Treviso-Montichiari (18 dicembre 2011)

Da Forza Treviso Enciclopedia.
Treviso-Montichiari 2-1
Competizione:
Campionato di Seconda Divisione (girone A) Stagione: 2011/12
Giornata o turno:
diciannovesima giornata A/R: Ritorno
Luogo:Stadium.png
Treviso
Data:Nuvola apps date.png
domenica 18 dicembre 2011
Arbitro:Arbitro fischietto.png
Juan Luca Sacchi di Macerata (Balzano, Hager).
Formazioni
Stemma treviso small.png Treviso :
(4-3-1-2)
Sartorello; Brunetti (79' Granati), Biagini, Di Girolamo, Cernuto; Bandiera, Stentardo, Malacarne; Giorico (65' Spinosa); Torromino, Ferretti (88' Visintin). A disposizione: Zattin, Beccia, Madiotto, Bidogia. Allenatore: Zanin.
Stemma montichiari small.png Montichiari :
(4-4-2)
Gambardella; Filippini, Verdi (46' Murano), Antoniacci, Zambelli (71' Talato); Muchetti, Zanola, Saleri, Severgnini; Mastroianni (46' Filiciotto), Florian. A disposizione: Simonini, Bettenzana, Stefani, Del Padrone. Allenatore: Rosin.
Note
Gol:Icona Goal.png
33' Torromino (T), 59' Murano (M), 70' Torromino (T).
Ammoniti:Yellow card.png
Verdi (M), Severgnini (M), Filippini (M).
Espulsi:Red card.png
Angoli:Nuvola apps kmines.png
3-6.
Recupero:Nuvola apps ktimer.png
0'+3'.
Spettatori:Nuvola apps kdmconfig.png
Meteo:Nuvola apps kweather.png
Terreno in pessime condizioni, giornata fredda e nuvolosa.
Varie:Nuvola apps package editors.png

Treviso-Montichiari è la diciannovesima giornata del Campionato di Seconda Divisione (girone A) 2011/12, giocata domenica 18 dicembre 2011.

Indice

Introduzione

Ultimo turno del girone di andata, con il Treviso che ospita il Montichiari in quella che, si spera, potrebbe essere l'occasioni per rendere meno "grigio" il campionato finora svolto dagli uomini di mister Zanin all'interno delle mura amiche.

L'avversario: Stemma montichiari small.png Montichiari 

Anche il mister trevigiano Diego Zanin ha giocato con il Montichiari

Il Montichiari è la squadra di calcio dell'omonimo paese in provincia di Brescia; il suo Presidente è Maurizio Soloni, mentre il suo allenatore è Antonio Criniti, ex allenatore, tra le altre, di Cagliari e Brescia. La squadra rossoblù nacque nel 1928, ma fino alla fine della seconda guerra mondiale la squadra militò nei campionati provinciali; solo a partire del 1946, il Montichiari iniziò a disputare dei campionati regionali; i successi in quegli anni furono molto pochi, ci fu anche un fallimento (1954), succedente a un periodo di inattività (1951, situazione poi ripetutasi nel 1960), e la squadra a inizio anni '60 si ritrovò in Terza Categoria; nel 1962/63 venne promossa in Seconda Categoria, grazie alla vittoria del campionato, mentre due anni dopo retrocesse, e alla fine del campionato successivo la società fallì nuovamente, restando inattiva fino al 1970; grazie a un 4° posto nel 1971/72 in Terza Categoria, e un 1° posto in Seconda Categoria, nel 1973/74 i bresciani si ritrovarono in Prima Categoria, serie dove militarono fino al 1979; al termine del campionato 1978/79, il Montichiari vinse lo spareggio promozione contro la Bedizzolese, e venne promosso in Promozione Lombarda; l'anno successivo invece ci fu il passo inverso, con la retrocessione in Prima Categoria, il sali e scendi continuò fino all'inizio degli anni 90', con una promozione in Promozione (1983/84), una retrocessione in Prima Categoria (1985/86) e una definitiva promozione nella settima serie nazionale (1990/91), ottenuta grazie a un 4° posto finale; l'anno successivo i rossoblù vinsero il proprio girone di Promozione, battendo poi allo spareggio per salire di categoria il Concesio per 3-2, venendo così promossi in Eccellenza. Nel 1994/95, dopo un campionato lungo ed equilibratissimo (il Ponte San Pietro, che arrivò primo quel girone, vinse solo 13 partite su 30...), il Montichiari arrivò 2°, a soli due punti dalla capolista, ottenendo così la possibilità di disputare gli spareggi nazionali; al primo turno i rossoblù incontrarono il Pizzighettone, vincendo l'andata in casa (2-0) e pareggiando a reti inviolate il ritorno; nel secondo turno incontrarono la Guazatese, pareggiando l'andata in trasferta (0-0) e vincendo per 3-2 il ritorno in casa: per la prima volta, i bresciani vennero promossi in una serie nazionale. E fu anche l'ultima volta: da questo momento, infatti, il Montichiari non ha più disputato campionati regionali. Il primo anno di D fu quasi drammatico: i rossoblù si salvarono solo dopo lo spareggio contro la Bagnolese, facendo anche ricorso ai calci di rigore, che finirono 4-3 per i lombardi; nei tre anni successivi invece ottennero prima due terzi posti (il secondo dei quali a soli 4 punti dal Trento e il Sassuolo, entrambi promossi in C2), mentre al terzo tentativo (1998/99) i rossoblù c'entrarono la prima promozione tra i professionisti, grazie a un campionato stradominato fin dalle prime battute, e terminato con 18 punti di vantaggio sulla seconda della classe, il Thiene Valdagno. Dal 1999 al 2006, il Montichiari infilò 7 campionati consecutivi senza mai dover ricorrere ai play-out per salvarsi; nel 2006/07, anche per colpa del rendimento scarso del finale di campionato (1 punto nelle ultime 4 partite), i bresciani furono costretti all'appendice dei play-out, contro il Portogruaro, che si salvò a spese del Montichiari dopo due pareggi (0-0 a Montichiari, 1-1 a Portogruaro) a causa della miglior classifica al termine del campionato; anche in questo caso iniziò il sali-scendi dei rossoblù: prima una promozione in C2 nel campionato di D 2007/08, grazie al secondo posto finale, e dopo essere arrivati in semifinale ai play-off nazionali: vittime furono prima il Real Montecchio (4-2 in casa), poi il Castellarano (3-1 in casa); nel girone successo contro il Bacoli Sibilia Flegrea (3-1 in casa) e pareggio col Tritium (2-2 in trasferta); nella semifinale invece sconfitta contro la Sambonifacese (2-2 a Montichiari, 0-3 a San Bonifacio); nell'anno successivo in C2, 14° posto finale, e sconfitta ai play-out contro il Carpenedolo (0-1 a Carpenedolo, 1-1 a Montichiari). Nel 2009/10, il Montichiari partì in sordina nel girone C di serie D (5 punti nelle prime 4 giornate), per poi dominare letteralmente un campionato che vedeva "l'ingombrante" presenza dell'Unione Venezia; i rossoblù conquistarono quindi la loro terza promozione della storia in C2. L'anno scorso la squadra ha terminato il campionato all'8° posto in classifica.

Marco Cassetti con la maglia della Roma

Il giocatore più famoso che abbia mai indossato la maglia del Montichiari è Marco Cassetti. Difensore laterale, nato nel 1977 a Brescia, Cassetti è cresciuto nelle giovanili del Lumezzane, per venire poi mandato in prestito a Montichiari, nel Campionato Nazionale Dilettanti nel 1996; nella prima stagione, Cassetti trovò poco spazio, disputando una sola gara; l'anno successivo invece il difensore disputò 29 partite nel campionato in cui il Montichiari finì terzo, a ridosso di Trento e Sassuolo, realizzando ben 6 gol Al termine della stagione venne richiamato al Lumezzane, dove disputò 2 stagioni in C1; poi 3 stagioni a Verona, le prime 2 in A, l'ultima di ottimo livello in B, meritandosi la chiamata in A da parte del Lecce, con il quale disputò tre campionati, i primi due dei quali con un rendimento stratosferico, e meritandosi la chiamata in Nazionale; a seguito della retrocessione del Lecce in B, Cassetti venne acquistato dalla Roma, con la quale ha sfiorato lo scudetto già due volte, vinto 1 Coppa Italia e 1 Supercoppa Italiana; attualmente è alla 6a stagione di fila nella capitale. In Nazionale, Cassetti ha disputato 5 partite.

Il Montichiari è autrice finora di un campionato da media classifica; i rossoblù finora hanno raccolto 23 punti, frutto di 7 vittorie (tra cui quelle in casa contro il Cuneo e quella di Rimini, sempre con lo stesso risultato, ovvero 2-1), 3 pareggi e 8 sconfitte; fuori casa il Montichiari ha ottenuto finora più punti rispetto alle partite casalinghe, grazie soprattutto alle 4 vittorie ottenute distante dalle mura di casa: oltre alla già citata vittoria di Rimini, i bresciani hanno vinto anche a Lecco, Chiavari (gli unici a riuscirci) e Buggiano. Il Montichiari ha cambiato un mese fa il suo allenatore, il giorno dopo della rocambolesca sconfitta di San Marino (3-4), passando da Claudio Ottoni, che in 13 partite aveva ottenuto 19 punti (6 vittorie, 1 pareggio e una sconfitta), a Antonio Criniti; a dire il vero, la scossa voluta dal patron De Pasquale non ha sortito gli effetti sperati, visto che i rossoblù sotto la guida dell'ex centrocampista del Cagliari hanno ottenuto una sola vittoria (a Rimini), a fronte di tre pareggi e due sconfitte. Il nuovo allenatore non ha cambiato modulo rispetto al suo predecessore, ma ha operato dei cambi nella formazione tipo; il nuovo portiere è l'esperto Gambardella (classe 1983, alla terza stagione a Montichiari, prima esperienze a Prato in C2 e C1), che ha preso il posto del giovane Polizzi (1991, Primavera del Palermo, ex Pomigliano in D); i due terzini saranno Filippini (1988, alla sesta stagione al Montichiari, squadra dove milita da sempre, a parte un'esperienza nel 2007/08 prima nel Carpenedolo in C2, poi nella Primavera dell'Inter) sulla destra, mentre sulla sinistra agirà Verdi (1980, quarta stagione di fila al Montichiari, prima esperienze tra i professionisti a Carrara e Biella); i due centrali dovrebbero essere Antoniacci (1984, confermato, ex Russi, Cattolica, Santarcangelo e Urbino in D e Cuoiopelli in C2) e Bettenanza (1990, ex Rodengo Saiano in C2); a centrocampo i centrali saranno Filiciotto (1992, terza stagione al Montichiari) e Zanola (1989, ex Feralpi Salò sia in D che in C2, e primavera del Brescia), con il jolly Saleri (1991, terza stagione al Montichiari) prima alternativa; i due esterni saranno il capitano Muchetti (1985, centrocampista dal grande fiuto del gol, quarta stagione al Montichiari, prima 3 anni in C2 a Pergocrema) e Talato (1992, ex Primavera del Padova), con Saleri che potrebbe essere schierato anche qui; in attacco si è infortunato nella sfortunata partita casalinga contro il Mantova l'asso della squadra, ovvero Goncalves Dimas (1984, confermato, 10 gol nella passata stagione, 5 in quella attuale, ex Monza in C1, Sambonifacese in C2 e D e Virtus Verona), quindi dovrebbero agire il nostro ex, Florian (1987, confermato, 6 gol nella passata stagione, 4 in quella attuale, al Montichiari già nel 2007/08 in D, dove ha realizzato ben 14 gol in 33 gare; per il resto apparizioni in C a Sanremo, Carpenedolo, Ivrea, Reggiana, Rodengo Saiano e Olbia, dove non ha mai superato le 3 realizzazioni) e Mastroianni (1992, proveniente dalla Primavera del Bari, 3 gol quest'anno in maglia rossoblù).

Situazione interna

Il Treviso arriva a questa gara dopo aver trascorso la settimana più nera della nuova era: prima le voci su uno sciopero dei giocatori per i premi non ricevuti, smentito dagli stessi giocatori, poi la penalizzazione di un punto in classifica conseguente al deferimento dello scorso 14 novembre: non dev'essere un alibi, però è facile pensare che la squadra non arrivi nelle migliori condizioni a questo importante match. I biancocelesti, è bene ricordarlo, non vincono in casa dal 9 ottobre, 2-0 contro la Pro Patria; poi, considerando anche le partite di Coppa Italia Lega Pro, 4 pareggi e ben 3 sconfitte. Che sia il tempo di invertire la rotta? Diremmo proprio di si. Domani mancheranno per squalifica Paoli e Perna; mentre sembra scontato il ritorno di Beccia sull'out di sinistra, per la sostituzione del nostro capocannoniere c'è il dubbio-Gallon: non dovesse ancora farcela l'attaccante sardo, ecco che Torromino dovrebbe partire come seconda punta al fianco di Andrea Ferretti, con Spinosa, che bene ha fatto a Chiavari nel ruolo di trequartista, che potrebbe partire nuovamente titolare, a discapito di Madiotto. Infine in difesa rientrerà Biagini, che dovrebbe rilevare Visintin al centro della retroguardia. Sarebbe importante che gli uomini di Zanin, che a Montichiari in C2 ha chiuso la carriera di giocatore, realizzando 34 reti in tre campionati (nella quarta e ultima stagione ha disputato solo 2 partite), riuscissero a tenere fuori le polemiche dal campo, perché, come già dimostrato in precedenza, l'equilibrio che regna in questo campionato ti porta a pagare anche il minimo errore di concentrazione.

Precedenti

Treviso e Montichiari si affrontano per la prima volta in gare ufficiali.

La partita

Un calcio alla crisi (e alla sfortuna). Il Treviso rompe un digiuno di vittorie casalinghe che durava dal 9 ottobre, quando la doppietta di Ferretti aveva steso la Pro Patria. Dopo due mesi e una settimana circa, tre pareggi e due sconfitte, ecco un'altra decisiva doppietta, la prima di Torromino in maglia biancoceleste. Una vittoria sudata, sofferta ma meritata, che corona la grande prestazione collettiva dei biancocelesti.

Il Treviso vuole mettere da parte le polemiche del fine settimana (sciopero e penalizzazione) e andare in vacanza senza il peso del tabù Tenni, ma deve fare a meno di due pedine fondamentali come Perna e Paoli. In attacco il Cobra, out per due giornate, lascia il posto a Torromino, mentre in difesa Zanin risolve l'emergenza dando una chance a Brunetti (terzino destro) e spostando Cernuto sulla sinistra. Come a Chiavari Giorico viene riproposto dietro le punte.

Cronaca

Le pagelle di Treviso-Montichiari
Giocatore Il Gazzettino it logo.png Tribuna di treviso logo.png
Sartorello 6,5 7
Brunetti 6 5,5
Granati s.v. s.v.
Biagini 6,5 6,5
Di Girolamo 6,5 6
Cernuto 6 6
Stentardo 7 5
Bandiera 7 5,5
Malacarne 6,5 6
Giorico 6 5
Spinosa 6 5
Torromino 8 7,5
Ferretti 6,5 6,5
Visintin s.v. s.v.

Il Treviso parte col piglio deciso e nei primi minuti confina il Montichiari nella propria area. Al 4' Torromino prova la botta dal limite dell'area, ma il tiro viene smorzato da un difensore rossoblu. Poche vere emozioni fino al 10' quando i bresciani vanno vicino al gol con Severgnini: l'esterno sinistro parte da centrocampo, punta di Girolamo, lo aggira e dal limite dell'area fa partire un bel destro destinato ad insaccarsi. Sartorello compie un autentico miracolo e con la punta delle dita sfiora la palla quel tanto che basta per farle accarezzare la parte alta della traversa. Al 14' ottima penetrazione di Ferretti che elude la guardia dei centrali bresciani ma conclude in bocca a Gambardella. Due minuti dopo Malacarne ci prova di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo, palla a lato. A quel punto la partita si spegne, le squadre si annullano a centrocampo, ma non riescono a impensierire le retroguardie avversarie. Alla mezz'ora il clima si riscalda: Zanola affonda sulla destra e scarica un destro velenoso che si spegne alla destra di Sartorello. Lo scampato pericolo stimola il Treviso: al 33' Malacarne pesca Torromino in area di rigore, l'eroe di Chiavari punta Gambardella e lo infila con una piatto preciso. La reazione del Montichiari e furente ma infruttuosa, e l'unico risultato concreto è il giallo a Verdi (38') per un brutto fallo su Ferretti. Uno dei pochi cartellini dall'arbitro Sacchi di Macerata, per la prima volta al Tenni dopo aver arbitrato i biancocelesti nei big match di Venezia e Casale. Gli ultimi cinque minuti del primo tempo sono tutti di un rinato Ferretti. Al 40' semina il panico sulla sinistra e con un delizioso colpo di tacco serve Giorico che da posizione decentrata spara alle stelle. Cinque minuti dopo altra devastante azione di Ferretti: il ponsacchino si porta a spasso gli avversari, resiste a una serie di cariche e serve Giorico che solo davanti a Gambardella perde l'attimo e grazia l'estremo difensore bresciano. Il Treviso imbocca il tunnel degli spogliatoi tra gli applausi del Tenni, mentre un Giorico a testa bassa viene consolato dai compagni di squadra.

Nel secondo tempo il Montichiari si ripresenta con Murano e Feliciotto al posto di Verdi e Mastroianni. Dopo dieci minuti di noia assoluta arriva il pari del Montichiari: Muchetti sfrutta l'ennesima falla difensiva sulla sinistra, entra in area e serve il neoentrato Murano che di piatto infila Sartorello. Il gol del pareggio gela il pubblico. Il Treviso stenta a reagire, Giorico non sembra essersi ripreso dai due errori di fine primo tempo e Zanin manda in campo Spinosa. Al 20' Torromino anticipa e supera Zambelli, che crolla a terra coprendosi il volto; il guardalinee vede un fallo che non c'è e ferma il numero 10 trevigiano, ormai involato verso la porta. Piccolo incidente di percorso, visto che nei minuti successivi il Treviso dimostra di avere in mano la partita: comincia un lungo assedio all'area bresciana. Al 25' il Treviso si guadagna un calcio di punizione poco fuori dall'area di rigore: Spinosa tocca per Torromino, il numero 10 fa partire una staffilata rasoterra che, impercettibilmente sfiorata da Filippini, si insacca alla sinistra di Gambardella. Altra magia di Torromino, altra esplosione del Tenni. Timida la reazione del Montichiari, che ci prova a sua volta su punizione; la difesa respinge sui piedi di Zambelli che conclude malamente. Al 32' Murano si fa trovare smarcato dentro l'area, provvidenziale intervento di Di Girolamo che lo blocca poco prima del tiro. Al 40' un cross di Antoniacci attraversa tutta l'area trevigiana ma non trova la deviazione vincete; due minuti dopo, con una simile azione, il Treviso può chiudere i conti, ma Ferretti riesce appena a sfiorare la palla sul cross dalla destra di Torromino. Nei minuti finali il Treviso sfiora più volte il terzo gol in contropiede con il solito Torromino a menar le danze; al secondo minuto serve Spinosa che prova a sorprendere Gambardella con un tiro a giro. Il portiere evita il terzo gol, ma non la sconfitta del Montichiari, che non riesce a ripetere l'impresa di Rimini. Il Treviso chiude il girone di andata a pari punti col Rimini, un secondo posto che sarebbe stato solitario senza quel pasticcio estivo.

Collegamenti esterni

Note


Riepilogo partite stagionali

Treviso Football Club - Partite 2011/12
Campionato di Seconda Divisione (girone A)

(1) Poggibonsi-Treviso • (2) Treviso-Savona • (3) Treviso-San Marino • (4) Renate-Treviso • (5) Treviso-Borgo a Buggiano • (6) Valenzana-Treviso • (7) Treviso-Pro Patria • (8) Alessandria-Treviso • (9) Treviso-Mantova • (10) Casale-Treviso • (11) Treviso-Rimini • (12) Bellaria Igea Marina-Treviso • (13) Treviso-Lecco • (14) Giacomense-Treviso • (15) Treviso-Santarcangelo • (16) Sambonifacese-Treviso • (17) Treviso-Cuneo • (18) Virtus Entella-Treviso • (19) Treviso-Montichiari • (20) Treviso-Poggibonsi • (21) Savona-Treviso • (22) San Marino-Treviso • (23) Treviso-Renate • (24) Borgo a Buggiano-Treviso • (25) Treviso-Valenzana • (26) Pro Patria-Treviso • (27) Treviso-Alessandria • (28) Mantova-Treviso • (29) Treviso-Casale • (30) Rimini-Treviso • (31) Treviso-Bellaria Igea Marina • (32) Lecco-Treviso • (33) Treviso-Giacomense • (34) Santarcangelo-Treviso • (35) Treviso-Sambonifacese • (36) Cuneo-Treviso • (37) Treviso-Virtus Entella • (38) Montichiari-Treviso

Supercoppa di Seconda Divisione

Treviso-PerugiaPerugia-Treviso

Coppa Italia Lega Pro

Spal-TrevisoTreviso-BassanoGiacomense-TrevisoTreviso-RiminiTreviso-TriestinaTreviso-Carpi

Amichevoli

Fiorentina-TrevisoLongarone-TrevisoCagliari-TrevisoConegliano-TrevisoTreviso-GISS

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti