in visibilio il settore ospiti.
Nel finale il Cornudacrocetta prova ad alzare il baricentro, ma non riesce mai ad impensierire Schincariol. Finisce con squadra e curva che si vanno a ringraziare a vicenda per sostegno ed emozioni forniti. Mancano 8 finali alla fine del campionato e il Treviso è padrone del suo destino (lo era anche prima di questa partita a dirla tutta), ma non può più avere passi falsi come quello di domenica scorsa.

CORNUDACROCETTA-TREVISO 1-2 (1-0)
Cornudacrocetta (4-4-2): Pezzato, Deon, A. Franchetto, Stradiotto, Hanine; Sartor, Lorenzatti (80′ De Giacometti), Bottin, Malacarne; Suman, Schiavon (63′ Franchetto). A Disp: Bonora, N., Bedin, David, Brunello, M’Barek. All. Tommaso Tomasi
Acd Treviso (4-4-2): Schincariol; Sagui, Bellotto, Giovannini, Furlan; Biondo, Casella, Granati, Mastellotto (57′ Furlanetto); Cattelan, Zanardo (80′ Moretti). A Disp: Zanucco, Done, Prosdocimi, Antonioli, Moretti, Lovisotto. All. Claudio Ottoni
Arbitro: Carlo Rinaldi di Bassano del Grappa
Marcatori: 43′ Malacarne (CC), 73′ Cattelan (TV), 79′ Cattelan (TV).
Ammoniti: 13′ Furlan (TV), 29′ Bellotto (TV), 65′ Zanardo (TV), 72′ Suman (CC).