CLAMOROSO Sartori esonera Piovanelli, via anche Zamprogno: regolamento di conti?

Sartori esonera Piovanelli e Zamprogno

“La società comunica di aver sollevato dall’incarico di allenatore responsabile della prima squadra per la stagione sportiva 2013/14 il sig. Simone Piovanelli, ritenendo necessario un cambio tecnico alla luce delle ultime prestazioni non corrispondenti alle aspettative. Si ringrazia il suddetto sig. Piovanelli per l’operato svolto auspicandogli in futuro ogni fortuna”. Con questo comunicato, pubblicato da radio Veneto Uno, il (neo)presidente Sartori ha esonerato Simone Piovanelli. Se ne va anche il direttore sportivo, l’agente Fifa Andrea Zamprogno. Quali conseguenze potrà avere questo terremoto societario sulla squadra? Una cosa è certa, la decisione più che a una scelta tecnica sembra un regolamento dei conti, visti i contrasti a mezzo stampa tra Sartori e Piovanelli risalenti allo scorso autunno.
Contattato da venetogol, mister “Kojak” ha espresso la propria amarezza per l’esonero: «Ho ricevuto la chiamata da parte del “direttore “ Walter Frandoli, che mi comunicava la decisione della società presa nella serata post-gara di sollevarmi dall’incarico. Io ho chiesto le motivazioni e dall’altra parte del telefono mi sono sentito dire: è la mancanza (o carenza) di risultati. La motivazione mi ha lasciato allibito perchè prima della sconfitta di Cornedo di 24 ore fa, la squadra aveva inanellato quattro vittorie, vincendo sul campo della vice-capolista Sarcedo e poi dimostrando l’ottimo crescendo battendo pure la Godigese, da ieri neo-capolista del girone B. Con 12 gol fatti (3 di media a gara) e solo 2 al passivo la squadra aveva dimostrato oltretutto di aver trovato il passo ideale per rosicchiare terreno alle battistrada, ma al primo incidente di percorso si è arrivati a questa svolta che nel calcio va di moda… Vivo con amarezza questo mio distacco, ma non mi stupisco perchè negli ultimi due anni ne ho visto di tutti i colori. Mi metto da parte e lo faccio in assoluta serenità. Ringrazio i ragazzi per l’impegno, l’applicazione e la dedizione dimostrata in questi cinque mesi. A loro va il mio “in bocca al lupo”».
Sempre venetogol ipotizza che il successore possa essere Gianfranco Fonti, ex allenatore di Portogruaro, Montebelluna, San Paolo Padova e papà di Antonio, esterno destro biancoceleste impegnato anche ieri nella sfortunata trasferta di Cornedo.

Comments are closed.