Chioggia Sottomarina-Treviso (12 dicembre 2010)

Da Forza Treviso Enciclopedia.
Chioggia Sottomarina-Treviso 1-1
Competizione:
Campionato di Serie D (girone C) Stagione: 2010/11
Giornata o turno:
16ª giornata A/R: Ritorno
Luogo:Stadium.png
Chioggia
Data:Nuvola apps date.png
domenica 12 dicembre 2010
Arbitro:Arbitro fischietto.png
Di Stefano di Brindisi (Ambrosini di Vicenza, Dalla Costa di Schio).
Formazioni
Stemma chioggiasottomarina small.png Chioggia Sottomarina :
(4-3-3)
Fornasier; Borriero, A. Ballarin, Garbini, Rossi; Caraceni, Romero, A. Boscolo; Pagan, Adriano, Doria (23′st Tartalo). A disposizione: L. Boscolo, Baù, D. Boscolo, Braida, Veronese, Spresian. Allenatore: Marco Scarpa.
Stemma treviso small.png Treviso :
(4-3-1-2)
Sartorello; Cernuto, De Bortoli, Visintin, Granati; Brunetti, Bandiera, De Mattia (1′st Spinosa); Torromino (41′st Tomazic); Perna, Ferretti (18′st De Lorentiis). A disposizione: De Miglio, Baldares, Zordan, Bidogia. Allenatore: Diego Zanin.
Note
Gol:Icona Goal.png
34′pt Ferretti (T); 46′st Rossi (C).
Ammoniti:Yellow card.png
Borriero, A. Ballarin, Romero, A. Boscolo, Sartorello, De Bortoli, Ferretti.
Espulsi:Red card.png
-
Angoli:Nuvola apps kmines.png
9-1 per il Chioggia Sottomarina.
Recupero:Nuvola apps ktimer.png
2'+6'.
Spettatori:Nuvola apps kdmconfig.png
1.000 circa, di cui una sessantina di Trevigiani nel settore ospiti.
Meteo:Nuvola apps kweather.png
Giornata soleggiata, terreno in discrete condizioni.
Varie:Nuvola apps package editors.png
Al 92′ allontanato il ds granata Patrizio Salviato per comportamento non regolamentare.

Chioggia Sottomarina-Treviso è la 16ª giornata del Campionato di Serie D (girone C) 2010/11, giocata domenica 12 dicembre 2010 alle ore 14.30.

Indice

Introduzione

L'avversario: Stemma chioggiasottomarina small.png Chioggia Sottomarina 

Inutile dirlo, peggior momento non c’era per affrontare questa difficile trasferta in laguna. Il Chioggia è una delle squadre più in forma del campionato, e lo stadio Ballarin da sempre rappresenta un campo difficile da espugnare. Lo dice la storia di questa gloriosa società, nata dalla fusione tra il Clodia e il Sottomarina, la seconda società con un passato in Serie C insieme al Treviso tra il 1968 e il 1971, rinato come Sottomarina Lido nel 2006, e affrontato dai biancocelesti in Eccellenza. Così, nel 1971 nasce una società nuova, che abbandona sia i colori sociali del Clodia (biancoazzurro) che del Sottomarina (neroverde), per adottare quelli granata in onore dei fratelli Aldo e Dino Ballarin, i due campioni del grande Torino scomparsi a Superga. Nella Serie D 1972/1973, dunque, il primo confronto tra il neonato Union Chioggia-Sottomarina e il Treviso, neoretrocesso dalla Serie C. In campionato il Treviso vinse al Tenni e pareggiò a Chioggia (vantaggio iniziale di Osellame), ma alla fine furono proprio i granata a sorridere vincendo il campionato davanti ai trevigiani. Le due compagini si ritrovarono due anni dopo, nella Serie C 1975/1976, una stagione che vide la prima e finora unica vittoria lagunare (2-1) sui biancocelesti. La stagione successiva, invece, segna il primo e finora unico successo del Treviso al Ballarin, grazie al gol siglato da Attilio Tesser. Sono passati oltre trent’anni da quell’ultimo precedente tra i professionisti, un sogno che i veneziani nelle ultime stagioni hanno sfiorato più volte. Lo scorso anno c’erano tutte le condizioni per farcela, ma lo spostamento nel girone D insieme a corazzate come Pisa e Carpi ha penalizzato i granata, la cui eventuale richiesta di ripescaggio, con ogni probabilità, sarebbe stata accolta visti i piazzamenti delle ultime stagioni e l’alto numero di squadra fallite. Ma la crisi societaria dovuta alla mancanza di sponsor ha indotto l’attuale presidente Levataci a rinunciare al sogno professionistico, mettendo in dubbio per qualche settimana la stessa iscrizione in Serie D. Alla fine tutto si è risolto, ma con un notevole ridimensionamento delle prospettive per la nuova stagione. In panchina è stato scelto il debuttante Marco Scarpa, negli ultimi tempi impegnato nel settore giovanile del Cittadella, e scelto proprio per fare da chioccia ai tanti giovani che hanno rimpolpato una rosa che nel mercato estivo ha salutato alcuni big. Su tutti il bomber Gambino, che due settimane fa ha lasciato il SandonàJesolo per accasarsi al Mantova, e il difensore Stocco, passato al Delta 2000. In compenso è stata salvaguardata l’intelaiatura dello scorso anno, composta dai difensori Borriero, Alberto Ballarin, il classe ’91 Boscolo Berto, e i centrocampisti Alessandro Ballarin e Romero. In difesa fondamentali gli arrivi di Rossi e Garbini, tornato a Chioggia dopo l’esperienza di Pordenone. In attacco largo ai sudamericani. Matias Ragusa, esploso due stagioni fa al Ballarin con i suoi 18 gol, è tornato dopo un’esperienza a metà tra Venezia e Gaeta, ma dopo un inizio difficile ha preso la via di Asti in cerca di maggiori fortune. E’ rimasto l’altro argentino, Josè Tartalo, che lo scorso gennaio era giunto a Treviso (segnando 3 gol) dopo due mesi passati proprio a Chioggia. La punta di diamante, invece, è Adriano Bernardes, lo scorso anno in Seconda Divisione con la Sangiustese. Il 24enne brasiliano è uno dei marcatori più prolifici della D con i suoi 12 gol, in realtà 16 se si contano i quattro messi a segno in Coppa Italia. In questa competizione il Chioggia ha fatto molta strada, conquistando i quarti finali dove affronterà il Perugia in una prestigiosissima gara unica in caso del grifone. Ottimo anche il rullino di marca in campionato, dove a dispetto dei pronostici estivi il Chioggia sta recitando un ruolo da protagonista, grazie anche al fattore Ballarin. I granata, infatti, non hanno mai perso in casa, almeno sul campo, e l’unica sconfitta interna risulta lo 0-3 a tavolino della prima giornata, contro l’Union Quinto (era finita 1-1). Quattro giorni fa, dopo il secco 3-0 casalingo al San Paolo Padova, il Chioggia ha pareggiato 2-2 a Torviscosa grazie ad una doppietta del solito Adriano.

