Treviso-Alessandria (26 febbraio 2012)

Da Forza Treviso Enciclopedia.
Treviso-Alessandria 3-1
Competizione:
Campionato di Seconda Divisione (girone A) Stagione: 2011/12
Giornata o turno:
ventisettesima giornata A/R:
Luogo:Stadium.png
Stadio Omobono Tenni di Treviso
Data:Nuvola apps date.png
domenica 26 febbraio 2012
Arbitro:Arbitro fischietto.png
Giuseppe Cifelli di Campobasso.
Formazioni
Stemma treviso small.png Treviso :
Campironi; Cernuto, Paoli; Bandiera, Biagini, Di Girolamo; Maracchi (73' Stentardo), Giorico, Ferretti (64' Gallon), Torromino, Malacarne (53' Beccia). A disposizione: Santorello, Brunetti, Spinosa, Del Grande. Allenatore: Zanin.
Stemma alessandria small.png Alessandria :
Servili; Marchetti (55' Negrini), Sabato; Cammaroto (Cap.), Cusaro, Segarelli; Santoni (83' Motta), Roselli, Fanucchi, Nocciola (46' Artico), Floriano. A disposizione: De Marco, Scarabelli, Giardina, Barrichello. Allenatore: Sonzogni.
Note
Gol:Icona Goal.png
38' Maracchi (T); 41' Malacarne (T); 49' Di Girolamo (T); 75' Santoni (A).
Ammoniti:Yellow card.png
23' Roselli (A), 51' Cusaro (A), 75' Cernuto (T), 86' Motta (A).
Espulsi:Red card.png
92' Sabato (A).
Angoli:Nuvola apps kmines.png
3-3.
Recupero:Nuvola apps ktimer.png
Spettatori:Nuvola apps kdmconfig.png
734 (451 paganti + 283 abbonati).
Meteo:Nuvola apps kweather.png
Giornata di sole, campo in discrete condizioni.
Varie:Nuvola apps package editors.png

Treviso-Alessandria è la ventisettesima giornata (ottava giornata del girone di ritorno) del Campionato di Seconda Divisione (girone A) 2011/12, giocata domenica 26 febbraio 2012.

Indice

Introduzione

Dopo quasi un mese di assenza dal Tenni, il Treviso torna in campo nell'ostico match contro l'Alessandria; calcio d'inizio domenica ore 14.30.

L'avversario: Stemma alessandria small.png Alessandria 

Lo dicevamo in fase di presentazione del posticipo della scorsa settimana contro la Pro Patria: i bustocchi, assieme al San Marino e all'Alessandria, sono la squadra più in forma del campionato. Spesso i numeri non rendono bene l'idea del tipo di campionato che una squadra sta facendo, ma nel caso dell'Alessandria si può tranquillamente parlare di differenza abissale tra il girone di andata (21 punti in 19 partite, frutto di 5 vittorie, 6 pareggi e ben 8 sconfitte), e il girone di ritorno (15 punti in 7 partite, grazie a 4 vittorie e 3 pareggi): è evidente come nel 2012, la squadra oltre che a essere imbattuta, ha decisamente cambiato marcia; aggiungiamoci poi che in queste prime 7 partite di inizio anno, la squadra ha affrontato 4 delle prime 6 della classe, dovendo ancora affrontare solo il San Marino, e appunto il Treviso.

Permetteteci di fare un appunto personale: in un'epoca in cui gli allenatori vengono esonerati perchè la squadra non rende, quando spesso sono proprio i giocatori viziati a giocare contro il proprio mister, l'Alessandria ha avuto il coraggio di cambiare molto a gennaio, tenendo come base di partenza mister Sonzogni. Via quindi chi aveva reso sotto le aspettative (Cianco, Barbagli, Martini e Degano), dentro nuovi giocatori, più motivati. Così, dopo essere stati per lungo tempo nella zona "calda" della classifica, ora i grigi si trovano al 10° posto, a soli 5 punti dalla Virtus Entella, che occupa l'ultimo posto disponibile per i play-off; non dimentichiamoci inoltre che l'Alessandria è stata penalizzata di 2 punti.

Sonzogni è solito schierare la squadra con un disciplinato 4-4-2; il portiere è Servili (classe 1975, ex Teramo e Alto Adige in C2, all'Alessandria dal 2008), i laterali difensivi sono Marchetti (1988, acquistato a gennaio dalla Carrarese, ex anche del Legnano e del Casale) a destra e Sabato (1987, ex Boca San Lazzaro e Giacomense in D, Pizzighettone in C2 e Ravenna per 3 anni in C1) a sinistra, mentre i due centrali sono Cusaro (1984, ex Novara, Valenzana, Foligno, Bellaria e Monza in C, Cesena in B, è arrivato ad Alessandria a gennaio) e Cammaroto (1983, ex Verbania e Vado in D, all'Alessandria dal 2007); a centrocampo sulle fasce agiranno Santoni (1989, ex Primavera del Torino, Canavese e Pro Vercelli, anche lui acquisto del mercato invernale) e Floriano (1986, acquisto di gennaio, ex Primavera dell'Inter, poi Seregno e Colognese in D e Tritium in C2 e C1) con al centro il nostro ex Roselli (1983, ex Sampdoria e Treviso in A, Arezzo in B, Spal, Arezzo, Ravenna, Legnago e Cosenza in C1) e Segarelli (1978, ex Cesena in B, Vis Pesaro, Padova, Foligno in C1, Ancona e Foligno in C2); in attacco, mancando Nassi, è sicura la presenza di Fanucchi (1981, l'anno scorso tra Empoli in B e Pisa in C1, dove ha realizzato ben 9 gol in 14 partite; ex di Prato, Larcianese, Figline, quest'anno è a quota 5 gol), mentre Motta (1980, ex Albinoleffe e Ivrea in C1, Rodegno, Nuova Albano, Brescello e Chiari in D) e capitan Artico (1973, ad Alessandria dal 2007, 58 gol in 137 partite, prima al Piacenza, Pescara e Messina in B, Spal e Pro Patria in C1 e Ivrea in C2) si giocheranno il restante posto. Non ci siamo dimenticati gli under: la squadra piemontese non li ha mai utilizzati finora.

Situazione interna

Lo possiamo dire chiaramente: nonostante l'arrabbiatura per il gol subito a 10' dalla fine, il posticipo di lunedì sera ha ridato speranza ai tifosi biancocelesti, dopo il periodo nero iniziato con il pareggio subito in extremis a Savona; la squadra ha giocato bene (e questa è una novità) e soprattutto è tornata a fare punti. Ora però c'è un altro banco di prova durissimo, e il perentorio 4-1 dell'andata sembra in questo momento un lontano ricordo.

Domani mancherà nuovamente Perna, all'ultima delle 3 giornate di squalifica; ritornerà a disposizione Torromino, che farà coppia con Ferretti, probabilmente con Giorico schierato dietro le punte come nelle ultime partite; a centrocampo probabile conferma per Bandiera al centro, con Maracchi e Malacarne sugli interni; in porta probabile riconferma per Campironi, che a Busto Arsizio ha giocato una buona partita, lasciando intravedere delle ottime potenzialità, mentre in difesa dovrebbe recuperare Beccia, fuori nelle ultime partite a causa di un fastidio al ginocchio; a destra giocherà Cernuto, al centro Biagini e Di Girolamo.

Ritornato a segnare l'attacco, in settimana mister Zanin ha dovuto probabilmente aggiustare qualcosa nella retroguardia: i due gol presi lunedì sera erano sicuramente evitabili, soprattutto il secondo, e quello che era il punto di forza dei biancocelesti (9 volte premio porta imbattuta nelle prime 20 giornate), ultimamente sta evidenziando preoccupanti lacune: il Treviso prende infatti gol da 5 partite consecutive: un'eternità, considerando come ci avevano abituato Biagini e company. Riguardo la mediana, l'esperimento di Giorico dietro le punte sta dando i risultati sperati: dopo un periodo di appannamento, dovuto probabilmente al fatto che nel ruolo di play-maker davanti alla difesa, il sardo non aveva più la libertà di inizio stagione, il fantasista sta tornando sui suoi consueti livelli.

Precedenti

La partita

Che la strada intrapresa contro la Pro Patria fosse quella giusta, lo avevamo previsto nel nostro prepartita; che il Treviso avesse vita così facile contro l'Alessandria, trovandosi sul 3-0 dopo poco più di un tempo, beh, questo era veramente difficile prevederlo. Un Treviso alla "vecchia maniera" di quello che piace a noi, bel gioco ma soprattutto una squadra con le palle quadrate, che lotta su tutti i palloni e che arriva prima degli avversari sulla palla; solo 734 spettatori oggi al Tenni, ma in questa bella domenica di fine febbraio chi ha rinunciato al giretto a Jesolo col gelato in mano non è sicuramente rimasto deluso. Zanin recupera Beccia, ma il titolare sulla corsia sinistra è sempre Paoli; per il resto, tutto come previsto, con Giorico a supporto del tandem d'attacco Torromino-Ferretti.

Cronaca

Una azione di gioco

I primi 20 minuti sono chiaramente di studio, con le due squadre che, sapendo dell'importanza della partita, non vogliono scoprirsi. Dopo circa 20' minuti però è il Treviso a prendere decisamente il comando delle operazioni, e i biancocelesti iniziano a farsi pericolosi dalle parti di Servili. Man of the match, a nostro avviso senza grosse discussioni, nonostante non abbia segnato oggi, è Giuseppe Torromino: prima costringe al giallo Roselli, che lo atterra con un brutto fallo; poi, dopo essersi visto annullare un gol per fuorigioco (colpo di testa su cross dalla destra), inizia a sfornare assist a destra e a sinistra. Prima serve Maracchi, che dal limite dell'area lascia partire un bel destro, potente, ma troppo centrale e quindi il pallone viene afferrato in presa bassa da Servili; poi serve nuovamente Maracchi in area, dopo un calcio d'angolo battuto dalla destra, e questa volta il centrocampista triestino porta in vantaggio i biancocelesti, infilando la palla nell'angolino alla destra di Servili: 1-0. Infine, con uno splendido colpo di tacco, libera Malacarne, che riceve palla in area di rigore, leggermente defilato sulla sinistra, conclusione mancina, palla prima sul palo, poi in rete: 2-0, e pubblico in visibilio; prima di questo doppio assist vincente, Torromino aveva ricevuto palla fermandola con uno stop a seguire di tacco-esterno al volo e conclusione di sinistro purtroppo alta sopra la traversa: sarebbe stato il gol dell'anno, in coabitazione con gli eurogol visti in casa contro il Savona e a Chiavari. Si va quindi al riposo sul risultato di 2-0: risultato decisamente meritato per i biancocelesti, con l'Alessandria che non ha prodotto veramente nulla di interessante.

Inizia la ripresa, e dopo 4 minuti il Treviso passa nuovamente: calcio d'angolo dalla sinistra della porta piemontese, e stacco clamoroso di Di Girolamo che resta in area una buona frazione di secondo in più rispetto al suo marcatore, insaccando di testa nell'angolino basso. Indovinate chi ha fornito il terzo assist? Sempre lui, Beppe da Crotone... A questo punto l'Alessandria capisce che andando avanti così rischia di finire in goleada e finalmente ha una reazione di orgoglio: prima con Fanucchi, che si divora un'occasione facile di testa per riaprire i giochi, e poi con Floriano, con Paoli che poco davanti alla porta riesce a respingere il tiro dell'esterno piemontese. Poi è il nuovo entrato Gallon che impegna per due volte Servili, prima con un bel tiro a giro potente, con il portiere che respinge di pugno in tuffo, e poi servito da Torromino, prova a dribblare l'estremo piemontese, che però non si lascia beffare. A questo punto mentre il quarto gol è nell'aria, il Treviso ha un calo fisico (e forse anche di concentrazione), e l'Alessandria praticamente assedia i biancocelesti nell'ultimo quarto d'ora nella loro area; prima accorcia le distanze con Santoni, rapido a depositare in rete un bel cross rasoterra dalla sinistra; poi Floriano lascia partire un bel tiro, che finisce di poco a lato; il Treviso è decisamente sulle gambe: Artico ha una buona occasione su punizione, ma il suo tiro finisce altissimo; poi Campironi fa una parata clamorosa, un colpo di reni per andare a togliere dall'angolino un bel colpo di testa dello stesso Artico; infine, l'ex Roselli di testa spedisce di poco alto sopra la traversa.

Commento

Finisce così 3-1 per i biancocelesti, che tra andata e ritorno hanno rifilato 7 gol ai grigi. Il risultato oggi ci sta tutto, il Treviso a cavallo tra fine primo tempo e inizio del secondo ha letteralmente dominato l'Alessandria che si è svegliata nel finale, rischiando una clamorosa quanto immeritata rimonta. Andando avanti così il Treviso potrà farci vivere un bel finale di stagione; occhio però ai cali di concentrazione: quello di oggi poteva costarci caro, vanificando una grande partita, forse la migliore vista al Tenni con quella contro il Poggibonsi che, ironia della sorte, era stata l'ultima partita prima del buio più totale, durato dall'8 gennaio a oggi. Il cammino per la vetta è ancora lungo, ma i presupposti per far bene ci sono tutti...

Risultati della 27^ giornata (26 febbraio 2012)
Classifica alla 27^ giornata

Collegamenti esterni

Note


Riepilogo partite stagionali

Treviso Football Club - Partite 2011/12
Campionato di Seconda Divisione (girone A)

(1) Poggibonsi-Treviso • (2) Treviso-Savona • (3) Treviso-San Marino • (4) Renate-Treviso • (5) Treviso-Borgo a Buggiano • (6) Valenzana-Treviso • (7) Treviso-Pro Patria • (8) Alessandria-Treviso • (9) Treviso-Mantova • (10) Casale-Treviso • (11) Treviso-Rimini • (12) Bellaria Igea Marina-Treviso • (13) Treviso-Lecco • (14) Giacomense-Treviso • (15) Treviso-Santarcangelo • (16) Sambonifacese-Treviso • (17) Treviso-Cuneo • (18) Virtus Entella-Treviso • (19) Treviso-Montichiari • (20) Treviso-Poggibonsi • (21) Savona-Treviso • (22) San Marino-Treviso • (23) Treviso-Renate • (24) Borgo a Buggiano-Treviso • (25) Treviso-Valenzana • (26) Pro Patria-Treviso • (27) Treviso-Alessandria • (28) Mantova-Treviso • (29) Treviso-Casale • (30) Rimini-Treviso • (31) Treviso-Bellaria Igea Marina • (32) Lecco-Treviso • (33) Treviso-Giacomense • (34) Santarcangelo-Treviso • (35) Treviso-Sambonifacese • (36) Cuneo-Treviso • (37) Treviso-Virtus Entella • (38) Montichiari-Treviso

Supercoppa di Seconda Divisione

Treviso-PerugiaPerugia-Treviso

Coppa Italia Lega Pro

Spal-TrevisoTreviso-BassanoGiacomense-TrevisoTreviso-RiminiTreviso-TriestinaTreviso-Carpi

Amichevoli

Fiorentina-TrevisoLongarone-TrevisoCagliari-TrevisoConegliano-TrevisoTreviso-GISS

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti