Il Treviso inizia il rush finale a Noventa di Piave

Il Noventa al completo

Il Noventa al completo

Dopo l’indigesto pari contro il Fontanelle, il Treviso affila le armi per il rush finale. Nelle ultime quattro giornate del girone di andata i biancocelesti cercheranno di mantenere al minimo la distanza dalle squadre che la precedono di poche lunghezze in classifica. Due avversarie stazionano al momento nel gruppone centrale a quota 15 punti (Conegliano, prossimo avversario al Tenni, e  il Città di Caorle La Salute), le altre sono invischiate nelle paludi dei play-out. Se il Caerano attende l’ultima giornata per il sospirato ritorno al Tenni, il Noventa si prepara per la sua prima volta contro il Treviso.

La squadra neroverde, neopromossa, sta pagando lo scotto della debuttante. Dopo il traumatico debutto nel Trofeo Regione Veneto – manita contro Portomansuè (0-5) e Città di Caorle La Salute (5-2), intuile vittoria finale con il Portogruaro (2-1) – i veneziani hanno iniziato il campionato con due scontitte con Conegliano (2-1) e Fontanelle (0-1), inanellando poi una serie di sei risultati utili, comprese le vittorie con Caerano (2-1) e Vedelago (2-1), quest’ultima data 8 ottobre. I tre punti mancano quindi da oltre un mese e mezzo, e con soli due successi il Noventa di mister Bergamo è, se si esclude l’Unione Sile fanalino di coda, la squadra con meno successi. Un record che dalla settimana scorsa condivide con il San Gaetano, che nell’ultimo turno ha rifilato un pesante 3-0. Un altro dato statistico che riflette le difficoltà dei neroverdi è l’attacco, il secondo peggiore del girone D con 9 reti realizzate (3 in più dell’Unione Sile).
I gol subiti, invece, sono “appena” 13, tanto che prima della disfatta nel montebellunese il Noventa poteva paradossalmente vantare uno delle mgliori difese dopo Treviso e Portomansuè. Proprio la capolista, penalizzata dall’assenza di Gnago, qualche settimana fa ha subito una battuta d’arresto a Noventa (1-1), e al momento l’unica squadra ad aver espugnato il campo dei veneziani è il Fontanelle lo scorso 17 settembre. Infine, un altro dato invita a riflettere. L’Opitergina di Piovanelli, la squadra più in forma di tutta la Promozione veneta, dopo tre ko di fila, a partire dal recupero della terza giornata con il Treviso ha inanellato una serie di sette vittorie (9 con il Trofeo Regione Veneto) su otto partite; l’unica squadra ad aver fermato le furie rosse in questa prodigiosa rimonta è proprio il Noventa, uscito indenne dall’Opitergium lo scorso 22 ottobre grazie al gol di Ferrarese nei minuti di recupero.
Insomma, il Noventa sembra una squadra più ostica di quanto lasci intendere la pericolante posizione in classifica, soprattutto contro le “grandi” del girone. Una squadra apparentemente poco permeabile contro un Treviso sempre più abulico, ultimamente penalizzato anche da infortuni e squalifiche. Un esame tosto per la truppa di Pala, in attesa dell’arrivo dell’attaccante promesso da Visentin.