Situazione interna

“Il Treviso è alla frutta”, questo il commento più diffuso tra i tifosi al termine del deludente turno infrasettimanale che l’ha visto pareggiare 0-0 con il Tamai, il terzo consecutivo. Per la prima volta il Treviso non ha vinto per tre gare di fila, e per la prima volta i nostri attaccanti sono rimasti all’asciutto per più di una partita. A complicar le cose in vista dell’impegno chioggiotto sono arrivate le squalifiche di due pedine fondamentali, Ferronato e Biagini. “Piove sul bagnato”, ci verrebbe da dire, ma dopo tante domeniche bagnate il big match del Ballarin dovrebbe giocarsi sotto il sole. Pesantissima, perché insostituibile, l’assenza del capitano, ammonito per un veniale fallo di mano all’inizio del match col Tamai. Ma più che le assenze, alle quali il Treviso in qualche occasione ha dimostrato di poter sopperire, a preoccupare maggiormente sono le condizioni fisiche della squadra. Il sofferto pareggio di tre giorni fa ha confermato le nostre impressioni, alcuni elementi imprescindibili di questa squadra hanno bisogno di rifiatare. Pensiamo a Bandiera, acciaccato e in tribuna contro il Tamai, o a Ferretti, apparso in pessime condizioni fin dal riscaldamento prepartita. Lo stesso Zanin, finora impeccabile, ha sbagliato insistendo sul bomber toscano e togliendo Perna, vicino al gol in due occasioni e apparso meno debilitato rispetto al compagno di reparto. Promossa la difesa e bocciato l’attacco, rispetto a Quinto anche il centrocampo è mancato all’appello. L’assenza di Bandiera ha pesato e non poco, anche perché il De Mattia degli ultimi tempi è lontano parente della diga delle prime partite della stagione. Spinosa, che continua a giocare in un ruolo che forse non gli si addice, fa parte del gruppo che tira la carretta da inizio anno, mentre Tomazic, che nel precampionato di aveva entusiasmato, non sembra ancora inserito negli schemi. Se Bandiera tornerà disponibile, probabile che lo sloveno entri in ballottaggio con De Mattia per un posto da titolare. Una bella gatta da pelare per mister Zanin, anche se gli ultimi arrivi potrebbero rivelarsi utili già da domani. Alessandro De Bortoli è arrivato prima del previsto, e potrebbe essere impiegato al fianco di Visintin (i due hanno già giocato insieme all’Itala San Marco) per sopperire alla squalifica di Biagini. L’attaccante Simone De Lorentiis, invece, può trovare spazio a partita in corso al posto di Ferretti o Perna. Del resto entrambi i neoacquisti hanno giocato con costanza in questa prima parte di campionato, segnando gol decisivi per Città di Concordia e Cuneo.

Precedenti

Questi i precedenti, considerando solo quelli post fusione tra Clodia e Sottomarina:

Campionato

In totale 6 incontri: 3 vittorie biancocelesti, una granata e due pareggi.

Coppa Italia

La partita

Il Treviso gioca una discreta partita a Chioggia ma anche questa volta, come 2 settimane fa a Oderzo, si fa rimontare negli ultimi minuti il gol di vantaggio siglato da Ferretti nel primo tempo. Pareggio tutto sommato giusto, anche se prendere gol al novantesimo è sempre una beffa. Di positivo nella giornata di oggi c’è la sconfitta di Veneziamestre e Rovigo, che però rimette in gioco il Sandonàjesolo. Zanin rispetto al pareggio casalingo con il Tamai opera 3 cambi nella formazione titolare: il neo-acquisto De Bortoli (ottima prova la sua) e Bandiera al posto dello squalificati Biagini e Ferronato, e Brunetti al posto di Spinosa.

Cronaca

Le pagelle di Chioggia Sottomarina-Treviso
Il Gazzettino it logo.png Tribuna di treviso logo.png
Sartorello 6,5 6,5
Cernuto 6,5 6,5
De Bortoli 6,5 7
Visintin 6 7,5
Granati 6 6
Brunetti 6,5 7
Bandiera 6 5,5
De Mattia 6 5
Spinosa 6 6
Torromino 6,5 5,5
Tomazic s.v. s.v.
Ferretti 6 7
De Lorentiis 6 5
Perna 6 5,5

Il Treviso parte forte e al 4° minuto con Perna, che in diagonale rasoterra di sinistro coglie il palo in pieno; a Ferretti non riesce il tap-in, ma l’attaccante di Ponsacco sarebbe comunque stato in fuorigioco. La paura scuote il Chioggiasottomarina, che dal 20' al 30' ha ben 3 occasioni per passare in vantaggio: prima con Adriano che di testa gira debolmente a lato un bel cross proveniente dalla sinistra, poi con un calcio di punizione dal limite laterale dell’area di rigore che Sartorello smanaccia in angolo e infine con una mischia incredibile in area, con i difensori del Treviso che per ben due volte respingono due tiri a colpo sicuro degli attaccanti granata. Quando il vantaggio del Chioggia sembra dell’area, ecco la grande squadra che viene fuori: lancio di Torromino per Ferretti che con un diagonale rasoterra infila il portiere del Chioggiasottomarina in uscita: 0-1 per il Treviso. 4 minuti dopo gli uomini di Zanin potrebbero addirittura raddoppiare. L’occasione è clamorosa: lancio di Ferretti per Perna, il portiere granata esce disperatamente ma il pallonetto dell’attaccante di San Giorgio a Cremano è alto di pochissimo; si va al riposo quindi sull’1-0 per il Treviso, ma il rammarico per l’occasione sprecata è grande.

Nel secondo tempo la partita la fa sostanzialmente il Chioggiasottomarina, che però prima dell’infuocato finale non crea molte occasioni, a parte un colpo di testa di Adriano alto di pochissimo. E’ anzi il Treviso a farsi vivo in contropiede un paio di volte dalle parti di Fornasier, prima con Torromino che lanciato in contropiede da un difensore del Chioggiasottomarina che da dietro gli sporca la palla e permette la parata del portiere in uscita; l’altra con Brunetti che conclude a rete e il tiro sembrerebbe anche buono, ma il suo diagonale viene rimpallato da un difensore granata. Negli ultimi dieci minuti il pressing del Chioggiasottomarina si fa sempre più forte, e dopo un paio di colpi di testa bloccati da un grande Sartorello, arriva il pareggio: Visintin rinvia la palla sui piedi di Rossi, che da circa 25 metri fa partire un diagonale che finisce nell’angolino, battendo l’incolpevole Sartorello. Il risultato non cambia più, nonostante ci siano ancora un paio di corner pericolosi per la porta del Treviso, che porta a casa un punto: in molti avrebbero firmato per un pari a inizio partita, ma per come si era messa sono sicuramente altri due punti persi.

Galleria

Collegamenti esterni

Note


Riepilogo partite stagionali

Treviso Foot-ball Club 1993 - Partite 2010/11
Campionato di Serie D (girone C)

(1) Sanvitese-Treviso • (2) Treviso-Montecchio Maggiore • (3) Belluno-Treviso • (4) Treviso-Montebelluna • (5) Rovigo-Treviso • (6) Treviso-Este • (7) Pordenone-Treviso • (8) Treviso-SandonàJesolo • (9) Kras Repen-Treviso • (10) Treviso-San Paolo Padova • (11) Torviscosa-Treviso • (12) Treviso-Unione Venezia • (13) Opitergina-Treviso • (14) Union Quinto-Treviso • (15) Treviso-Tamai • (16) Chioggia Sottomarina-Treviso • (17) Treviso-Città di Concordia • (18) Treviso-Sanvitese • (19) Montecchio Maggiore-Treviso • (20) Treviso-Belluno • (21) Montebelluna-Treviso • (22) Treviso-Rovigo • (23) Este-Treviso • (24) Treviso-Pordenone • (25) SandonàJesolo-Treviso • (26) Treviso-Kras Repen • (27) San Paolo Padova-Treviso • (28) Treviso-Torviscosa • (29) Unione Venezia-Treviso • (30) Treviso-Opitergina • (31) Treviso-Union Quinto • (32) Tamai-Treviso • (33) Treviso-Chioggia Sottomarina • (34) Città di Concordia-Treviso

Poule Scudetto di Serie D

Treviso-CuneoMantova-Treviso

Coppa Italia di Serie D

Trento-TrevisoSan Paolo Padova-Treviso

Amichevoli

Treviso-CareniPieviginaTreviso/A-Treviso/BVicenza/Primavera-TrevisoGiorgione-TrevisoUnion Sandonatese-TrevisoTreviso-PonzanoScorzè-Treviso

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti