Treviso-Godigese (15 dicembre 2013)

Da Forza Treviso Enciclopedia.
Treviso-Godigese 3-1
Competizione:
Campionato di Promozione Veneto (girone B) Stagione: 2013/14
Giornata o turno:
15ª giornata A/R: Ritorno
Luogo:Stadium.png
Treviso
Data:Nuvola apps date.png
domenica 15 dicembre 2013
Arbitro:Arbitro fischietto.png
Trevisan di Venezia.
Formazioni
Stemma treviso small.png Treviso :
(4-4-2)
Bortolin; Pilotto, La Cagnina, Ton (dal 30′ st Balzan), Orfino (dal 29′ st Livotto); Marangon, Giuliato, Del Papa, Dal Compare; Bidogia (dal 38′ st Fonti), Gnago. Allenatore: Piovanelli.
Stemma godigese small.png Godigese :
(4-4-2)
Marcato; Milani, Cecchetto, S.Cecchin, Martinello; Florian, Cazzaro (dal 32′ st P.Cecchin), Cinel (dal 18′ st Bergamin), Cirotto; Martini, Lazzaro. Allenatore: Meneghetti.
Note
Gol:Icona Goal.png
pt 6′ Dal Compare, 25′ Ton; st 24′ Lazzaro (G), 30′ Gnago.
Ammoniti:Yellow card.png
Martinello, Cirotto, Cinel, Cecchin, Milani.
Espulsi:Red card.png
-
Angoli:Nuvola apps kmines.png
Recupero:Nuvola apps ktimer.png
1'+5'.
Spettatori:Nuvola apps kdmconfig.png
565, per un incasso di Euro 3.488.
Meteo:Nuvola apps kweather.png
Terreno in pessime condizioni, clima freddo.
Varie:Nuvola apps package editors.png

Treviso-Godigese è la 15ª giornata del Campionato di Promozione Veneto (girone B) 2013/14, giocata domenica 15 dicembre 2013.

Indice

Introduzione

Siamo ormai giunti al giro di boa, a cui il Treviso si presenta con qualche certezza in più dopo i due successi consecutivi con Petra Malo e Sarcedo. Il clamoroso blitz nel vicentino, seppur ottenuto contro una squadra in piena crisi, ha segnato una svolta decisiva per la squadra di Piovanelli, e non tanto per i cinque gol realizzati. Con l'inserimento di una prima punta di ruolo come Bidogia il Treviso può contare su nuove soluzioni offensive: ora difensori e centrocampisti possono affidarsi al lancio lungo senza che la palla diventi facile preda degli avversari, che in precedenza avevano buon gioco nel chiudersi in difesa e affidarsi al fallo sistematico su una squadra essenzialmente composta da brevilinei. Il resto l'hanno fatto Gnago e Dal Compare: il primo ha confermato il proprio impatto devastante sulla squadra con due gol e due assist; il secondo ha realizzato due eurogol e può finalmente giocare secondo le sue caratteristiche, senza dare punti di riferimento ai difensori avversari. Questo dovrebbe permettergli di trovare la costanza necessaria per la definitiva esplosione/consacrazione. Non solo attacco comunque: dopo l'addio indolore a Di Prisco, che finiva per rallentare la manovra della squadra, il Treviso ha parzialmente abbandonato il tiki taka affidandosi a un gioco più semplice, ma soprattutto redditizio in una categoria dove, per citare Piovanelli, serve più clava che fioretto... Simbolo di questo cambiamento è la crescita progressiva di Giuliato, uno dei pochi "vecchietti" in rosa. Dopo due stagioni tribolate (causa infortuni) con Miranese e Union Pro il suo tesseramento era stato messo in dubbio dopo il mancato superamento di alcune visite mediche; dopo un inizio di stagione sottotono e un altro infortunio, l'ex bandiera del Giorgione ha lentamente ritrovato una condizione migliore, e nelle ultime partite è tornato il mastino di centrocampo di un tempo.

Un recupero importante per Piovanelli, che in rosa non ha altri giocatori con le stesse caratteristiche. E per domani il mister potrebbe pure recuperare La Cagnina in difesa, già presente in panchina a Sarcedo. Insomma, la squadra dopo un periodo difficile sta prendendo forma, anche se il mercato non è ancora chiuso. Mentre in uscita non è ancora chiaro se qualcun'altro farà le valigie, in entrata non è ancora stata risolta la grana del vice Bortolin, per ora ricoperto da Vincenzi, unico portiere della Juniores. La soluzione - probabilmente low cost - del problema potrebbe arrivare anche nel 2014 con uno dei tanti svincolati. Per ora la finestra del mercato di dicembre è servita solo per l'arrivo di Bidogia dalla Clodiense e le partenze di Di Prisco, Da Tos e Pillon, mentre per Gnago e Frank Mensah c'era da attendere solo il via libera. Stando a La Tribuna di Treviso, che conferma l'imminente addio di Matteo Quell'Erba, entro un mese potrebbe arrivare il via libera per l'attaccante panamense Roelio, ma non è escluso anche l'ingaggio di un regista che andrebbe a coprire il buco lasciato da Di Prisco. Per vecchi e nuovi la sfida con la Godigese rappresenterà il test più importante del girone di andata.

L'avversario: Stemma godigese small.png Godigese 

Nel 2009, mentre il Treviso precipitava nell'incubo del crack societario, la Godigese festeggiava la promozione in Prima categoria un lungo testa a testa con il Salvarosa. Dopo quattro anni utili al consolidamento societario, quest'anno è arrivato il salto in Promozione, finendo davanti al favoritissimo Cartigliano. Squadra che vince non si cambia? Non proprio. Confermato mister Renato Meneghetti, compagno di squadra di Piovanelli nel Treviso anni '80, il presidente Gilberto Bortolotto ha dato carta bianca al direttore sportivo Thomas Baggio. A parte qualche perdita dolorosa come Giacomo Cirotto, passato proprio ai rivali di Cartigliano, non sono stati confermati solo alcuni giocatori meno adatti alla Promozione e finiti nelle categorie inferiori. In porta ecco Alberto Marcato ('88), giocatore da categoria superiore viste le esperienza da titolare in Serie D con Union Quinto (tre campionati) e San Paolo Padova. Per la difesa il giovane Nicolò Milani ('94) dal Loreggia e il più esperto Cristian Cecchetto ('88) dall'Union Pro, mentre a centrocampo sono arrivati l'under Antonio Marconato ('95) e i classe '87 Mattia Bellio dal Vedelago e Gianmarco Cazzaro dall'Eurocalcio Cassola; a questi si è aggiunto, a mercato quasi chiuso, l'esterno Nicolò Martini ('93), in Serie D con Montebelluna e Real Vicenza. In attacco, confermato John Joe Floriani ('88), ecco un altro colpo da categoria superiore con l'esperto Tommaso Lazzaro ('81) dalla Marosticense. Questa rosa, già potenzialmente in grado di lottare per l'alta classifica, ha trovato l'ultimo, fondamentale tassello con Alberto Marchesan. Classe '80 nativo di Asolo, Marchesan vanta una lunga e recente esperienza tra Serie C e Serie B, e per dieci stagioni è stato un pilastro del Cittadella di Foscarini. Questa estate, dopo una stagione ad alti livelli in Serie D con il SandonàJesolo è rimasto svincolato, e dopo essersi allenato per un po' negli efficienti impianti sportivi di Godego ha deciso di accettare l'offerta del presidente Bortolotto.

Di fronte a questa breve presentazione della rosa castellana come ci si può sorprendere per la posizione in classifica di Marchesan e compagni? Del resto nel precampionato Meneghetti e Baggio non si sono nascosti dietro frasi di rito, dichiarando di puntare almeno alla zona play off. I successi di inizio stagione hanno dimostrato la forza della squadra, nonostante una preparazione iniziata un po' in ritardo. Ma col tempo il gruppo si è consolidato, ottenendo risultati importanti anche in trasferta, dove nei primi mesi ha rimediato qualche sconfitta di troppo. Squadra senza mezze misure la Godigese: nove vittorie, quattro sconfitte e un solo pareggio. L'attacco con la coppia Floriani-Lazzaro e lo stesso Marchesan è esplosivo: 24 gol, solo due in meno del Cartigliano (che però ne ha subiti altrettanti). Nelle ultime giornate anche la difesa si è sistemata, subendo un solo gol nel filotto di quattro successi consecutivi che è valso l'aggancio e il sorpasso ai danni di Sarcedo ed Eurocalcio Cassola.

Domenica, causa squalifica, mancherà proprio Marchesan; ko anche Bellio, mentre qualche acciaccato potrebbe tornare a disposizione. Nonostante la pesante assenza di Marchesan, fin qui autore di cinque gol, la Godigese si presenterà con una formazione quasi al completo, con gli attaccanti Floriani (capocannoniere dei biancoblu con sei gol) e Lazzaro in campo dal primo minuto. Attraverso le pagine de La Tribuna di Treviso mister Meneghetti non ha espresso alcun dubbio sull'atteggiamento con cui i suoi scenderanno in campo: «Non dobbiamo difenderci, avremmo già perso in partenza. Siamo una squadra propositiva, lo dicono i numeri: abbiamo il secondo attacco più prolifico ma solo la quinta miglior difesa. Sappiamo che avversario e che ambiente troveremo».

La partita

Il Treviso fa suo il derby trevigiano e torna grande: i biancocelesti dominano il primo tempo, chiuso sul 2-0 con i gol di Dal Compare e Ton. Nella ripresa i biancocelesti abbassano il ritmo e gli ospiti ne approfittano per accorciare le distanze con Lazzaro, ma poco dopo Gnago chiude la partita. Ancora devastante l’attaccante ivoriano, ma oggi tutta la squadra ha offerto una grande prestazione.

Il Treviso, dopo un girone di andata di stenti e giocatori riciclati fuori ruolo, può finalmente contare su una rosa al completo, nonostante il calciomercato ancora aperto. Ogni tassello al proprio posto, compreso il rientrante La Cagnina. Giusto in tempo, visto che l'ospite è la capolista Godigese,reduce da un momento positivo ma con qualche acciacco di troppo oltre alla pesante assenza per squalifica di Marchesan.

Cronaca

I primi minuti, come al solito, vedono un Treviso arrembante e subito pericoloso. Al 1' Dal Compare fugge sulla destra e mette in mezzo per Bidogia, anticipato di un soffio da Marcato: un minuto dopo Gnago libera Del Papa, che controlla e impegna Marcato, che si salva in angolo. Il gol è nell'aria, e arriva al 6': dopo l'ennesimo recupero di Gnago, galoppata decisa di Marangon, che subisce fallo ma libera Dal Compare; il numero 10 arriva al vertice dell'area e invece di crossare s'inventa un tiro velenoso che sorprende Marcato sul primo palo. 1-0 e festa sotto la curva. Dopo il gol la Godigese non reagisce, e il Treviso prova subito a raddoppiare. Al 14' scambio Bidogia-Gnago, l'ivoriano si accentra e tira, ma la conclusione si spegne sul fondo. Poco dopo ci sarebbe anche un mezzo rigore, visto che Cecchetto intercetta con un gomito il passaggio di Dal Compare per Bidogia; tuttavia l'arbitro Trevisan sembra decidere per l'involontarietà dell'intervento e non assegna il penalty. Al 20' il Treviso eccede nel fair play: Marangon parte in contropiede, ma con Lazzaro a terra decide di buttarla fuori. Ovviamente il giocatore ospite si riprende quasi subito, e poco dopo commette pure un fallaccio che meriterebbe il giallo. Pochi minuti dopo la Godigese fa la prima comparsa degna di attenzione nella metà campo avversaria, grazie a un contropiede concluso da Martini con una conclusione sballata. In seguito ricomincia l'assedio dell'area ospite, con il Treviso che guadagna due calci d'angolo in serie. Sugli sviluppi del secondo un grintoso Del Papa recupera palla e pesca un liberissimo Ton, lasciato colpevolmente solo al limite dell'area e in posizione regolare. Il centrale difensivo si trasforma in bomber, e dopo aver saltato Marcato deposita in rete. Raddoppio decisamente meritato e tifosi sempre più euforici. Anche questa volta nessuna reazione degli ospiti, e il Treviso prova a chiuderla: al 28' Del Papa suggerisce per Marangon, che conclude con un missile deviato in angolo dal portiere ospite. Il Treviso continua a dominare, ma come a Sarcedo rischia grosso per una leggerezza evitabile: al 39' lancio lungo dalle retrovie, Floriani si inserisce tra i difensori e punta Bortolin, che compie un'uscita spericolata e interviene al limite dell'area con un colpo di testa. Il numero 7 ospite finisce a terra e la Godigese protesta, ma l'intervento di Bortolin era regolare. Nei minuti restanti non succede nulla, anche se tra gli ospiti comincia ad affiorare un certo nervosismo che si traduce inevitabilmente in qualche randellata gratuita.

Nella ripresa il Treviso continua a tenere il pallino del gioco. All'8', dopo una punizione di Dal Compare, mischia furibonda in area e conclusione finale di Del Papa, che da posizione decentrata spara alto. Ma dopo i primi dieci minuti di moderato arrembaggio il Treviso abbassa drasticamente i ritmi e comincia a lasciare troppo campo alla Godigese. Al 13' ospiti pericolosi con Cirotto, Bortolin non trattiene e la difesa si rifugia in corner con qualche affanno successivo. In ogni caso il Treviso dimostra di poter far male anche in contropiede, costringendo la Godigese al fallo. La lista degli ammoniti per gli uomini di Meghetti s'allunga, e dopo Martinello e Cirotto tocca a Cinel. Al 18' Dal Compare raccoglie una respinta su un corner e conclude con un bolide rasoterra che costringe Marcato in angolo. Al 21' Gnago dimostra di non essere solo forza bruta ma anche classe, e dopo aver ubriacato la difesa ospite sulla linea di fondo mette in mezzo un palla d'oro, ma Bidogia manca l'appuntamento con il gol. Davvero un peccato, visto quanto accade poco dopo, quando il Treviso commette un altro pasticcio difensivo. Su un'azione innocua La Cagnina, invece di cercare un facile appoggio per Bortolin, cerca di passare a Pilotto ma la palla viene intercettata da un giocatore ospite che la mette in mezzo. La sfera arriva a Lazzaro, che in evidente fuorigioco conclude a botta sicura trovando il miracoloso intervento di Bortolin sulla linea. La Godigese protesta per un presento gol fantasma, ma la polemica si spegne quasi subito perché sugli sviluppi del calcio d'angolo Lazzaro svetta più in alto di tutti e con l'aiuto del palo sorprende Bortolin. La Godigese accorcia le distanze, il Treviso accusa il colpo per qualche minuto. Fino a quanto la piovra nera decide che è ora di chiuderla davvero. Al 30' Dal Compare lancia Gnago, che controlla palla vicino alla linea di fondo; l'ivoriano viene trattenuto da Cecchetto, ma va via di forza, resiste anche alla carica di Milani e con un destro fulmina Marcato. 3-1 ed tutta la squadra ad abbracciare il colosso. La reazione ospite stavolta è proprio inesistente, e nel quarto d'ora finale il Treviso non corre alcun pericolo. Gnago e Dal Compare continuano a imperversare, la Godigese rimedia un altro giallo con Milani. Il triplice fischio arriva dopo cinque minuti di recupero in cui non succede praticamente niente.

Commento

Il Treviso vince il derby trevigiano e infila la terza vittoria consecutiva. I biancocelesti riducono ulteriormente la distanza della prima, che non è più la Godigese, ma l'Eurocalcio Cassola, avanti di tre punti. Tale è la distanza che separa la capolista dai biancocelesti, che occupano ancora la quinta posizione visto che quelle davanti hanno vinto tutte. Colpo del Caldogno Rettorgole, che rompe l'ultima tabù di questo girone espugnando Cartigliano. Con il cambio di allenatore sembra riprendere la sua corsa anche il Sarcedo, vittorioso a Loreggia. Il campionato è sempre più aperto, e anche se la pausa arriva nel momento sbagliato il Treviso può guardare al girone di ritorno con maggior fiducia nei propri mezzi.

Galleria

Riepilogo 15ª giornata

Risultati Classifica Prossimo turno
  • Campigo – Nove Stefani 3-1
  • Cartigliano – Caldogno Rettorgole 0-1
  • Cornedo – Petra Malo 0-0
  • Loreggia – Sarcedo 0-1
  • Mussolente – Eurocalcio Cassola 1-2
  • Rossano – Azzurra Sandrigo 3-2
  • Summania – Ambrosiana Trebseleghe 2-1
  • Treviso – Godigese 3-1
  1. Eurocalcio Cassola 29
  2. Godigese 28
  3. Sarcedo 28
  4. Caldogno Rettorgole 27
  5. Treviso 26
  6. Nove Stefani 22
  7. Cartigliano 21
  8. Summania 21
  9. Ambrosiana Trebaseleghe 21
  10. Mussolente 20
  11. Petra Malo 16
  12. Azzurra Sandrigo 14
  13. Loreggia 14
  14. Campigo 14
  15. Cornedo 12
  16. Rossano 12


Collegamenti esterni

Note


Riepilogo partite stagionali

A.C.D. Treviso - Partite 2013/14
Campionato di Promozione Veneto (girone B)

(1) Loreggia-Treviso • (2) Treviso-Caldogno Rettorgole • (3) Treviso-Cornedo • (4) Cartigliano-Treviso • (5) Treviso-Rossano • (6) Mussolente-Treviso • (7) Treviso-Summania • (8) Campigo-Treviso • (9) Treviso-Nove • (10) Ambrosiana Trebaseleghe-Treviso • (11) Treviso-Eurocalcio Cassola • (12) Sandrigo-Treviso • (13) Treviso-Petra Malo • (14) Sarcedo-Treviso • (15) Treviso-Godigese • (16) Treviso-Loreggia • (17) Caldogno Rettorgole-Treviso • (18) Cornedo-Treviso • (19) Treviso-Cartigliano • (20) Rossano-Treviso • (21) Treviso-Mussolente • (22) Summania-Treviso • (23) Treviso-Campigo • (24) Nove-Treviso • (25) Treviso-Ambrosiana Trebaseleghe • (26) Eurocalcio Cassola-Treviso • (27) Treviso-Sandrigo • (28) Petra Malo-Treviso • (29) Treviso-Sarcedo • (30) Godigese-Treviso

Play-off di Promozione Veneto (girone B)

Treviso-Eurocalcio CassolaGodigese-TrevisoTreviso-Benaco BardolinoPassarella-Treviso

Amichevoli

Suseganese-TrevisoTreviso-Union QuintoTreviso-FontaneTeam Biancorossi-TrevisoFossalta di Piave-TrevisoScorzè-TrevisoGazzera Olimpia Chirignago-TrevisoUnion Pro Mogliano Preganziol-TrevisoLiventina Gorghense/Juniores-Treviso

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti