Lecco-Treviso (25 marzo 2012)

Da Forza Treviso Enciclopedia.
Versione delle 00:17, 11 gen 2014, autore: Murdock (Discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Lecco-Treviso 0-2
Competizione:
Campionato di Seconda Divisione (girone A) Stagione: 2011/12
Giornata o turno:
trentaduesima giornata A/R: Andata
Luogo:Stadium.png
Lecco
Data:Nuvola apps date.png
domenica 25 marzo 2012
Arbitro:Arbitro fischietto.png
Colarossi di Roma.
Formazioni
Stemma lecco small.png Lecco :
(4-3-3)
Aprea; Tabbiani, Pizzuti, Merli Sala, Sciannamè; Galli (46' Valtulina, 64' Fall), D'Amico, Civilleri; Rebecchi, Fabbro (46' Temelin), Cavagna. A disposizione: Durandi, Ischia, Enow, Castelnuovo. Allenatore: Modica.
Stemma treviso small.png Treviso :
(4-3-1-2)
Campironi; Paoli (44' Panarelli), Visintin, Di Girolamo, Beccia; Maracchi, Giorico, Spinosa; Torromino (80' Malacarne); Perna, Gallon (82' Cherillo). A disposizione: Sartorello, Brunetti, Madiotto, Granati. Allenatore: Zanin.
Note
Gol:Icona Goal.png
36' Perna, 76' Torromino.
Ammoniti:Yellow card.png
Tabbiani e Rebecchi (L), Maracchi, Giorico, Panarelli (T).
Espulsi:Red card.png
-
Angoli:Nuvola apps kmines.png
6-3 per il Lecco.
Recupero:Nuvola apps ktimer.png
2'+3'.
Spettatori:Nuvola apps kdmconfig.png
1.200 circa.
Meteo:Nuvola apps kweather.png
Cielo nuvoloso con pioggia, temperatura gradevole, terreno in buone condizioni.
Varie:Nuvola apps package editors.png

Lecco-Treviso è la trentaduesima giornata (tredicesima giornata del girone di ritorno) del Campionato di Seconda Divisione (girone A) 2011/12, giocata domenica 25 marzo 2012.

Indice

Introduzione

Nella 32^ giornata, il Treviso va di scena a Lecco, con fischio di inizio alle ore 15.00.

L'avversario: Stemma lecco small.png Lecco 

Non inganni la classifica: il Lecco è una delle peggiori avversarie che poteva capitarci in questo momento. La compagine lecchese infatti sembrava spacciata dopo la fine del girone di andata, concluso con appena 16 punti; e, in effetti, anche il girone di ritorno era iniziato con appena 1 pareggio e 5 sconfitte nelle prime 6 giornate, che lasciavano presagire un mesto ritorno tra i dilettanti per la compagina bluceleste; nelle ultime giornate invece sono arrivate 4 vittorie, e il Lecco ha lasciato l'ultimo posto, andando ad occupare la terz'ultima posizione; il quart'ultimo posto, che garantirebbe lo spareggio play-out, dista 6 punti, non un'infinità considerato il passo tenuto dai lombardi nelle ultime partite, e considerato anche che il 22 aprile ci sarà un infuocatissimo derby Lecco-Mantova, che sarà probabilmente decisivo per evitare la retrocessione diretta.

Cos'è successo alla squadra del Presidente Sergio Invernizzi? Il mercato di gennaio ha portato un'autentica rivoluzione in riva al Lario, basti considerare che nell'ultima vittoriosa partita a Santarcangelo, più di metà squadra non era presente a settembre. L'allenatore Giacomo Modica, subentrato all'esonerato Maurizio Pellegrino, è uno degli artefici di questa rinascita bluceleste, avendo ottenuto 13 punti in 10 partite, ovvero da quando è a Lecco, e schiera la squadra con il 4-3-3. Il portiere è Aprea (1977, ex Grosseto in D, Tolentino, Cisco Roma e Spezia in C2, Ascoli, Fermana, Atletico Catania, Fermana, Lanciano, Sora, Sambenedettese, Fidelis Andria, Venezia e Spezia in C1), i due terzini sono, a destra Tabbiani (1979, ex Mestre, Trento e Cremonese in C2, Cremonese e Pisa in C1, Cremonese, Bari, Triestina in B), e a sinistra Sciannamè (1987, ex Primavera dell'Empoli, Rovigo e Melfi in C2 e Paganese in C1); al centro presidieranno la difesa Merli Sala (1989, ex Primavera del Treviso, Belluno e Viterbese in D, Cassino in C2, Foligno in C1) e Pizzuti (1990, confermato, ex Mantova in B), con l'alternativa Ischia (1978, ex Vis Pesaro, Frosinone, Rimini e Barletta in C1, Palazzolo in C2, Frosinone in B); il regista della squadra è Galli (1991, confermato per il terzo anno a Lecco), mentre le due mezz'ale sono Civilleri (1991, ex Primavera della Triestina e Foligno in C1) e D'Amico (1980, ex Chieti e Cavese in C2, Foggia, Gela e Cavese in C1, Empoli in B); davanti, in ballottaggio per il ruolo di punta centrale ci sono Fabbro (1984, ex Sevegliano, Manzanese, Pordenone, Sacilese, Rivignano, Tezze e Este in D, e Spal in C1) e Temelin (1976 ex Atalanta in A, Atalanta, Treviso e Messina in B, Spal, Pro Patria, Cremonese e Reggiana in C1, Solbiatese, Albinese e Pro Sesto in C2), mentre sugli esterni dovrebbero giocare Fall (1991, confermato, ex Bellaria) e Rebecchi (1983, confermato, ex Primavera dell'Inter, Genoa in B, Cremonese e Pescina in B, Lumezzane e Andria in A).

Situazione interna

Oltre ad una formazione di tutto rispetto e in un ottimo stato di forma, il Treviso troverà una vera e propria bolgia al Rigamonti Ceppi: domani infatti, lo stadio lecchese, già abbastanza caldo di suo, conterà su 2.000 spettatori, vista la giornata "in campo con le famiglie", con ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria; i presupposti per un'ennesima domenica di passione e sofferenza ci sono tutti, visto come la squadra ha giocato le ultime due partite casalinghe contro Bellaria e Valenzana. I giocatori biancocelesti sono sembrati scarichi, indietro di condizione e con il morale basso, un'eresia considerato che il Treviso si trova al 5° posto, saldamente in zona play-off (+6 sulla 7^) e con la possibilità di agganciare il duo di testa, che dista appena 4 punti: mollare proprio ora, quando si potrebbe centrare la seconda promozione in due anni, sarebbe veramente un peccato mortale. Mister Zanin, dopo la partita di mercoledì, in sala stampa nonostante la prestazione della squadra non sia stata assolutamente brillante ha parlato comunque di "squadra da elogiare" (e ci mancherebbe: 53 punti conquistati sul campo in 31 partite, un campionato al di sopra delle aspettative) e ha dato la colpa al caldo, al fatto che molti giocatori non sono in buone condizioni fisiche (ce n'eravamo accorti) e che molti giocatori hanno giocato quasi sempre. Certo, certo mister, siamo i primi a riconoscere sia i meriti di questa squadra, sia che il pubblico del Tenni, soprattutto quello dell'ultim'ora, è caratterialmente brontolone, criticone al limite della decenza, ma noi vogliamo semplicemente dire che non provare fino alla fine ad andare in C1, dopo essere stati tutta la stagione nei piani alti di questo girone, vorrebbe dire fare harakiri.

Domani a Lecco saranno assenti Bandiera e Ferretti, squalificati; scelte obbligate o quasi per mister Zanin, che davanti a Campironi schiererà Paoli (al posto di Cernuto, che nella partita contro la Valenzana ha accusato un risentimento agli adduttori; come alternativa c'è Brunetti) e il rientrante (dopo la squalifica) Beccia sugli esterni, Di Girolamo e Visintin al centro della difesa; a centrocampo è in dubbio Maracchi, uscito malconcio dal recupero infrasettimanale, quindi a fianco di Giorico, regista, ci dovrebbero essere Spinosa e Malacarne; davanti, vista la sopracitata assenza di Ferretti, dovrebbe partire Torromino, con Madiotto sempre più relegato in panchina, dietro Perna e Gallon.

La partita

La giornata, che a Treviso temevamo molto, si è conclusa in modo incredibilmente positivo: oltre alla vittoria netta del Treviso, in testa alla classifica il Casale ha perso a Savona, mentre San Marino, Cuneo e Rimini hanno pareggiato, permettendo così al Treviso di portarsi al 4° posto, scavalcando il Rimini e portandosi a 2 punti dalla capolista San Marino, e a 1 dal duo al secondo posto, formato da Cuneo e Casale. La vittoria di oggi è griffata da due scugnizzi che in questi due anni a Treviso hanno lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi: Massimo Perna, napoletano, e Giuseppe Torromino, crotonese. Come detto nell'articolo di presentazione alla gara, la vittoria oggi a Lecco era tutt'altro che scontata: i lecchesi avevano vinto 4 delle ultime 6 partite, e avevano rilanciato le loro speranze salvezza; la sfida di oggi era appunto cruciale anche per loro, visto che Montichiari e Mantova, attualmente in zona play-out, erano attese da due sfide difficili, rispettivamente contro San Marino e Rimini; invece, entrambe hanno pareggiato, e approfittando della sconfitta del Cuneo hanno portato il loro vantaggio sulla retrocessione diretta a 7 punti. Nel Treviso, Spinosa vince il ballottaggio con Malacarne e parte titolare a centrocampo assieme a Giorico e Maracchi; nel Lecco invece, Fabbro è il centravanti titolare, relegando l'ex Temelin in panchina.

Cronaca

Una azione di gioco

L'inizio del Lecco, come prevedibile, parte forte: dopo 2' Tabbiani serve Rebecchi, ma Campironi respinge il suo tiro; al 6' il Treviso ha un'occasionissima con Gallon, lesto a riprendere una corta respinta di Aprea su tiro di Perna, ma troppo impreciso, in quanto calcia la sfera oltre la traversa; all'11' il centravanti Fabbro, vecchia conoscenza del calcio dilettantistico veneto-furlano (avendo giocato per anni in serie D a Sevegliano, Manzanese, Pordenone, Sacilese, Rivignano, Tezze e Este), è bravo a liberarsi al tiro dal limite dell'area, ma il pallone finisce oltre la traversa; sei minuti più tardi, è Galli a liberarsi al tiro, ma Di Girolamo si immola, deviando la sfera con la testa fuori dallo specchio della porta; pochi minuti più tardi, Rebecchi ha la palla per cambiare la storia della partita e forse della stagione bluceleste, ma tutto solo davanti a Campironi tira troppo debolmente, permettendo al portiere trevigiano di deviare a lato; a questo punto il Treviso, dopo aver lasciato sfogare i padroni di casa, capisce che non è il caso di rischiare ulteriormente e prende in mano le redini dell'incontro. Prima Gallon in contropiede impegna severamente Aprea; poi al 35' il Treviso passa in vantaggio: bell'assist di Gallon per Perna che scatta sul filo del fuorigioco, si presenta davanti ad Aprea; quest'ultimo viene scavalcato da un tocco sotto dell'attaccante biancoceleste, alla sua 15a rete in campionato (la numero 17 in stagione, considerando anche le due reti in coppa). In extremis il Treviso potrebbe raddoppiare con Torromino, che da buonissima posizione si fa parare il suo tiro in extremis da Aprea.

Il secondo tempo inizia, e Modica cerca di dare una sterzata alla propria squadra, togliendo Fabbro e Gallo e inserendo al loro posto Temelin e Valtulina; nel primo quarto d'ora della ripresa, il Lecco compie lo sforzo massimo per cercare almeno di pareggiare la gara, creando un'occasione con Cavagna (conclusione di poco a lato) e Temelin (a tu per tu con Campironi tira addosso al portiere trevigiano); poi si fa vedere il Treviso, prima con una punizione di Torromino, di poco a lato, poi con un'entrataccia di Maracchi su Merli Sala, con conseguente ammonizione da parte dell'arbitro, tra le proteste del pubblico che voleva l'espulsione; poi, il neoentrato Fall tira a colpo sicuro, ma Giorico devia in angolo. Come nel primo tempo, anche nella seconda frazione il Treviso dopo aver fatto sfogare i locali, prende in mano le redini dell'incontro, e perviene al raddoppio con Torromino, che servito da Perna, dopo un grande controllo di sinistro dal limite dell'area piccola lascia partire un sinistro che non lascia scampo ad Aprea, chiudendo di fatto la gara. Nel finale di gara c'è solo da annotare l'orgoglio bluceleste, che prima con D'Amico (tiro bloccato da Campironi), poi con Temelin (colpo di testa sempre preda del portiere trevigiano) cerca, inutilmente, di dimezzare lo svantaggio; il Treviso nel finale potrebbe addirittura triplicare con Malacarne, che ha due occasioni per dilagare, ma nella prima spara a lato un bell'assist di Spinosa, mentre nella seconda è bravo Aprea a deviare a lato un suo diagonale.

Commenti

Finisce con i biancocelesti al settimo cielo: una vittoria netta, giusta nelle proporzioni e come già detto ad inizio della cronaca fondamentale ai fini della classifica. Ora sarà fondamentale tenere questo ritmo (4 vittorie e 3 pareggi nelle ultime 8 partite) per cercare di arrivare alla promozione diretta, impensabile dopo le tre sconfitte di fila a cavallo tra gennaio e febbraio; inutile star qui a ripensare ai punti persi sul campo (almeno 5-6) e fuori dal campo (2): il traguardo è lì, ad un passo, e il Treviso ha tutte le capacità, tecniche, fisiche e mentali per riuscire a bissare la promozione del passato campionato.

Risultati della 32^ giornata (25 marzo 2012)
  • Cuneo-Renate 1-1: 58’ rig. Gaeta (R), 94’ rig. Lodi (C)
  • Giacomense-Borgo a Buggiano 0-0
  • Lecco-Treviso 0-2: (36’ Perna (T), 76’ Torromino (T)
  • Montichiari-San Marino 1-1: 29' Lapadula (SM), 48' Muchetti (M)
  • Poggibonsi-Alessandria 2-1: 16’ rig. Pera (P), 28’ Boldrini (P), 57’ Nassi (A)
  • Pro Patria-Bellaria Igea Marina 0-0
  • Rimini-Mantova 0-0
  • Santarcangelo-Sambonifacese 2-1: 60' Brighenti (Sam), 65' Tonelli (San), 74' Fabbri (San)
  • Savona-Casale 1-0: 25’ rig. Buglio (S)
  • Valenzana-Virtus Entella 1-1: 47’ Lazzaro (VE), 48’ Miracoli (V)
Classifica alla 32^ giornata

San Marino 56 Cuneo 55 Casale 55 TREVISO 54 Rimini 53 Poggibonsi 48 Virtus Entella 46 Santarcangelo 46 Pro Patria 44 Borgo a Buggiano 44 Alessandria 42 Renate 42 Bellaria 38 Savona 38 Giacomense 37 Mantova 34 Montichiari 33 Lecco 26 Sambonifacese 25 Valenzana 23

Collegamenti esterni

Note


Riepilogo partite stagionali

Treviso Football Club - Partite 2011/12
Campionato di Seconda Divisione (girone A)

(1) Poggibonsi-Treviso • (2) Treviso-Savona • (3) Treviso-San Marino • (4) Renate-Treviso • (5) Treviso-Borgo a Buggiano • (6) Valenzana-Treviso • (7) Treviso-Pro Patria • (8) Alessandria-Treviso • (9) Treviso-Mantova • (10) Casale-Treviso • (11) Treviso-Rimini • (12) Bellaria Igea Marina-Treviso • (13) Treviso-Lecco • (14) Giacomense-Treviso • (15) Treviso-Santarcangelo • (16) Sambonifacese-Treviso • (17) Treviso-Cuneo • (18) Virtus Entella-Treviso • (19) Treviso-Montichiari • (20) Treviso-Poggibonsi • (21) Savona-Treviso • (22) San Marino-Treviso • (23) Treviso-Renate • (24) Borgo a Buggiano-Treviso • (25) Treviso-Valenzana • (26) Pro Patria-Treviso • (27) Treviso-Alessandria • (28) Mantova-Treviso • (29) Treviso-Casale • (30) Rimini-Treviso • (31) Treviso-Bellaria Igea Marina • (32) Lecco-Treviso • (33) Treviso-Giacomense • (34) Santarcangelo-Treviso • (35) Treviso-Sambonifacese • (36) Cuneo-Treviso • (37) Treviso-Virtus Entella • (38) Montichiari-Treviso

Supercoppa di Seconda Divisione

Treviso-PerugiaPerugia-Treviso

Coppa Italia Lega Pro

Spal-TrevisoTreviso-BassanoGiacomense-TrevisoTreviso-RiminiTreviso-TriestinaTreviso-Carpi

Amichevoli

Fiorentina-TrevisoLongarone-TrevisoCagliari-TrevisoConegliano-TrevisoTreviso-GISS

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti