Rossano-Treviso (9 febbraio 2014)

Da Forza Treviso Enciclopedia.
Rossano-Treviso 1-0
Competizione:
Campionato di Promozione Veneto (girone B) Stagione: 2013/14
Giornata o turno:
20ª giornata A/R: Andata
Luogo:Stadium.png
Rossano Veneto, VI
Data:Nuvola apps date.png
domenica 9 febbraio 2014
Arbitro:Arbitro fischietto.png
Munerati di Rovigo.
Formazioni
Stemma rossano small.png Rossano :
Battagello, Zurlo (pt 32' Baggio F.), Sandri (st 25' Visentin), Asomaila, Parolin, Bizzotto, Zanotto, Loro, Hannioui, Sandro (st 32' Guarise), Baggio S. Allenatore: Della Valentina.
Stemma treviso small.png Treviso :
Bortolin, Orfino, Pilotto, Marangon, Ton, La Cagnina, Del Papa (st 11' Fonti), Livotto, Gnago, Dal Compare, Bidogia (st 24' Mensah F.). Allenatore: Tentoni.
Note
Gol:Icona Goal.png
st 27' Hannioui
Ammoniti:Yellow card.png
Asomaila, Ton, Dal Compare.
Espulsi:Red card.png
Marangon.
Angoli:Nuvola apps kmines.png
Recupero:Nuvola apps ktimer.png
Spettatori:Nuvola apps kdmconfig.png
Meteo:Nuvola apps kweather.png
Varie:Nuvola apps package editors.png

Rossano-Treviso è la 20ª giornata (5ª giornata del girone di ritorno) del Campionato di Promozione Veneto (girone B) 2013/14, giocata domenica 9 febbraio 2014.

Indice

Introduzione

Questa volta, tempo permettendo, dovrebbe essere la volta buona. Il Treviso tornerà in campo per la prima volta dopo il caos seguito alla sconfitta di Cornedo. C’è grande attesa per il debutto del nuovo allenatore Davide Tentoni, che grazie al diluvio di queste settimane è riuscito a guadagnare qualche giorno in più per conoscere la truppa biancoceleste. Dopo le opache prestazioni di inizio 2014, vedremo se la condizione è migliorata o se i carichi natalizi non sono ancora stati assorbiti del tutto. La speranza è di vedere un Treviso più brillante, magari con qualche giocatore chiave recuperato dopo gli acciacchi fisici lamentati contro Loreggia e Cornedo.

Anche perché adesso l’obiettivo dichiarato della società è chiaro: vincere il campionato. Questo ha fatto intendere Walter Frandoli motivando l’esonero di Piovanelli e l’ingaggio di Tentoni. Ne prendiamo atto, anche se fin da questa estate abbiamo sostenuto che in queste categorie, anche in presenza di un organico inferiore alla concorrenza, l’obiettivo del Treviso deve essere la vittoria del campionato. Insomma, il Treviso, nonostante i tanti problemi e la classifica deficitaria, non si nasconde più, a differenza di qualche avversaria. Continuiamo infatti a leggere riferimenti (talvolta talmente ripetitivi ed espliciti da sembrare provocatori) a un Treviso strafavorito in quanto squadra corazzata costruita per ammazzare il campionato. Il Treviso, forse, potrò anche cambiare marcia e ribaltare la classifica, ma per ora parliamo di una società nata a inizio agosto, di una squadra che ha iniziato ad allenarsi a due settimane dall’inizio del campionato, e alla prima giornata di campionato si è presentata a Loreggia con un paio di ragazzini in panchina. Man mano la squadra si è rafforzata, ma le difficoltà non sono mancate, come dimostra il -9 dalla vetta di fine novembre. Essere ora a -5 dalla vetta con 13 partite da giocare è un mezzo miracolo, visti i tanti problemi affrontati. Meno miracolose invece le prestazioni di squadra già rodate come l’Eurocalcio Cassola, per non parlare della vera corazzata del girone, la Godigese. Inizialmente etichettata come sorpresa in quanto neopromossa (così l’aveva giudicata anche noi, complice la scarsa conoscenza della categoria), la squadra castellana è in realtà l’organico più completo e forte del girone B, anche senza Marchesan (capitano del Cittadella in Serie C e B). Il Treviso dovrà tornare al più presto quello di dicembre, altrimenti la vera ammazzacampionato potrebbe scappare e diventare irraggiungibile, rendendo inutile il derby di inizio maggio.

L’inizio, come diremo in seguito, non sembra in discesa. Il Treviso peraltro dovrà fare a meno per due giornate di un elemento fondamentale come Marco Giuliato, unico centrocampista di interdizione presente in rosa. Sarà assente a Rossano, ma anche nella sfida a porte chiuse contro il Mussolente. La sua assenza va a colpire un reparto che abbonda di esterni offensivi ma manca, peraltro, di un vero metronomo. La società aveva affidato le chiavi al deludente Luca Di Prisco, lasciato andare senza rimpianti a dicembre. C’è spazio per qualche altro arrivo, o l’ingaggio di un altro allenatore (e l’aumento delle uscite) ha definitivamente cancellato questa possibilità? Per ora Tentoni dovrà lavorare sullo spirito, partendo dalla base di una squadra che vanta il miglior attacco e la miglior difesa. Talentuosa, giovane ma anche un po’ inesperta e troppo spesso vittima di banali ingenuità.

I tifosi incrociano le dita sperando in un’altra vittoria, sicuramente meno illusoria di quella ottenuta nel dicembre 2009 in Eccellenza. Allora il Treviso di Giorgio Rumignani, dimessosi qualche settimana dopo di fronte alla crisi irreversibile della squadra, aveva espugnato Rossano con i gol di Marco Romano e Julio Sagna.

L'avversario: Stemma rossano small.png Rossano 

Il Rossano dopo la lezione di Cornedo... I colori sono gli stessi (gialloblu), la posizione in classifica, quasi. Ma se il Cornedo è riuscito quasi ad acciuffare la zona salvezza, il Rossano è ancora impantanato sul fondo della classifica. A dicembre la squadra aveva compiuto un balzo verso la zona play-out espugnando a sorpresa il campo della capolista Eurocalcio Cassola, ripetendosi all’ultima giornata, in casa, contro l’Azzurra Sandrigo. Ma nei giorni successivi il doppio successo era sembrato il canto del cigno di una squadra (e una società) sull’orlo del baratro. Negli ultimi giorni del calciomercato, a fronte dei problemi economici patiti fin dall’estate, la dirigenza aveva optato per il taglio dei “rimborsi spese” più pesanti: il portiere Dissegna, i difensori Mazzuccato e Gemo, i centrocampisti Pavan e Nicoletti e gli attaccanti Baggio e Dalla Gasperina. E a inizio mese se n’erano già andati l’attaccante Pasquetti e il centrocampista Memedovski. Sono rimasti i più giovani, in particolare i fuori quota compresi tra il 1993 e il 1995, mentre altri giovanissimi sono rientrati dai prestiti nelle squadre di categoria inferiore. Una squadra sostanzialmente smantellata, eppure nelle due partite di ritorno il Rossano formato “under 20” si è difeso con onore. In classifica è ancora ultimo, con peggior attacco (17 gol), peggior difesa (34 gol) e differenza reti (-17), ma in campo ha messo in difficoltà due big. Nel nebbione della prima di ritorno la Godigese è rimasta bloccato sullo 0-0 per un’ora, mentre nel recupero della gara ha piegato la resistenza dei locali solo con un rigore nel primo tempo. Due settimane fa per poco non arriva il successo sul Caldogno Rettorgole (1-1), che a fatica è riuscito ad evitare una sconfitta. Insomma, a due settimane dallo scivolone di Cornedo un’altra trasferta facile solo in apparenza per i biancocelesti, che faranno bene a dimenticare il tennistico 6-1 dell’andata.

La partita

Le pagelle di Rossano-Treviso
Il Gazzettino it logo.png
Bortolin 6,5
Orfino 6,5
Pilotto 6
Marangon 5
Ton 5
La Cagnina 5,5
Del Papa 6
Fonti 6
Livotto 6
Gnago 5,5
Dal Compare 5
Bidogia 5
Mensah F. 6
Tentoni

Si riparte? Sì, per tornare indietro. L’effetto Tentoni, o meglio, effetto Sartori, si vede subito: peggior Treviso della stagione e sconfitta meritata in casa dell’ormai ex fanalino di coda Rossano, trascinato da un gran gol di Hannioui. I vicentini, dopo le ottime prestazioni con Godigese (sconfitta di misura) e Caldogno Rettorgole (1-1 dopo essere passato in vantaggio), fanno lo sgombetto a un’altra big e a fine partita incassa anche gli applausi della tifoseria trevigiana. In un campo ai limiti della praticabilità, che finisce per annullare il divario tecnico, i padroni di casa giocano una gara di grande intensità. Sempre primi sul pallone in ogni zona del campo, sempre pronti a ripartire con letali contropiedi e a presentarsi nell’area avversaria con pochi tocchi. Biancocelesti semplicemente imbarazzanti: lenti, macchinosi, senza idee, a tratti irritanti. Sottotono nel primo tempo, un disastro totale nella ripresa, e non solo per l’espusione (doppio gialllo) di Marangon. E quando si presenta l’occasione per segnare, i nostri sbagliano l’impossibile con l’irriconoscibile Gnago (due tiri alle stelle solo davanti al portiere).

Come avevamo previsto, questa squadra non aveva bisogno di un nuovo allenatore. Tuttavia siamo certi che nessuno si piegherà ammettendo che l’esonero di Piovanelli è stata solo un futile vendetta personale, che peraltro ha avuto l’effetto di destabilizzare uno spogliatoio già nervoso dopo i fatti di Cornedo. E adesso sembra proprio finita. Ci riferiamo, chiaramente, alla vittoria del campionato. La vetta è nuovamente lontana, 8 punti, ma stavolta la rimonta sembra impossibile, visto che adesso in testa c’è la squadra “giusta”: non più il Sarcedo o l’Eurocalcio Cassola, ma la Godigese. L’organico più forte del campionato, dopo una prima parte di campionato fatta di alti e bassi ha finalmente trovato una quadratura e sembra in fuga. Oggi terzo 1-0 di fila esterno (Rossano, Summania e Nove Stefani), settima vittoria nelle ultime otto partite. Unico passo falso al Tenni, contro il migliore Treviso della stagione. Un giorno, chissà, forse lo rivedremo, ma probabilmente sarà troppo tardi. La squadra, approfittando delle serie negative di Sarcedo ed Eurocalcio Cassola, aveva chiuso l’andata tornando in piena corsa per il primo posto, ma il 2014 è stato un autentico disastro. Vittoria striminzita e fortunosa con il Loreggia al Tenni, sconfitte a Cornedo e Rossano: le ultime tre della classifica! E adesso sono a rischio anche i play-off, visto che a soli due punti dal Treviso c’è il Mussolente, prossimo avversario nel Tenni a porte chiuse. Si rischia grosso, anche perché oltre al sempre troppo nervoso capitan Ton (ammonito, era in diffida, ma a suon di inutili proteste ha rischiato anche il rosso) mancheranno Giuliato (che deve ancora scontare la seconda delle due giornate rimediate a Cornedo) e Marangon (espulso oggi). Praticamente il centrocampo titolare. Livotto a parte, il Treviso non ha altri centrocampisi centrali. Facciamo la danza della pioggia e speriamo in un altro rinvio? C’era bisogno come il pane di un metronomo con una certa esperienza da affiancare a Giuliato, ma evidentemente qualcuno ha preferito optare per un inutile cambio di allenatore. La colpa di questa sconfitta non si può certo imputare al nuovo allenatore, ma ai giocatori e a chi, in società, ha anteposto l’orgoglio personale al bene del Treviso. Complimenti a tutti.

Galleria

Riepilogo 20ª giornata

Risultati Classifica Prossimo turno
  • Ambrosiana Tr. - Sarcedo 0 - 0
  • Azzurra Sandr. - Petra Malo 1 - 0
  • Campigo - Loreggia 1 - 0
  • Cartigliano - Eurocalcio 1 - 1
  • Mussolente - Cornedo 3 - 1
  • Nove Stefani - Godigese 0 - 1
  • Rossano 2004 - Treviso 1 - 0
  • Summania - Caldogno Rett. 1 - 1



Collegamenti esterni

Note


Riepilogo partite stagionali

A.C.D. Treviso - Partite 2013/14
Campionato di Promozione Veneto (girone B)

(1) Loreggia-Treviso • (2) Treviso-Caldogno Rettorgole • (3) Treviso-Cornedo • (4) Cartigliano-Treviso • (5) Treviso-Rossano • (6) Mussolente-Treviso • (7) Treviso-Summania • (8) Campigo-Treviso • (9) Treviso-Nove • (10) Ambrosiana Trebaseleghe-Treviso • (11) Treviso-Eurocalcio Cassola • (12) Sandrigo-Treviso • (13) Treviso-Petra Malo • (14) Sarcedo-Treviso • (15) Treviso-Godigese • (16) Treviso-Loreggia • (17) Caldogno Rettorgole-Treviso • (18) Cornedo-Treviso • (19) Treviso-Cartigliano • (20) Rossano-Treviso • (21) Treviso-Mussolente • (22) Summania-Treviso • (23) Treviso-Campigo • (24) Nove-Treviso • (25) Treviso-Ambrosiana Trebaseleghe • (26) Eurocalcio Cassola-Treviso • (27) Treviso-Sandrigo • (28) Petra Malo-Treviso • (29) Treviso-Sarcedo • (30) Godigese-Treviso

Play-off di Promozione Veneto (girone B)

Treviso-Eurocalcio CassolaGodigese-TrevisoTreviso-Benaco BardolinoPassarella-Treviso

Amichevoli

Suseganese-TrevisoTreviso-Union QuintoTreviso-FontaneTeam Biancorossi-TrevisoFossalta di Piave-TrevisoScorzè-TrevisoGazzera Olimpia Chirignago-TrevisoUnion Pro Mogliano Preganziol-TrevisoLiventina Gorghense/Juniores-Treviso

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti