Belluno-Treviso (19 settembre 2010)

Da Forza Treviso Enciclopedia.
Belluno-Treviso 0-3
Competizione:
Campionato di Serie D (girone C) Stagione: 2010/11
Giornata o turno:
3ª giornata A/R: Ritorno
Luogo:Stadium.png
Belluno
Data:Nuvola apps date.png
domenica 19 settembre 2010
Arbitro:Arbitro fischietto.png
Samuele Lucchesi di Lucca (Manuel Cinquini di Firenze, Davide di Lorenzo di Prato).
Formazioni
Stemma belluno small.png Belluno :
Marziani, Miniati M., Mosca (17’st Sommacal), Armenise, Pavan, S. Brustolon, E. Brustolon, Rosso (31’st Merotto), Battaglia, Mele, Radrezza. Allenatore: Tormen.
Stemma treviso small.png Treviso :
Sartorello, Cernuto Paoli, Spinosa (28’st Baldares), Biagini, Visintin, Bandiera (40’st Tinazzi), Brunetti, Ferretti, Torromino, Perna (35’st Bidogia). Allenatore: Diego Zanin.
Note
Gol:Icona Goal.png
17′pt Torromino, 34′pt Ferretti, 26′st Perna.
Ammoniti:Yellow card.png
Armenise (B) e Baldares (T).
Espulsi:Red card.png
-
Angoli:Nuvola apps kmines.png
4-2 per il Belluno.
Recupero:Nuvola apps ktimer.png
1'+3'.
Spettatori:Nuvola apps kdmconfig.png
600 circa.
Meteo:Nuvola apps kweather.png
Varie:Nuvola apps package editors.png

Belluno-Treviso è la 3ª giornata del Campionato di Serie D (girone C) 2010/11, giocata domenica 19 settembre 2010 alle ore 15.

Indice

Introduzione

Domenica il Treviso potrebbe stabilire la migliore partenza in campionato degli ultimi 12 anni (tre vittorie in avvio non si vedono dalla Serie B 1998/99), ma visto l’avversario il condizionale è d’obbligo.

La trasferta

Quanto ci piace la domenica! È proprio grandioso svegliarsi, sentire le campane e avere come primo pensiero il Treviso calcio che scenderà in campo di lì a poche ore. Noi appassionati, anzi, noi malati del “baeon cittadino” lo sappiamo bene, l’attesa di una partita è a dir poco favolosa. E noi dello staff di Forzatreviso vi facciamo vivere questa attesa conducendovi alla scoperta dei luoghi dove giocherà la nostra amata squadra nelle partite in trasferta. Questa volta ci dirigeremo nel nord della nostra regione, a Belluno, dove si disputerà una partita inedita per tutti i giovani trevigiani. È dal 1992 che le squadre non si incontrano... Ma come ben sapete non siamo qui per entrare nei dettagli statistici e calcistici, c’è una città da scoprire insieme.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi anche la voce Trasferta di Belluno

L'avversario: Stemma belluno small.png Belluno 

Quello col Belluno non è solo un derby tra due capoluoghi di provincia, ma una sfida storica densa di significati che torna a distanza di 18 anni dall’ultimo incontro nella vecchia Interregionale 1991/92, terminata con la retrocessione dei gialloblu in Eccellenza. Da quel momento inizia un lento declino che li porta addirittura in Prima Categoria, fino al 1998, anno del rilancio: la squadra conquista la promozione ma in estate si concretizza la fusione con il Ponte Alpi, permettendole di fare il doppio salto in Eccellenza, e due anni dopo la risalita si completa con la conquista dei playoff che valgono l’accesso alla Serie D. Dopo tre stagioni di apprendistato arriva addirittura la C2, anche se il sogno professionistico dura solo due stagioni. Nelle annate successive il Belluno ci riprova, ma invece dei risultati subentra qualche problema economico che mette in pericolo la sopravvivenza del club e spingono la dirigenza ad intraprendere un piano di austerity incentrato sulla valorizzazione dei giovani. Nonostante il ridimensionamento non sono mancate alcune soddisfazioni, e nell’ultima stagione contro ogni pronostico è arrivata un 13° posto che è valso la salvezza anticipata. In estate mister Antonio Tormen, tornato in panchina dopo un anno da dirigente, ha provveduto a confermare lo zoccolo duro dell’annata passata: il difensore e capitano Simone Brustolon, i centrocampisti Armenise e Mosca e gli attaccanti Brustolon e Mele, quest’ultimo miglior realizzatore tra le fila gialloblu con 13 marcature. In uscita oltre al bomber Brotto, passato ai Pro con la Sacilese, non è rimasto Daniel Onescu, promettente classe ’93 messosi in mostra dopo il fallimento del Treviso. In entrata i colpi più importanti sono stati i difensori Pavan dalla Sanvitese e l’ottimo Lazzaretti dal Bassano. In attacco a completare il reparto offensivo è tornato Andrea Radrezza dal Città di Jesolo,due anni fa grande protagonista in maglia gialloblu. Dalla Feltrese sono stati prelevati due giocatori affrontati dal Treviso lo scorso in Eccellenza: si tratta del centrocampista Dalla Gasperina e l’attaccante Pontin. Infine, a fine agosto, è stato ingaggiato il portiere classe ’91 Marziani, scuola Palermo. Obiettivo stagionale è migliorare il risultato dello scorso campionato, e perché no, interpretare il ruolo di mina vagante in un girone C più prestigioso che mai. Sicuramente una buona base di partenza per il presidente Sergio Barzon, orgoglioso dei risultati ottenuti a dispetto di un budget che, stando alle sue parole, è inferiore a quasi tutte le avversarie del girone. A tal proposito va ricordato l’accordo di sponsorizzazione siglato questa estate con una delle aziende principali di Marcello Cestaro, presidente del calcio Padova.

