Treviso-Bellaria Igea Marina (18 marzo 2012)

Da Forza Treviso Enciclopedia.
Treviso-Bellaria Igea Marina 1-1
Competizione:
Campionato di Seconda Divisione (girone A) Stagione: 2011/12
Giornata o turno:
trentunesima giornata A/R: Andata
Luogo:Stadium.png
Stadio Omobono Tenni di Treviso
Data:Nuvola apps date.png
domenica 18 marzo 2012
Arbitro:Arbitro fischietto.png
Petroni di Roma.
Formazioni
Stemma treviso small.png Treviso :
(4-3-1-2)
Campironi; Bandiera, Cernuto, Visintin, Beccia; Maracchi, Giorico (65' Panarelli), Malacarne (46' Torromino); Spinosa; Ferretti (81' Gallon), Perna. A disposizione: Sartorello, Granati, Madiotto, Brunetti. Allenatore: Zanin.
Stemma bellariaigeamarina small.png Bellaria Igea Marina :
(4-3-1-2)
Venturi; Severi, Bamonte, Martinelli, Buda; Forte, Briglia, Mariani (79' Rolandone); Scarponi (59' Turchetta); Fioretti, De Cenco (84' Luppi). Allenatore: Campedelli.
Note
Gol:Icona Goal.png
59' Perna (T), 90' Bamonte (B).
Ammoniti:Yellow card.png
Maracchi, Spinosa e Bandiera (T), Bamonte e Martinelli (B).
Espulsi:Red card.png
Rossi (giocatore) e Strepis (team manager) del Bellaria dalla panchina per proteste.
Angoli:Nuvola apps kmines.png
Recupero:Nuvola apps ktimer.png
Spettatori:Nuvola apps kdmconfig.png
794 (482 paganti + 312 abbonati).
Meteo:Nuvola apps kweather.png
Varie:Nuvola apps package editors.png

Treviso-Bellaria Igea Marina è la trentunesima giornata (dodicesima giornata del girone di ritorno) del Campionato di Seconda Divisione (girone A) 2011/12, giocata domenica 18 marzo 2012.

Indice

Introduzione

L'avversario: Stemma bellariaigeamarina small.png Bellaria Igea Marina 

L'avversario è il Bellaria, squadra invischiata nella lotta per non retrocedere, nonostante all'andata abbia fatto vedere i sorci verdi ai biancocelesti, che sono riusciti a pareggiare con Maracchi all'88' una partita che sembrava già persa. Il Bellaria attualmente è in 14^ posizione in classifica con 33 punti, uno solo in più del Mantova, che attualmente occupa il quint'ultimo posto. I romagnoli sono reduci da 5 partite senza vittorie: 3 sconfitte e 2 vittorie. Prima di questa serie negativa però, i biancoazzurri avevano vinto due partite in trasferta sensazionali, a Cuneo e a Casale, e con il medesimo punteggio, 3-1; per il resto, lontano dalle mura amiche, altre due vittorie in trasferta, a Lecco (5-0) e a Mantova (2-1), 1 pareggio, e ben 9 sconfitte. Giunto al 9° campionato consecutivo di C2, ottimo risultato per una cittadina con meno di 20.000 abitanti, il Bellaria è allenato da Nicola Campedelli, confermato dopo l'ottimo 9° posto della passata stagione; i romagnoli non hanno un modulo di gioco fisso: amano spaziare dal 4-4-2 al 4-3-3, fino al 4-3-1-2; domani non hanno squalificati, ed è probabile che si affidino al 4-3-3, che è il modulo più usato nelle ultime partite; il portiere è Venturi (classe 1992, ex Primavera del Bologna), i terzini sono Severi (1988, confermato, al Bellaria dal 2008, ex Primavera del Cesena e Verucchio in D) e Buda (1986, tornato a Bellaria nel gennaio 2011 dopo esserci già stato nella stagione 2005/06, in precedenza era nella Primavera del Cesena, San Marino in C2, Spezia in B e Lecco in C1), mentre i due centrali saranno Bamonte (1984, confermato, ex Faenza, Boca, Chiari, Riccione, Cervia e Tritium in D) e Martinelli (1991, confermato); a centrocampo il regista è Briglia (1988, confermato, ex Primavera del Verona, poi Canavese, prima di arrivare al Bellaria nel 2008), mentre le due mezz'ale saranno Forte (1990, confermato, ex Real Montecchio in D) e Mariani (1992, ex Renato Curi in D); in attacco la punta centrale è Fioretti (1990, 30 gol in 97 partite al Pontevecchio in D, quest'anno è a quota 8, in 26 presenze), mentre al suo fianco agiranno il brasiliano De Cenco (1989, confermato, ex Boca in D, mentre nelle ultime 2 stagioni al Bellaria ha messo a segno 16 gol in 46 presenze) e Scarponi (1992, ex Primavera del Cesena), che dovrebbe vincere il ballottaggio con Rolandone (1988, ex Primavera del Torino, Pro Vercelli, Latina e Canavese in C2).

Situazione interna

La vittoria di Rimini potrebbe aver cambiato la stagione del Treviso: questo è quello che ci auguriamo tutti. Un colpo grosso che serviva prima di tutto per la classifica, e poi per l'ambiente visto che nelle ultime partite i nostri avevano vinto con il contagocce. In settimana poi, come dimostrano i nostri articoli precedenti, ci sono state buone nuove sul fronte societario, e la grossa paura sembra essere alle spalle; di questo potrebbero trarne giovamento i giocatori, che in passato sono sembrati condizionati dalle continue voci, sparate e smentite che si sono alternate nel corso degli ultimi mesi. Il Treviso ora ha tre partite contro squadre che lottano per non retrocedere: dopo il Bellaria, mercoledì sarà il turno della Valenzana, ultima in classifica, e domenica si va a fare visita al Lecco, penultimo. Inutile dire che bisogna cercare di fare il bottino pieno sempre, per cercare di mettere più fieno in cascina in vista del rush finale di campionato, che speriamo veda il Treviso protagonista. Per quanto riguarda la formazione, ci sono alcune defezioni, tutte in difesa: Paoli è squalificato, mentre Di Girolamo e Biagini sono ancora infortunati; probabile quindi che a difesa della porta di Campironi ci siano il neo-acquisto Panarelli sulla destra, Cernuto e Visintin coppia centrale e Beccia sulla sinistra; il regista sarà Giorico, mentre capitan Bandiera e Spinosa gli guarderanno le spalle; sulla trequarti probabile il ritorno di Torromino, mentre davanti dovrebbe essere riconfermata la coppia d'attacco Ferretti e Perna, con quest'ultimo che a Rimini è sembrato in forma smagliante. L'alternativa è quella di vedere Spinosa, che a Rimini ha giocato bene, nuovamente sulla trequarti, Maracchi o Malacarne a centrocampo, e Torromino in ballottaggio con Ferretti per un posto da seconda punta vicina a bomber Perna. Domenica vedremo la scelta di mister Zanin, apparso raggiante dopo il colpo in Romagna di domenica scorsa.

Per la gara, e per tutto questo fine campionato, iniziativa encomiabile da parte della società, che farà entrare gratuitamente gli under 14 (purché accompagnati da genitore), mentre donne e studenti entreranno in curva sud pagando solo 1 euro. Si spera che l'affluenza superi almeno le 1.000 unità.

La partita

Quando tutti ormai pensavamo a una vittoria sofferta quanto importante, ecco la beffa del Bellaria, che pareggia al 90' con Bamonte una partita che il Treviso stava conducendo grazie alla 16a rete stagionale di Perna, al 14° sigillo in campionato. Partiamo subito col dire che il pareggio, seppur raccolto in extremis, è decisamente meritato; dopo un primo tempo alla pari, il Treviso aveva premuto a inizio ripresa, pervenendo al vantaggio; dopo il gol del Cobra però, è stato quasi dominio Bellaria, che ha ha chiamato Campironi ad almeno un paio di interventi quasi miracolosi, colpito un legno e pervenendo al pareggio su una dormita colossale della difesa biancoceleste. Rispetto alle indiscrezioni della vigilia, Zanin lascia inizialmente fuori Panarelli e Torromino, schierando dal 1' Bandiera terzino, Maracchi e Malacarne a supporto di Giorico, e Spinosa sulla trequarti. Nel Bellaria invece tutto confermato, con Scarponi a supporto del tandem Fioretti-De Cenco.

Cronaca

Come già detto in precedenza, il primo tempo è stato equilibrato, con il Treviso più manovriero, ma con il Bellaria pericoloso in contropiede; al 5' minuto il guardialinee Forte si infortunia alla caviglia, e il gioco resta fermo per quasi 6'; alla ripresa, azione spettacolare del Treviso, cross di Maracchi per Malacarne che al volo di sinistro conclude alto; poi è il centravanti romagnolo Ferretti impegna due volte Campironi, che devia prima in angolo con le mani, poi con i piedi; poi è dominio sterile del Treviso, che va continuamente a sbattere contro il muro difensivo biancoazzurro; al 45' c'è qualche spazio sulla corsia sinistra, cross di Beccia per Ferretti, inesistente fino a quel momento, che di testa realizza una traiettoria imprendibile per Venturi: palla in rete, ma l'arbitro annulla su segnalazione del guardialinee, che ha ravvisato un fuorigioco. L'impressione, mentre le due squadre vanno negli spogliatoi, è che serve una prodezza, una giocata di un singolo, per riuscire a sbloccare questa complicata partita. Ad inizio secondo tempo mister Zanin opta per un cambio, togliendo Malacarne e inserendo Torromino, facendo quindi arretrare Spinosa, oggi non in buona giornata, sulla zona sinistra di centrocampo; il Treviso inizia a macinare gioco, reclama un calcio di rigore, poi all'ennesimo calcio d'angolo passa in vantaggio: cross dalla destra per Perna, che stacca di testa e infila Venturi, festeggiando la nascita della figlia Rebecca nel migliore dei modi; dopo l'esordio di Panarelli, subentrato al posto di Giorico, anche lui non in giornata di grazia, il Treviso arretra troppo il baricentro, lasciando spazi a volontà al Bellaria che ha un'ottima reazione dopo lo svantaggio; al 22' De Cenco scatta sul filo del fuorigioco e si trova a tu per tu con Campironi, che esce fuori dall'area e tocca evidentemente la palla con un braccio: il guardialinee e l'arbitro, forse per compensare il precedente fuorigioco non fischiato, che a detta dei difensori biancocelesti e del pubblico dei laterali era evidente, non ravvisa nessun fallo e l'azione prosegue, con le proteste sia del Treviso che voleva venisse fischiato il fuorigioco, sia del Bellaria, che voleva il fallo da ultimo uomo dell'estremo biancoceleste e la sua conseguente espulsione; verso la mezz'ora Campironi per due volte dice di no a delle conclusioni dalla sua destra, conseguenti a due azioni praticamente identiche, con lo scambio tra due giocatori del Bellaria dopo il calcio d'angolo, l'incursione in area e il tiro sul primo palo, mentre la difesa del Treviso dormiva in modo clamoroso; alla terza occasione, è il palo a salvare la porta biancoceleste, con Campironi abbondantemente battuto; nel finale di gara la spinta del Bellaria si è un po' affievolita, e il Treviso in contropiede con Gallon ha cercato il raddoppio, con il portiere romagnolo che si è rifugiato in angolo; ma proprio nell'ultimo minuto di tempo regolamentare, Bandiera stende un giocatore romagnolo a centrocampo; sulla conseguente punizione, la difesa del Treviso, evidentemente schierata a zona, lascia colpevolmente il capitano dei romagnoli, Bamonte, libero di colpire in tuffo al centro dell'area, infilando l'incolpevole Campironi: 1-1, e pareggio meritato.

Commenti

I 4 minuti di recupero non serviranno a nulla, se non a far aumentare il rammarico per una partita che il Treviso, raggiunto faticosamente il vantaggio, avrebbe dovuto gestire meglio: quanti sono i pareggi subiti nei minuti conclusivi dagli uomini di Diego Zanin? 5. Per la precisione, a Poggibonsi nella prima giornata (2-2), col Rimini (2-2), a Savona (1-1), a Busto Arsizio, e appunto oggi. 10 punti persi quando, a nostro modesto parere, si sarebbe potuto gestire la partita in modo diverso, non affidandosi a lanci lunghi che, senza la presenza di un ariete in grado di controllare la palla e far sallire la squadra, permettono sistematicamente alla squadra avversaria di recuperare la sfera, e riavviare l'azione. Riguardo la difesa, ottima la prova di Campironi, mentre oggi l'assenza di Biagini e di Di Girolamo al centro del pacchetto arretrato si è fatta sentire eccome, ed è facile (e probabilmente ingiusto) pensare che se ci fossero stati i due titolari, quel gol non l'avremmo preso. La condizione di Visintin, troppo a lungo in panchina nel corso della stagione, è sembrata in miglioramento, mentre Bandiera, soprattutto come terzino, ha disputato una gara ottima, dimostrandosi il migliore in campo con Perna, che oltre al gol si è dato molto da fare; detto di Ferretti, praticamente nullo per tutta la gara, gol annullato a parte, c'è da segnalare il ritorno di Torromino, che è parso un po' arrugginito dopo le 2 settimane di riposo forzato; a centrocampo Giorico come già detto non ha giocato la sua migliore partita, ma non è un caso secondo noi che la sua uscita è coincisa con la fine del gioco manovrato e razionale del Treviso. Concludendo, nella settimana in cui il Treviso affronterà 3 squadre pericolanti, se si vuole arrivare a 7 punti conquistati, su 9 disponibili, questa era una partita assolutamente da vincere, considerato che dopo l'incontro con la Valenzana di mercoledì, domenica andremo a Lecco ad affrontare una squadra terz'ultima in classifica, ma che ha vinto 4 delle ultime 6 partite. Nelle zone alte della classifica, hanno vinto sia Cuneo che San Marino, mentre tra gli aspetti positivi c'è sicuramente il fatto di aver allungato a più 3 sul settimo posto, che significherebbe vacanze anticipate al 6 maggio.

Risultati della 31^ giornata (18 marzo 2012)
  • Alessandria-Savona 2-0: 45' Sabato (A), 67' Roselli (A)
  • Borgo a Buggiano-Valenzana 3-0: 38' Santini (BB), 41' Grassi (BB), 49' Rocchi (BB)
  • Mantova-Casale 0-0
  • Montichiari-Pro Patria 0-1: 80' Cortesi (PP)
  • Renate-Rimini 1-1: 44' Gaeta (Ren), 51' Buonocunto (Rim)
  • Sambonifacese-Giacomense 0-4: 9', 23' e 29' StaffoIani (G), 39' Dal Rio (G)
  • San Marino-Poggibonsi 3-1: 62' Lapadula (SM), 83' Pera (P), 84' Tarallo (SM), 90' Poletti (SM)
  • Santarcangelo-Lecco 1-2: 40' Schiavini (S), 59' e 70' Fabbro (L)
  • Treviso-Bellaria Igea Marina 1-1: 58' Perna (T), 89' Bamonte (B)
  • Virtus Entella-Cuneo 0-1: 45' Sentinelli (C)
Classifica alla 31^ giornata

Casale 55 San Marino 54* Cuneo 54 Rimini 49* TREVISO 48* Virtus Entella 45 Poggibonsi 45* Santarcangelo 43 Pro Patria 43 Borgo a Buggiano 43 Alessandria 42 Renate 41 Savona 35 Giacomense 35* Bellaria 33* Mantova 33* Montichiari 32 Lecco 26 Sambonifacese 25 Valenzana 22*

(*) Una gara in meno

Collegamenti esterni

Note


Riepilogo partite stagionali

Treviso Football Club - Partite 2011/12
Campionato di Seconda Divisione (girone A)

(1) Poggibonsi-Treviso • (2) Treviso-Savona • (3) Treviso-San Marino • (4) Renate-Treviso • (5) Treviso-Borgo a Buggiano • (6) Valenzana-Treviso • (7) Treviso-Pro Patria • (8) Alessandria-Treviso • (9) Treviso-Mantova • (10) Casale-Treviso • (11) Treviso-Rimini • (12) Bellaria Igea Marina-Treviso • (13) Treviso-Lecco • (14) Giacomense-Treviso • (15) Treviso-Santarcangelo • (16) Sambonifacese-Treviso • (17) Treviso-Cuneo • (18) Virtus Entella-Treviso • (19) Treviso-Montichiari • (20) Treviso-Poggibonsi • (21) Savona-Treviso • (22) San Marino-Treviso • (23) Treviso-Renate • (24) Borgo a Buggiano-Treviso • (25) Treviso-Valenzana • (26) Pro Patria-Treviso • (27) Treviso-Alessandria • (28) Mantova-Treviso • (29) Treviso-Casale • (30) Rimini-Treviso • (31) Treviso-Bellaria Igea Marina • (32) Lecco-Treviso • (33) Treviso-Giacomense • (34) Santarcangelo-Treviso • (35) Treviso-Sambonifacese • (36) Cuneo-Treviso • (37) Treviso-Virtus Entella • (38) Montichiari-Treviso

Supercoppa di Seconda Divisione

Treviso-PerugiaPerugia-Treviso

Coppa Italia Lega Pro

Spal-TrevisoTreviso-BassanoGiacomense-TrevisoTreviso-RiminiTreviso-TriestinaTreviso-Carpi

Amichevoli

Fiorentina-TrevisoLongarone-TrevisoCagliari-TrevisoConegliano-TrevisoTreviso-GISS

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti