Quattro squadre in quattro punti: volata finale per l’Eccellenza?

volata-promozione-variante-finale-competa

Le prossime avversarie delle quattro contendenti: in maiuscolo le gare in casa, in minuscolo quelle in trasferta. Tra le ultime due giornate la finale del Trofeo Regione Veneto.

 

Con i risultati dell’ultimo turno di campionato è terminata la lunga fuga del sorprendente Fontanelle. Dando per “spacciato” il Vazzola ormai fuori dai giochi, al momento escluso pure dai play-off (distacco maggiore di 6 punti dal Fontanelle secondo), la contesa principale, fino a qualche settimana fa circoscritta alle prime due, si è allargata a inseguitrici che fino a un mese fa sembravano tagliate fuori. Treviso e Opitergina, penalizzate da un distacco superiore e con in tasca la finale di coppa (la vittoria vale il primo posto in graduatoria per un ripescaggio in Eccellenza, al momento molto difficile), non hanno niente da perdere e sembrano attraversare un buon periodo di forma. Entrambe vengono da una lunga serie di ottimi risultati seguiti all’arrivo di un nuovo allenatore; a fare la differenza, specialmente nel caso del Treviso, è proprio l’unica sconfitta patita con mister Graziano nello scontro diretto di Mansuè (2-0), peraltro condizionato dal ridicolo rigore concesso dopo nemmeno un quarto d’ora ai locali. D’altro canto il Portomansuè, dimostratosi superiore nel doppio confronto e partito in estate con i favori del pronostico, è ora più che mai il grande favorito per la promozione diretta. Anzi, sono in molti a considerarlo già con un piede in Eccellenza. Organico a parte, i biancoverdi sembrano avere il calendario più agevole: lo scatto finale inizia proprio contro l’ormai retrocesso (anche se non ancora matematicamente) Unione Sile. Tuttavia le insidie non mancano nemmeno per i ragazzi di Lombardi: come detto nel commento al successo del Treviso a Fontanelle, le squadre impegnate per evitare i play-out potrebbero essere l’ago della bilancia per stabilire chi la spunterà sul fronte opposto della graduatoria. Inoltre proprio il Portomansuè (per non parlare del Treviso, sconfitto due volte dal Villorba terz’ultimo) ha recentemente dimostrato quanto sia facile incappare in qualche imprevisto. Senza il ko interno con il Noventa di una settimana fa i biancoverdi sarebbero già in fuga. Invece potrebbero dover lottare fino all’ultima giornata, anche perché gli scontri diretti non contano per i play-off, mentre per il primo posto si andrebbe allo spareggio. Da questo punto di vista, la sfida a distanza in campionato tra Treviso e Opitergina riguarda solo il primo posto. Infatti chi tra le due vincerà il Trofeo Regione Veneto (prima dell’ultimo turno di campionato), ottenendo la “pole position” per un  ipotetico ripescaggio (come detto molto difficile al momento, vedendo la situazione in Serie D), non dovrà partecipare ai play-off, che stabiliscono la graduatoria per i ripescaggi in Eccellenza dal secondo posto in giù.

Considerazioni che lasciano il tempo che trovano con cinque turni ancora da giocare. Altre sorprese potrebbero scompaginare i piani allargando o riducendo i distacchi. Avversarie più deboli che cercano gli ultimi punti per salvarsi, senza dimenticare le condizioni climatiche. Abbiamo visto anche recentemente come campi resi pesanti da neve e pioggia possano livellare i valori in campo e penalizzare le squadre più quotate (pensiamo al rocambolesco pareggio del Treviso nel lago di Vazzola). Proprio per questo fine settimana i siti meteo preannunciano intense precipitazioni che potrebbero condizionare non poco i recuperi della 23a giornata.