Agenore Maurizi

Da Forza Treviso Enciclopedia.
Agenore Maurizi
Treviso-Cuneo (2 settembre 2012) Agenore Maurizi.jpg
Dati anagrafici
Nome: Agenore Maurizi
Paese: FileFlag of Italy.png Italia
Dati agonistici
Ruolo: ?
Allenatore
Altezza: cm
Peso: kg
Carriera
Stagione Squadra Campionato
Allenatore
2012/13 Stemma treviso small.png Treviso  1D
ottobre 2012 Stemma svincolato small.png Svincolato 
2013/14 Stemma paganese small.png Paganese 
dicembre 2013 Stemma svincolato small.png Svincolato 

Agenore Maurizi (Colleferro, RM, 20 luglio 1964 - , ) è un ex calciatore italiano, allenatore del Treviso Calcio nella prima parte della stagione 2012/13.

Indice

Bio

Iniziata la carriera come calciatore, l'ascesa verso il professionismo viene presto interrotta da un grave infortunio. Maurizi gioca in Serie D, poi si dà al calcio a 5 dove ottiene importanti successi prima giocatore. Nel 1992 partecipa con la Nazionale di calcetto dell'Italia al FIFA Futsal World Championship ad Hong Kong, raggiungendo il picco massimo della sua carriera da giocatore.

Come allenatore inizia sempre con il calcio a 5. Con la Lazio calcio a 5 di Fabio Cragnotti vince scudetto e coppa Italia per due stagioni di fila. Nella stagione 2006/07 torna al calcio a 11 (Rappresentativa di Serie D), nella stagione successiva ottiene la prima panchina da pro con la Massese, in C1. Situazione disperata con una società sull'orlo del fallimento e senza staff tecnico; Maurizi porta una squadra di giovanissimi a un'inutile salvezza, visto che in estate la società toscana non si iscriverà alla Lega Pro precipitando nei dilettanti. Nel campionato 2008/09 accetta l'offerta della Scafatese e conquista la salvezza con una squadra giovanissima (un anno dopo la società non si iscrive e precipita in Terza categoria). Nella stagione 2009/10 Maurizi arriva sulla panchina dell'ambiziosa Cavese in Prima divisione, ma il disaccordo con la nuova società e un inizio difficile lo portano al primo esonero (l'anno successivo i campani retrocedono in Seconda divisione e non si iscrivono). Nell'estate 2010 approda al Pergocrema e nonostante una stagione travagliata dal punto di vista societario porta i gialloblu alla salvezza. Nel 2011 Maurizi ha iniziato la stagione con il Viareggio. Anche qui situazione difficile, con una società che dopo essere stata a rischio iscrizione si presenta con una rosa formata da tanti giovani; dopo un inizio disastroso il mister romano viene esonerato e solo con il sostituto Cuoghi i toscani cambieranno marcia raggiungendo la salvezza.

Mercoledì 20 giugno 2012 viene comunicato ufficialmente il raggiungimento di un accordo per un biennale tra Maurizi e la società Treviso Calcio, tramite il sito ufficiale della squadra trevigiana[1]. "Sono molto felice di aver raggiunto l'accordo con la società Treviso Calcio, dove ho trovato una dirigenza che mi ha colpito per voglia di crescere e programmare"[2], il commento a caldo del nuovo mister biancoceleste.

Duro l'inizio campionato, dove il primo punto arriva alle quinta giornata. Fedele al modulo 3-4-3, che però da risultati pressoché nulli, passa poi ad un più equilibrato 3-5-2 che porta alla squadra 2 pareggi, entrambi per 0-0.

Alla settima giornata, dopo la deludente prestazione a Cremona, il presidente Renzo Corvezzo tuona contro l'allenatore, ma viene smentito il giorno seguente dal Direttore Generale Mario Santoro che in conferenza stampa conferma l'allenatore addirittura fino a fine stagione.

Ma siamo abituati ai colpi di scena ed alle promesse non mantenute. A nemmeno una settimana di distanza, fatale è la sconfitta casalinga all'ottava giornata contro il Sudtirol. A fine gara arriva infatti l'esonero di Maurizi[3], che chiude la sua esperienza nella Marca con uno score di 8 sconfitte e 2 pareggi (21 gol subiti e 6 fatti), in 8 partite di campionato e 2 di Coppe Italia, tutt'altro che invidiabile. Al suo posto Gennaro Ruotolo.

Ma non tutte le responsabilità dei risultati assenti sono dell'allenatore. Chiaro lo sfogo dell'allenatore a poche ore dall'esonero su Facebook: "Oggi 21 ottobre, la squadra da me allenata ha perso giocando male. 3 ad 1 in casa, contro il Sudtirol. Mi assumo tutte le responsabilità. Sono stato esonerato, ma ci tengo a precisare che durante il ritiro di Longarone avevo dato le mie dimissioni perché non mi piaceva come veniva costruita la squadra. Inoltre, visto il regolamento, che vieta ad un allenatore di andare a lavorare in un altro club dopo essersi seduto in panchina la prima partita, ho di nuovo dato le dimissioni prima di Sorrento. Sono stato verbalmente rassicurato che tutto veniva sistemato, proprio tutto. Non è finita, dopo Chiavari, e la sconfitta subita per 4 ad 1, con grande presa di coraggio ho rassegnato di nuovo le dimissioni, puntualmente respinte. Non mi va di aggiungere altro, se non che, martedì dopo le esternazioni pubbliche del presidente Corvezzo, nella riunione con i soci, di tutta la società si è raggiunto un accordo che o si andava avanti fino alla fine o si interrompeva subito. Si sono riuniti i tre soci che formano la società ed hanno deciso che si andava avanti fino a fine anno, eventualmente prendendo qualche giocatore dal mercato. Comunque è questo il mestiere di allenatore, contano i risultati." Ed inoltre: "Tutti eravamo d'accordo nell'aspettare la fine del girone d'andata per rinforzare la squadra. Poi l'avvento di un personaggio e di un suo presunto ingresso in società ha fatto cambiare idea. Al futuro come sempre. Le mie verità saranno scomode."[4] Parole che pesano come macigni, molto diverse da quelle delle prime ore.

A giugno 2013, il tecnico passa alla Paganese. Il contratto, sempre biennale, con scadenza 30 giugno 2015, viene firmato nel pomeriggio del 12 giugno, al termine dell'incontro decisivo con il presidente Trapani, tenutosi nella sede di via Albanese. L'ufficializzazione, però, avverrà non prima di venerdì 14 giugno, quando il trainer di Colleferro rescinderà il contratto biennale (che sarebbe scaduto il 30 giugno 2014) con il Treviso.[5] Maurizi porterà con se il proprio staff, l'allenatore in seconda Severo De Felice ed il preparatore dei portieri Enrico Limone[6]. L'inizio della stagione non è però dei migliori, complice anche una squadra imperniata su giovani, e la squadra si trova agli ultimi posti della classifica. Dopo una iniziale fiducia, il 28 dicembre 2013 arriva però l'esonero[7] (o la rescissione consensuale, per il mister, nel suo sito ufficiale[8]) dalla panchina azzurrostellata, sostituito da Vittorio Belotti. Per Maurizi un "bottino" stagionale tutt'altro che invidiabile, pari di 2 vittorie, 2 pareggi e 12 sconfitte in campionato, e 2 sconfitte, sia in Tim Cup che in Coppa Italia Lega Pro, costate l'eliminazione. Dunque terzo esonero consecutivo: tra Viareggio, Treviso e Paganese sono 3 vittorie, 4 pareggi e 29 sconfitte. All'esonero di Maurizi segue di qualche giorno la rescissione consensuale del contratto del giovane difensore Andrea Garofalo[9] (ex biancoceleste proprio ai tempi di Maurizi).

Galleria

Note

  1. Agenore Maurizi nuovo allenatore dell'F.C. Treviso - Comunicato ufficiale della società.
  2. Maurizi, biennale con l'FC Treviso.
  3. Comunicato ufficiale. Cambio di allenatore
  4. Lo sfogo di Maurizi su Facebook
  5. MAURIZI-PAGANESE: ARRIVA ANCHE LA FIRMA
  6. Paganese, Maurizi: "Non mi piacciono i proclami, ma dateci fiducia. Ci divertiremo insieme"
  7. ESONERATO AGENORE MAURIZI
  8. Rapporto interotto tra il mister e la Paganese
  9. RISOLUZIONE GAROFALO

Collegamenti esterni

Riepilogo rose

Treviso Football Club - Rosa 2012/13

AllegrettiBecciaBianchettiBiniBrunettiBuratoCamataCampironiCernutoChiavazzoDel CompareDel GrandeDi GirolamoDragoniEspositoFortunatoGarofaloGelfusaKomacKyerematengMadiottoMerlanoMiglioriniMussoNenziPiccioniPiconeReginatoRizzoRosaiaSalviSemenzatoSpinosaStendardoStrizzoloSyTarantino N.Tarantino P.TisbiTonozziToppanVailattiVidettaZammutoAllenatore: MauriziRuotoloBosi

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti