L’analisi biancoceleste, vol. 13

Fa bene mister Zanin a predicare calma, siamo solo all’inizio; che inizio, però, questo Treviso! 7 partite, 5 vittorie e 2 pareggi: neanche il più ottimista dei tifosi avrebbe immaginato un avvio di campionato del genere. Se consideriamo anche la Coppa Italia di C, il finale dello scorso campionato e la Poule scudetto, le partite ufficiali consecutive senza sconfitte sono 15.
Ora inizia un ciclo di partite difficile, anche se a dirla tutta, il Treviso qualche squadra di alta classifica (Savona e Poggibonsi) l’ha già incontrata; domenica si va ad Alessandria, squadra costruita per un tranquillo campionato di C1, e che quindi dopo la retrocessione a tavolino avrebbe dovuto vincere agevolmente questo campionato; “grazie” però a un punto nelle ultime 5 partite, e a due punti di penalizzazione, l’inizio roboante (due vittorie consecutive) è stato quindi vanificato, e i grigi sono piombati addirittura in zona play-out. La prossima partita è quindi da prendere con le molle, sulla carta i piemontesi ci sono superiori e da un momento all’altro potrebbero sbloccarsi dalla crisi di risultati.
Successivamente il Treviso ospiterà il Mantova, a cui il cambio di allenatore ha fatto senz’altro bene: bella vittoria a Borgo a Buggiano all’esordio, scacciati via momentaneamente i fantasmi di una classifica che i virgiliani (sulla carta) non meritano assolutamente; dopo di che ci sarà la partita delle due squadre che finora stanno guidando la classifica di questo girone, ovvero Casale-Treviso, in un match del turno infrasettimanale che si preannuncia incandesente; i nerostellati finora hanno subito una sola battuta d’arresto, a Bellaria nella terza giornata di campionato; per il resto un solo mezzo passo falso, in casa contro l’Alessandria, e 5 vittorie; sugli scudi finora Riccardo Taddei, fratello del centrocampista della Roma, che finora ha realizzato 7 gol in 6 partite disputate.
Chiuderà questo ottobre di fuoco il match casalingo contro il Rimini, che finora ha avuto un campionato tra luci e ombre, con 4 vittorie e 3 sconfitte; l’equilibrio di questo girone permette però ai riminesi di essere a ridosso della zona play-off, occupata, ironia della sorte, anche dalle due conterranee Bellaria (prima avversaria di novembre per il Treviso) e Santarcangelo, che precedono i rivali del capoluogo di un solo punto; a far compagnia alle due riminesi al terzo posto c’è il Cuneo di Fantini e Varricchio, che ha perso nell’ultimo turno lo scontro diretto contro il Bellaria, ma che finora ha disputato un gran campionato, considerando che si tratta di una neo-promossa (con la rosa da grande, però).
Bene stanno facendo anche il Montichiari (12 punti), il Poggibonsi e la Giacomense (11), mentre il Borgo a Buggiano ultimamente sembra aver esaurito la spinta di inizio stagione, avendo ottenuto appena un punto nelle ultime 4 partite (conquistato proprio a Treviso, tra l’altro); appena sopra la zona play-out troviamo la Virtus Entella (8) che sta un po’ tradendo le attese, il San Marino (7) e il Renate (6), mentre in piena bagarre play-out troviamo, oltre che alla già citata Alessandria, due squadra storiche del panorama calcistico italiano, ovvero la Pro Patria (che però se non ci fosse la penalizzazione sarebbe fuori dalla zona calda) e il Lecco, ultimo, nonostante una squadra almeno da metà classifica (basti pensare all’ex Perugia di Cosmi, Fabio Gatti, all’ex Cremonese, Bari e Triestina, Luca Tabbiani, e infine a Gianluca Temelin, uno che i gol in serie C li ha fatti un po’ ovunque); a 5 punti troviamo poi la Sambonifacese, a 4 la Valenzana, ma con l’equilibrio che regna basta veramente una vittoria per togliersi dalle sabbie mobili.
Nella prossima giornata il match più interessante è, assieme a Alessandria-Treviso, il derby riminese tra Rimini e Bellaria, con i biancorossi del capoluogo che possono, con una vittoria, piombare in piena zona play-off, superando proprio i dirimpettai; interessante poi Mantova-Savona, per testare lo stato di forma dei virgiliani, mentre Casale e Cuneo hanno due partite casalinghe sulla carta facili rispettivamente contro Renate e San Marino. Nella zona di bassa classifica da segnalare Pro Patria-Valenzana e Lecco-Borgo a Buggiano.