Dopo un buon precampionato il Belluno è stato protagonista di due sfida mozzafiato con l’Opitergina: a sette giorni dal rocambolesco 4-3 costato l’eliminazione dalla Coppa è arrivato un 3-2 in rimonta nella prima di campionato, dopo che le “furie rosse” avevano chiuso la prima frazione sul 2-0. Domenica scorsa invece, nella prestigiosa cornice dello stadio Euganeo di Padova, il Belluno è stato bloccato sull’1-1 dal San Paolo, anche se con ogni probabilità la settimana prossima otterrà la vittoria a tavolino vista la presenza in campo di un giocatore squalificato tra le fila dei padroni di casa. Per domenica potrebbe esserci qualche problema di formazione, soprattutto in difesa, dove potrebbero dare forfait sia Lazzaretti e Lazzarini, mentre Pavan sembra possa farcela. Di sicuro non ci dovrebbero essere assenze importanti in attacco, indubbiamente il reparto più pericoloso dei gialloblu.

Situazione interna

Dopo l’ostica Sanvitese e il deludente Montecchio il primo vero ostacolo per un Treviso protagonista di un avvio di campionato positivo e giunto alla prova del nove, contro una squadra giovane ma composta da elementi già esperti per la categoria. Domenica scorsa notevoli sono stati i miglioramenti del reparto difensivo, dopo i pasticci difensivi in Coppa e a San Vito, errori che contro una squadra ben attrezzata in attacco come il Belluno porebbero costare caro. A centrocampo dovrebbe essere finalmente disponibile lo sloveno Tomazic, jolly in grado di adattarsi a più ruoli. Restando a metà campo, sarà sicuramente una partita piena di significati per due illustri ex, capitan Ferronato e il bellunese doc Igor De Mattia, sebbene la loro presenza in campo non sia certa. In attacco ancora qualche dubbio sull’impiego dal primo minuto del neo arrivato Perna, anche perché Spinosa dopo la gara del Tenni rappresenta più di una certezza. Di sicuro è arrivato il momento per rompere il lungo digiuno della coppia Torromino-Ferretti, a secco dal debutto ufficiale di Trento. I legni e qualche imprecisione di troppo hanno negato la gioia del primo gol in campionato, ma in entrambe le gare le giocate dei due si sono rivelate decisive ai fini del risultato.

Record da eguagliare a parte, una vittoria al Polisportivo darebbe quell’ulteriore carica di fiducia in vista del derby col Montebelluna, ultima partita prima dell’inizio di un ciclo terribile che vedrà il Treviso affrontare quattro tra le formazioni più forti del girone. Inoltre il terzo successo di fila potrebbe riportare al Tenni quegli indecisi che anche dopo l’ottimo avvio di campionato non sembrano convinti del nuovo Treviso. A parte le legittime discussioni sulla questione prezzi, pochi si sarebbero aspettati risultati così deludenti. Il fischio d’inizio è fissato per le ore 15.00, arbitrerà il signor Lucchesi di Lucca assistito da Cinquini di Firenze e Di Lorenzo di Prato.

Precedenti

Come ricordato in apertura, Belluno-Treviso è un classico del calcio veneto che ritorna. Curiosamente, le due squadre non sono mai riuscite a giocare per più di un campionato nella stessa categoria: nella Serie C 1940/1941, 1975/1976 e nell’Interregionale 1991/1992 il Belluno è retrocesso, mentre nell’Interregionale 1957/1958 e nella Serie C 1971/1972 si sono concluse rispettivamente con una promozione e una retrocessione del Treviso. Questi i precedenti:

Campionato

In totale 10 incontri: 6 vittorie trevigiane 2 pareggi e 2 vittorie bellunesi.

Coppa Italia

In totale 4 incontri: 3 vittorie trevigiane e un pareggio.

La partita

18 anni dopo il risultato è lo stesso: Belluno-Treviso 0-3. A 18 anni dall’ultimo precedente il Treviso espugna Belluno con il medesimo risultato: 3-0. Nell’aprile del 1992, nella vecchia Interregionale, il derby del Polisportivo era stato deciso dalle reti di Giovanelli, Barbuti e Bonfante. Oggi ci ha pensato il trio d’attacco Torromino-Ferretti-Perna, per tutti e tre primo gol in campionato; per l’attaccante campano invece si tratta del primo sigillo in maglia biancoceleste.

Cronaca

Le pagelle di Belluno-Treviso
Il Gazzettino it logo.png Tribuna di treviso logo.png
Sartorello 6,5 6,5
Cernuto 6 7
Paoli 6,5 6,5
Spinosa 6,5 7
Biagini 6,5 6,5
Visintin 7 7
Bandiera 6,5 6,5
Brunetti 6,5 6,5
Ferretti 7 7
Torromino 7,5 7,5
Perna 7 6,5
Baldares 6 s.v.
Tinazzi s.v. s.v.
Bidogia s.v. s.v.

Ma veniamo alla cronaca. Il Belluno come previsto deve fare a meno del due Lazzaretti-Lazzarini in difesa, con Tormen che corre ai ripari inserendo Miniati e regalando la prima maglia di titolare al portiere Marziani. Emergenza anche tra le fila biancocelesti, con Zanin costretto a reinventarsi il centrocampo visto che, ironia della sorte, hanno dato forfait nel giro di pochi giorni sia capitan Ferronato che il bellunese Igor De Mattia, i due tanto attesi ex gialloblu. Entrambi comunque si sono riscaldati nel prepartita e dovrebbero recuperare in tempo per il derby col Montebelluna. Il mister non rinuncia al prediletto 4-3-1-2: in attacco fa debuttare Perna dal primo minuto al fianco di Ferretti, con Torromino alle spalle, mentre a centrocampo schiera l’unico “superstite” Bandiera, affiancato da Spinosa (un attaccante) e Brunetti (terzino destro). Confermata la difesa vista col Montecchio, con l’unica eccezione di Paoli esterno sinistro e lo spostamento di Cernuto sulla destra. Nei primi minuti di gara è il Belluno a rendersi pericoloso: al 6’ ci prova Radrezza che dopo aver ricevuto palla ed essersi liberato di Cernuto fa partire un destro facilmente bloccato da Sartorello. Intorno al quarto d’ora il Belluno resta momentaneamente in 10 a causa di un infortunio occorso a Mosca dopo un entrata ruvida di Perna, ma i gialloblu si rendono ancora pericolosi con una conclusione di Mele parata in due tempi da Sartorello. Il Treviso capisce che ora di colpire e lo fa proprio nel momento migliore degli avversari: Ferretti vede l’inserimento di Torromino che ricevuto il pallone si incunea nella difesa bellunese e fa partire un lento ma velenoso piatto sinistro che beffa Marziani. Poco dopo Ferretti, alla ricerca del primo gol in campionato, ma il tiro è troppo debole. Al 25’ unico brivido della giornata per la difesa biancoceleste: Mele provo la girata di testa su un cross dal fondo, la palla viene smorzata da un difensore trevigiano e si avvia lentamente verso la porta. Ma nell’accompagnarla Cernuto ha un malinteso con Sartorello e per evitare che l’accorrente Battaglia segni è costretto a buttare la palla sopra la traversa. Ma al 34’ il Treviso raddoppia. Perna riesce caparbiamente a liberarsi sulla sinistra e mette in mezzo dove Ferretti come un falco anticipa Pavan e schiaccia di testa infilando l’incolpevole Marziani. L’estremo difensore gialloblu rischia di combinare un pasticcio al 44’ quando una sua maldestra uscita al limite dell’area fa carambolare il pallone sui piedi di Perna. L’attaccante campano prova subito a insaccare con una pallonetto ma il tiro viene bloccato da un giocatore del Belluno. Nel secondo tempo il Treviso si limita a controllare, il Belluno non riesce a creare niente di pericoloso e al 26’ i biancocelesti sferrano il colpo del ko. Uomo assist è Torromino che dopo aver controllato una rimessa laterale di Bandiera fa partire un cross teso al centro dell’area. Perna stacca più in alto di tutti e con un beffardo pallonetto infila per la terza volta Marziani. La partita si chiude, il Belluno si getta in avanti alla ricerca del gol della bandiera ma facendo così lascia campo libero ai contropiedi del Treviso che nel frattempo sostituisce un ottimo Spinosa con Baldares. Al 30’ Ferretti dopo una corsa estenuante si trova solo davanti al portiere ma all’ultimo si allunga troppo il pallone e Marziani lo anticipa senza troppi patemi. Ultimo sussulto per il Belluno: al 40’ Radrezza, il migliore tra i suoi, ci prova con una delle sue incursioni. Dopo aver saltato due trevigiani mette in mezzo un delizioso assist per Battaglia, ma Paoli si immola e con una mezza rovesciata manda in angolo. Al 42’ il Treviso sfiora il poker: Torromino viene lanciato in area e vince il contrasto con Miniati, poi con un geniale colpo di attacco libera l’accorrente Ferretti che solo davanti a Marziani prova un pallonetto che tuttavia si spegne a lato. Cinque minuti dopo è Bidogia (subentrato a Perna) a sbagliare il gol del 4-0: assist di Torromino, l’attaccante controlla e fa partire un pallonetto, ma la conclusione è fuori misura. Arriva il triplice fischio e i giocatori, acclamati dai tifosi, non possono che andare a festeggiare sotto il settore ospiti.

Commento

Quarta vittoria in cinque gare ufficiale per il Treviso, terza consecutiva in campionato con record eguagliato. Ci voleva una prestazione perfetta per battere l’ostico Belluno, e la squadra vista oggi al Polisportivo è stata la più convincente fino a questo momento, nonostante le pesanti assenze di Ferronato e De Mattia a centrocampo. Merito dello spirito di sacrificio e della capacità di adattamento di Bandiera, Spinosa e Brunetti, questi ultimi due schierati in un ruolo diverso dal solito. Andrea Bandiera, già eletto man of the match nel sondaggio del nostro forum, è stato presente in ogni parte del campo, e ha sopperito all’assenza di Ferronato anche in fase di impostazione del gioco. A questa ha contribuito anche Spinosa, sacrificio in difesa e rapide ripartenze aiutato dalle sue indiscutibili doti tecniche. Brunetti, riadattato esterno destro, ha dato grande spinta sulla fascia destra. Va detto che l’assenza delle geometrie di Ferronato si è fatta sentire, soprattutto sul risultato di parità, ma il trio offensivo ha sfruttato subito le occasioni concesse dalla retroguardia bellunese, e solo a risultato acquisito Ferretti ha sprecato due ottime occasioni. La difesa invece ha confermato i segnali di miglioramento mostrati al Tenni nel facile 3-0 al Montecchio. Visintin e Biagini sono stati impeccabili in ogni intervento, Paoli non ha mai sofferto sulla sinistra, mentre il giovane Cernuto migliora gara dopo gara. Oggi, oltre a contrastare le sfuriate dell’ottimo Radrezza ha dimostrato grande personalità proponendosi anche in fase offensiva.

Ottima prova per i biancocelesti in vista del derby trevigiano del Tenni contro il Montebelluna. Gara da vincere, anche perché dalla domenica successiva inizierà un ciclo terribile...

Galleria

Collegamenti esterni

Note


Riepilogo partite stagionali

Treviso Foot-ball Club 1993 - Partite 2010/11
Campionato di Serie D (girone C)

(1) Sanvitese-Treviso • (2) Treviso-Montecchio Maggiore • (3) Belluno-Treviso • (4) Treviso-Montebelluna • (5) Rovigo-Treviso • (6) Treviso-Este • (7) Pordenone-Treviso • (8) Treviso-SandonàJesolo • (9) Kras Repen-Treviso • (10) Treviso-San Paolo Padova • (11) Torviscosa-Treviso • (12) Treviso-Unione Venezia • (13) Opitergina-Treviso • (14) Union Quinto-Treviso • (15) Treviso-Tamai • (16) Chioggia Sottomarina-Treviso • (17) Treviso-Città di Concordia • (18) Treviso-Sanvitese • (19) Montecchio Maggiore-Treviso • (20) Treviso-Belluno • (21) Montebelluna-Treviso • (22) Treviso-Rovigo • (23) Este-Treviso • (24) Treviso-Pordenone • (25) SandonàJesolo-Treviso • (26) Treviso-Kras Repen • (27) San Paolo Padova-Treviso • (28) Treviso-Torviscosa • (29) Unione Venezia-Treviso • (30) Treviso-Opitergina • (31) Treviso-Union Quinto • (32) Tamai-Treviso • (33) Treviso-Chioggia Sottomarina • (34) Città di Concordia-Treviso

Poule Scudetto di Serie D

Treviso-CuneoMantova-Treviso

Coppa Italia di Serie D

Trento-TrevisoSan Paolo Padova-Treviso

Amichevoli

Treviso-CareniPieviginaTreviso/A-Treviso/BVicenza/Primavera-TrevisoGiorgione-TrevisoUnion Sandonatese-TrevisoTreviso-PonzanoScorzè-Treviso

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti