Simone Piovanelli

Da Forza Treviso Enciclopedia.
Simone Piovanelli
Treviso-Godigese (15 dicembre 2013) 04.jpg
Dati anagrafici
Nome: Simone Piovanelli
Paese: FileFlag of Italy.png Italia
Dati agonistici
Ruolo: Attaccante
Allenatore
Altezza: cm
Peso: kg
Carriera
Stagione Squadra Campionato
Giocatore
1985/86 Stemma treviso small.png Treviso  C2 19 (4)
1986/87 Stemma treviso small.png Treviso  C2 30 (4)
Allenatore
2013/14 Stemma treviso small.png Treviso  Promozione

Simone Piovanelli (Firenze, 27 ottobre 1962 - , ) è un ex calciatore italiano nel ruolo di attaccante del Treviso Calcio dal 1985 al 1987 ed allenatore del Treviso Calcio nella stagione 2013/14.

Indice

Bio

Piovanelli è stato un attaccante biancoceleste dall’85 all’87 in C2 (per lui 49 presenze e 8 reti in 2 stagioni, oltre a 14 presenze e 4 reti in Coppa). Esordio in Novara-Treviso (0-1).

Da allenatore ha lavorato a Fontanafredda, Godega, Codognè, Oderzo (con promozione in Eccellenza), due anni a Vittorio Veneto, Prata di Pordenone e Mansuè.

Soprannominato Kojak (come il tenente della celebre serie televisiva anni ’70), il 13 agosto Piovanelli ha trovato l’accordo con la società trevigiana, superando gli altri allenatori in lizza, ovvero l’ex biancoceleste Sandro Lenisa e Stefano Realini. Le prime dichiarazioni del nuovo mister: «Non è stato facile metterci d’accordo, io e la società, c’era qualche problema da risolvere, compreso quello del mio lavoro, da conciliare con gli allenamenti al pomeriggio, sperando anche di non avere problemi a reperire i giocatori. Ma alla fine ci siamo trovati: da parte mia c’era la voglia di allenare una piazza importante come Treviso: è dall’85 che sono qua, ormai mi sento trevigiano. Inoltre ci metto l’amicizia con i dirigenti e la voglia di far bene. Riguardo la squadra, dovremo trovare giocatori studenti o che lavorano part time: in questo modo le scelte saranno ancora più ristrette». E sull'atteggiamento tattico del suo Treviso non ha dubbi: «Tutti oggi si riempiono la bocca di moduli e tattiche, io dico semplicemente che il mio è un calcio offensivo e dinamico, poi dipenderà anche dalla squadra che avrò a disposizione e dagli avversari. Capisco che la Promozione non è una categoria altissima, ma cercheremo pian piano di creare un certo entusiasmo».

Inizio stagione altalenante, con la squadra a ridosso della zona playoff. Riesci finalmente a trovare la quadra a dicembre, dove inanella un filotto di 4 vittorie consecutive. Gli è fatale però la sconfitta di misura rimediata con il Cornedo per 2-1 a metà gennaio 2014. “La società comunica di aver sollevato dall’incarico di allenatore responsabile della prima squadra per la stagione sportiva 2013/14 il sig. Simone Piovanelli, ritenendo necessario un cambio tecnico alla luce delle ultime prestazioni non corrispondenti alle aspettative. Si ringrazia il suddetto sig. Piovanelli per l’operato svolto auspicandogli in futuro ogni fortuna”. Con questo scarno comunicato, pubblicato da radio Veneto Uno, il neo presidente Edy Sartori ha esonerato Simone Piovanelli. Se ne va anche il direttore sportivo, l’agente Fifa Andrea Zamprogno. Più che a una scelta tecnica sembra però un regolamento dei conti, visti i contrasti a mezzo stampa tra Sartori e Piovanelli risalenti allo scorso autunno. Contattato da venetogol, mister “Kojak” ha espresso la propria amarezza per l’esonero: «Ho ricevuto la chiamata da parte del “direttore “ Walter Frandoli, che mi comunicava la decisione della società presa nella serata post-gara di sollevarmi dall’incarico. Io ho chiesto le motivazioni e dall’altra parte del telefono mi sono sentito dire: è la mancanza (o carenza) di risultati. La motivazione mi ha lasciato allibito perché prima della sconfitta di Cornedo di 24 ore fa, la squadra aveva inanellato quattro vittorie, vincendo sul campo della vice-capolista Sarcedo e poi dimostrando l’ottimo crescendo battendo pure la Godigese, da ieri neo-capolista del girone B. Con 12 gol fatti (3 di media a gara) e solo 2 al passivo la squadra aveva dimostrato oltretutto di aver trovato il passo ideale per rosicchiare terreno alle battistrada, ma al primo incidente di percorso si è arrivati a questa svolta che nel calcio va di moda... Vivo con amarezza questo mio distacco, ma non mi stupisco perchè negli ultimi due anni ne ho visto di tutti i colori. Mi metto da parte e lo faccio in assoluta serenità. Ringrazio i ragazzi per l’impegno, l’applicazione e la dedizione dimostrata in questi cinque mesi. A loro va il mio “in bocca al lupo”».

Galleria

Note


Collegamenti esterni

Riepilogo rose

Template:Rosa 1985/86 Template:Rosa 1986/87

A.C.D. Treviso - Rosa 2013/14

BalzanBidogiaBortolinDa TosDal CompareDel PapaDi PriscoEspositoFagrouchFilippettoFontiGiuliatoGiuriatiGnagoLa CagninaLivottoMarangonMendyMensah A.Mensah F.OrfinoPillonPilottoQuell'ErbaTonVincenziVioViteriZamunerZogajAllenatore: PiovanelliTentoni

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti