Treviso-Nervesa (26 ottobre 2014)

Da Forza Treviso Enciclopedia.
Treviso-Nervesa 2-2
Competizione:
Campionato di Eccellenza Veneto (girone B) Stagione: 2014/15
Giornata o turno:
8ª giornata A/R: Ritorno
Luogo:Stadium.png
Stadio Omobono Tenni di Treviso
Data:Nuvola apps date.png
domenica 26 ottobre 2014
Arbitro:Arbitro fischietto.png
Del Fiore Stefano di Parma (Fiorio Matteo di Bassano, Fassina Alessandro di Bassano).
Formazioni
Stemma treviso small.png Treviso :
(4-4-2)
Bortolin, T. Granati, Ton, Orfino, G. Granati (st 18’ Fraccaro); Hysa (st 9′ Viteri), M. Marangon, Del Papa, Vianello; Conte (st 30′ Mason), Dal Compare. A disposizione: Pasquali, Lazzari, Minto, Livotto. Allenatore: Tentoni.
Stemma nervesa small.png Nervesa :
(4-4-2)
Filippetto; Salvadori, Sandri, Scomparin, Fantin; Dal Maso, Fuser, Moretti , Furlanetto (st 42′ Buranello); Zanatta (st 33′ Visentin), De Tuoni (st 25′ Haruna). A disposizione: Andreatta, Duroliari, S. marangon, Ganeo. Allenatore: Andretta.
Note
Gol:Icona Goal.png
pt 6′ Conte, 37′ rig. Ton, 42′ e 47′ rig. Furlanetto.
Ammoniti:Yellow card.png
Vianello, Orfino, Del Papa, Moretti e Zanatta.
Espulsi:Red card.png
-
Angoli:Nuvola apps kmines.png
3-2 per il Treviso.
Recupero:Nuvola apps ktimer.png
3'+4'.
Spettatori:Nuvola apps kdmconfig.png
919, incasso Euro 4913.
Meteo:Nuvola apps kweather.png
Giornata di sole.
Varie:Nuvola apps package editors.png

Treviso-Nervesa è la 8ª giornata del Campionato di Eccellenza Veneto (girone B) 2014/15, giocata domenica 26 ottobre 2014 alle ore 14.30.

Indice

Introduzione

Una settimana fa, allo Zanutto di San Donà di Piave, tanto la squadra quanto i tifosi hanno vissuto una giornata da incubo. Partita brutta, persa meritatamente dal Treviso, a prescindere da una terna arbitrale da... Terza categoria, come lo spettacolo offerto dalle due squadre in campo. La vera impresa, alla fine, l’ha fatta il Treviso, piegato da una squadra modesta (ma evidentemente, più motivata e tenace). Privo dell’ex Mensah e, per quasi un tempo intero, dell’altro attaccante titolare Santagata, il Passarella veniva dallo 0-0 di Quinto, fanalino di coda con 25 gol subiti nelle prime sei partite. Numeri che di riflesso rendono ancora più inaccettabile la meritata sconfitta di una settimana fa.

Di fronte alla prestazione offerta dalla squadra, specialmente nel primo tempo, non ci sono alibi (mancanza sempre più evidente di una prima punta di PESO, scelte più o meno condivisibili o arbitraggio da radiazione) che tengano. Scarico, demotivato, forse troppo sicuro dei propri mezzi dopo i due successi di fila e il roboante 9-1 di Coppa contro (in sostanza) la juniores del Vittorio Veneto. A quest’ultima ipotesi non ci vogliamo neanche pensare, anche se è evidente che, per certi versi, il Treviso contro il Passarella ha dato prova di immaturità. Squadra giovane, certo, ma evidentemente a tutto c’è un limite se in settimana la dirigenza (rappresentata dal dg Bruno Gemin) è intervenuta a Vascon per un doveroso faccia a faccia chiarificatore con la squadra, scivolata a -8 dal duo di testa, dunque anche dall’obiettivo minimo dei play-off (con un distacco di sette o più punti non si disputeranno). Una strigliata l’avrà data, ovviamente, anche mister Tentoni, che già nel post gara non aveva cercato alibi parlando di sconfitta meritata senza se e senza ma.

Alcune scelte iniziali, fin troppo conservative di fronte agli stenti di questo avvio di campionato (e alle lacune dell’organico), continuano a non convincere (senza niente da perdere, non converrebbe partire con Mason, Conte e Dal Compare subito in campo?), e da questo punto di vista il mister sta pagando il rendimento decisamente sotto le aspettative dei due colpi di mercato Mason e Campagnolo. Del primo, vicecapocannoniere del girone B con la Piovese e autore di 45 gol in tre anni tra Calvi Noale e Piovese, abbiamo parlato più volte, cercando di trovare una giustificazione alla scarsa vena realizzativa dell’ex Giorgione. Ma è evidente che di fronte a prestazione scialbe come quella di domenica scorsa (condita da un rigore sbagliato nel peggiore dei modi) è sempre più difficile prendere le difese del bomber castellano. Come il regista Campagnolo (domani squalificato, avendo rimediato quattro gialli in appena sette partite), altro “enigma” di questo deludente avvio di campionato, l’impegno non manca, ma entrambi non sembrano inseriti nei meccanismi di gioco (nei momenti in cui la squadra cerca effettivamente di giocare a calcio, senza scadere nell’inutile lancio lungo verso la prima punta che non c’è...). Sembra quasi che, di fronte alle oggettive difficioltà della squadra nel suo complesso, i due – specialmente Mason – si siano fatti “schiacciare” dalla pressione suscitata dalle aspettative del precampionato. Questo mentre altri giocatori meno attesi (perché reduci da stagioni difficili, segnati da infortuni e qualche panchina di troppo) come Conte stanno vivendo una “seconda giovinezza”, specialmente a livello realizzativo.

Nel mezzo c’è la “vecchia guardia”, composta da chi ha già dimostrato tanto ma scalpita in panchina. Domani sembra la volta buona, perché complici infortuni e squalifiche (Zamuner e Pilotto un difesa, Campagnolo a centrocampo) gente come Del Papa e Dal Compare dovrebbero ritrovare una maglia da titolare. Anche se, a essere franchi, non servirebbero defezioni di alcun tipo per schierare questi due elementi più spesso e dal primo minuto. Certo, l’esame di domani sarà uno dei più duri, perchè il Nervesa capoista non è la squadra a corto di preparazione sconfitta in Coppa Italia a fine agosto. Con appena due gol subiti è la difesa meno perforata di tutta l’Eccellenza Veneta, e insieme al Calvi Noale (per entrambe 19 punti frutto di sei successi e un solo pareggio) sta confermando le previsioni estive sulla corsa a due per la promozione diretta. Dietro il vuoto, visto che anche la terza incomoda Liventina Gorghense, nonostante l’ennesima rivoluzione e un campagna acquisti faraonica, è già distante cinque lunghezze. Poi c’è l’anonimato del gruppone, più vicino alla zona retrocessione che ai play-off. Il Treviso ne fa parte, ma se ne deve staccare al più presto...

La partita

Il Treviso offre la miglior prestazione in assoluto, giocando ad alti livelli per tutti i 90 minuti, ma alla fine impatta contro un Nervesa “salvato” dall’arbitro. Primo tempo dominato dai biancocelesti, che oltre a produrre buon gioco vanno in vantaggio con Conte (punizione) e raddoppiano con Ton su rigore procurato da Dal Compare. I padroni di casa sfiorano il terzo gol con Vianello, ma poco dopo sale in cattedra l’arbitro, che concede due rigori nei cinque minuti finali, entrambi trasformati da Furlanetto. Se il primo c’è, non altrettanto si può dire del secondo. Nella ripresa le squadre giocando alla pari e si contano occasioni clamorose da ambo le parti, ma finsice con un pari che accontenta più l’ex capolista. Davvero un peccato, ma questo Treviso formato 4-4-2, con due uomini chiave della promozione in Eccellenza in campo dal primo minuto, ha fatto vedere ottime cose e sabato (si anticiperà) salirà nuovamente nel bellunese, a Sedico, con i mezzi per riscattare lo scivolone della prima giornata con la Feltrese.

Quanto contano gli episodi del calcio? Tanto, tantissimo. Oggi al Tenni ne abbiamo avuto una controprova: se Vianello non avesse sprecato quella clamorosa occasione (che, a dire il vero, era stato molto bravo a procurarsi facendosi trovare al posto giusto nel momento giusto), probabilmente saremmo qua a commentare un’altra strepitosa vittoria come quella contro il Liapiave di 15 giorni fa. E invece...

E invece il sapore della giornata di oggi è che il primo posto ce lo siamo giocati. Si, perchè mentre noi abbiamo fermato l’ex co-capolista, il Calvi Noale ha preso il largo, dando una bella prova di forza contro la Liventina, portandosi a +10 sui biancocelesti, ora scivolati addirittura al sesto posto, e quindi fuori dalla zona play-off.

Che partita abbiamo visto oggi al Tenni? Possiamo dividerla in 3 fasi.

Nei primi 40 minuti, il Treviso ha letteralmente dominato la partita, creando diverse occasioni tra la magia di Conte (quinto gol in campionato) su punizione e il rigore magistralmente procurato da Dal Compare e realizzato da Ton; poi, in 7 minuti (recupero compreso) abbiamo assistito al peggior suicidio della storia del Treviso Calcio, con 2 rigori per altrettanti falli di mano magari un po’ eccessivi (soprattutto il secondo), ma da autolesionisti pure.

Nel secondo tempo la partita è diventata più equilibrata, ci sono state occasioni da ambo le parti ma anche in questo caso il Treviso, che pure ha avuto un po’ più di paura rispetto al primo tempo, avrebbe meritato qualcosina di più ai punti. L’occasionissima per il Nervesa è però capitata sui piedi del neo-entrato Visentin, che solo a tu per tu con Bortolin ha clamorosamente tirato in bocca all’estremo difensore del Treviso. La sconfitta sarebbe stata eccessiva, ma si sa, nel calcio chi sbaglia paga.

Non abbiamo volutamente approfondire l’arbitraggio, ma ci poniamo una domanda: non vogliamo essere agevolati o tutelati solo perché portiamo un nome storico e sicuramente sovradimensionato per questa categoria, ma di certo non ci stiamo a passare per capro espiatorio, dato che non abbiamo fatto nulla di male a nessuno, questa categoria ce la siamo meritata sul campo e altrettanto meritevolmente ci piacerebbe andare in D.

Difficile trovare un giocatore che abbia giocato meglio degli altri. Ne scegliamo uno per reparto: Orfino (redivivo), lo stantuffo Del Papa (idem come Orfino) e Dal Compare (idem con patate). Non è che per caso il Treviso grazie a queste squalifiche abbia trovato la sua fisionomia definitiva? La risposta inizieremo ad averla sabato prossimo a Sedico.

Galleria

Riepilogo 8ª giornata

Risultati Classifica Prossimo turno
  • Calvi Noale-LiventinaGorghense 3-1
  • Feltrese-Liapiave 0-2
  • Istrana Vittorio falmec 2-1
  • Mestrina-Laguna Venezia 2-0
  • Union QDP-Passarella 1-1
  • Quinto-Sedico S. Giorgio 0-2
  • Treviso-Nervesa 2-2
  • Vigontina-Opitergina 3-1
  1. Calvi Noale 22
  2. Nervesa 20
  3. LiaPiave 15
  4. LiventinaGorghense 14
  5. Mestrina 14
  6. Treviso 12
  7. Passarella 12
  8. San Giorgio Sedico 12
  9. Feltrese 11
  10. Vittorio Falmec 10
  11. Laguna Venezia
  12. Union QDP 9
  13. Istrana 7
  14. Vigontina 6
  15. Opitergina 3
  16. Quinto 1
  • LiaPiave-Calvi Noale
  • LiventinaGorghense-Union QDP
  • Nervesa-Mestrina
  • Opitergina-Istrana
  • Passarella-Feltrese
  • San Giorgio Sedico-Treviso
  • Quinto-Vigontina
  • Vittorio falmec-Laguna

Collegamenti esterni

Note


Riepilogo partite stagionali

A.C.D. Treviso - Partite 2014/15
Campionato di Eccellenza Veneto (girone B)

(1) Feltreseprealpi-Treviso • (2) Treviso-Istrana • (3) Laguna Venezia 2011-Treviso • (4) Treviso-Mestrina • (5) Vittorio Falmec-Treviso • (6) Treviso-Liapiave • (7) Passarella-Treviso • (8) Treviso-Nervesa • (9) Union San Giorgio Sedico-Treviso • (10) Treviso-Opitergina • (11) Union Quinto-Treviso • (12) Treviso-Liventina Gorghense • (13) Vigontina-Treviso • (14) Treviso-Calvi Noale • (15) Union QDP-Treviso • (16) Treviso-Feltreseprealpi • (17) Istrana-Treviso • (18) Treviso-Laguna Venezia 2011 • (19) Mestrina-Treviso • (20) Treviso-Vittorio Falmec • (21) Liapiave-Treviso • (22) Treviso-Passarella • (23) Nervesa-Treviso • (24) Treviso-Union San Giorgio Sedico • (25) Opitergina-Treviso • (26) Treviso-Union Quinto • (27) Liventina Gorghense-Treviso • (28) Treviso-Vigontina • (29) Calvi Noale-Treviso • (30) Treviso-Union QDP

Coppa Italia Dilettanti

Treviso-IstranaNervesa-TrevisoTreviso-Union QuintoVittorio Falmec-TrevisoCampodarsego-TrevisoTreviso-Campodarsego

Amichevoli

Treviso-ClodienseTreviso-AbanoBologna/Primavera-TrevisoTreviso-MontebellunaDolo 1909-TrevisoCodognè-TrevisoGorghense-TrevisoTreviso-ConeglianoTreviso-San Michele SalsaUnion Pro Mogliano Preganziol-Treviso

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti