Treviso-Opitergina (3 aprile 2011)

Da Forza Treviso Enciclopedia.
Treviso-Opitergina 2-1
Competizione:
Campionato di Serie D (girone C) Stagione: 2010/11
Giornata o turno:
30ª giornata A/R: Andata
Luogo:Stadium.png
Treviso
Data:Nuvola apps date.png
domenica 3 aprile 2011
Arbitro:Arbitro fischietto.png
Formazioni
Stemma treviso small.png Treviso :
Sartorello, Granati, Paoli, Ferronato, Biagini (25′st De Bortoli), Cernuto, Brunetti (19′st Spinosa), Bandiera (41′st De Mattia), Ferretti, Torromino, De Lorentiis. A disposizione: De Miglio, Baldares, Bruni, Bidogia. Allenatore: Russo.
Stemma opitergina small.png Opitergina :
Saltarel, Toso (4′pt Grava), Artusi, Panarotto (39′st Bardellotto), Paolucci, Nieri, Dei Rossi, Bettiol (22′st Fardin), Dall’Acqua, Favero, Martina. A disposizione: Zarotti, Dassiè, Girardi, Biondo. Allenatore: Bolzan.
Note
Gol:Icona Goal.png
28′pt Torromino; 24′st De Lorentiis; 32′st Dei Rossi.
Ammoniti:Yellow card.png
3′st Artusi; 13′st Favero; 35′st Dei Rossi; 37′st Panarotto.
Espulsi:Red card.png
Angoli:Nuvola apps kmines.png
5-4.
Recupero:Nuvola apps ktimer.png
Spettatori:Nuvola apps kdmconfig.png
1.089.
Meteo:Nuvola apps kweather.png
Varie:Nuvola apps package editors.png

Treviso-Opitergina è la 30ª giornata (13ª giornata del girone di ritorno) del Campionato di Serie D (girone C) 2010/11, giocata domenica 3 aprile 2011 alle ore 14.30.

Indice

Introduzione

L'avversario: Stemma opitergina small.png Opitergina 

Dopo aver superato a pieni voti la prova del fuoco di Sant’Elena, il Treviso cerca di riprendere la marcia consapevole che le prossime cinque partite saranno altrettanti finali da giocare con la stessa intensità e tensione. Il primo ostacolo nel cammino che porta alla vittoria finale si chiama Opitergina, squadra che anche dopo la gara d’andata non è riuscita a tirarsi fuori dalle sabbie mobili. All’Opitergium, nella bufera e in un campo ai limiti della praticabilità, il Treviso s’era fatto stoppare dalle “furie rosse”, protagoniste di una prova generosa. Un pareggio che i padroni di casa avevano meritato, ma che in ogni caso aveva lasciato l’amaro in bocca ai biancocelesti. Il Treviso, dopo aver rischiato di andare sotto in paio di occasioni, era riuscito a passare in vantaggio sul finire di tempo con una grande giocata di Andrea Ferretti. Ma nella ripresa, come in tante altre occasioni, era mancato il colpo del ko e nel finale di gara l’Opitergina aveva trovato il gol con un guizzo di Furlan, abile a sfruttare una disattenzione difensiva e un’uscita un po’ avventata di Sartorello. Dopo quell’impresa i ragazzi di Tossani avevano inanellato quattro risultati utili consecutivi, culminati con la vittoria sul Chioggia, ma le speranze in una decisiva risalita della classifica erano state frustrate da altre sconfitte interne. Quella nel derby col Montebelluna è costata la panchina a mister Tossani, eroe della doppia promozione dalla Promozione alla D. Al suo posto Stefano De Agostini, in precedenza alla Sacilese. Ottimo il debutto vincente a Monrupino contro il Kras Repen, ma le furie rosse anche col nuovo allenatore hanno continuato a pagare la mancanza di continuità. A pesare negativamente sul cammino verso zone più tranquille l’infortunio patito dal bomber Furlan, che all’andata aveva rappresentato la vera spina nel fianco per la difesa biancoceleste. L’Opitergina sta pagando a caro prezzo l’assenza di un giocatore che insieme all’ex biancoceleste Stefano Dall'Acqua costituiva una delle coppie d’attacco più forti del girone. Al Tenni De Agostini dovrà fare a meno non solo di Furlan, ma anche di Mastellotto e Pasian, squalificati per un turno dopo l’ammonizione rimediata una settimana fa contro il Tamai. In forte dubbio anche il difensore Toso, infortunatosi alla falange sette giorni fa, mentre non sarà della partita il regista De Pandis ancora alle prese con dei guai muscolari. Mancherà anche mister De Agostini, squalificato per due giornate dopo l’espulsione di domenica scorsa.

Situazione interna

A fargli compagni in tribuna ci sarà anche mister Zanin, e con lui Visintin e il bomber Perna. Sarà un derby con tanti assenti dunque, da una parte e dall’altra, ma ciò non cambia l’obiettivo del Treviso. Dopo essere passati indenni tra le forche caudine del Penzo, i biancocelesti sanno che ora tutto dipenderà dalle proprie forze. Aspettarsi regali dalle avversarie è inutile, anche perché il calendario sulla carta sembra più impegnativo di quello che aspetta gli arancioneroverdi. La strada verso la Seconda Divisione si presenta ancora in salita, il vantaggio minimo in classifica non conta nulla in questo momento. Mister Zanin l’ha sottolineato a più riprese in questa settimana, mentre stamane Ferronato dalla pagine de La Tribuna di Treviso ha messo in guardia tutti: il Treviso non si può permettere nessun calo di tensione dopo il tesissimo derby del Penzo. “A Venezia sicuramente c’è stato un grande dispendio di energie, ma io penso che una squadra come la nostra se vuole vincere il campionato deve essere capace di resistere a tutto e dimenticarlo immediatamente. La cosa più giusta da fare è rituffarci nel campionato con la testa e le gambe, altrimenti si va troppo dietro ad una partita sola, che in termini di punteggio vale come le altre. Se pareggi a Venezia e poi non vinci con l’Opitergina c’è da mangiarsi le mani”. Già, il Treviso di regali ne ha fatti anche troppi, e a questo punto della stagione non si può più sbagliare. Per il capitano come per Biagini le assenze non peseranno, come non peserà la cronica assenza di pubblico sugli spalti del Tenni: “Quelli che vengono a vederci, anche in trasferta, se dimostrano passione e tifo, è come se fossero di più. A noi va bene anche così, non possiamo pretendere ciò che non può avvenire. Vedremo di dare il massimo per quelli che ci sono e che ci vogliono bene, questa è la cosa che conta di più”. Quest’anno il pubblico del Tenni ha sorpreso quasi sempre in negativo, e non può che sconsolare il confronto con i 1500 spettatori di media dell’Interregionale 1994/1995, la prima di tre straordinarie vittorie firmate Caberlotto-Pillon. E pensare che Treviso-Opitergina in Eccellenza lo scorso anno aveva segnato il dato stagionale più alto: oltre 1300 spettatori, mentre quest’anno con una società solida e una squadra prima in classifica nella serie superiore si fatica a farne mille… Dalle pagine de Il Gazzettino Corvezzo si augura di vedere il Tenni pieno, ma per far queste potrebbero non essere sufficienti nemmeno iniziative simili alle promozioni per le famiglie (e i biglietti omaggio) che l’Unione Venezia ha pensato per riempire il Penzo in occasione del derby... Ferronato e compagni cercheranno di regalare una gioia ai pochi fedelissimi. Ce la metterà tutta anche uno dei giocatori più importanti di questo Treviso, Andrea Bandiera, che in settimana è stato incolpevolmente invischiato in una sterile polemiche. Possiamo solo dire che i tifosi non hanno mai avuto dubbi sulla sua professionalità e sul suo valore. Un valore inestimabile, messo in mostra anche al Penzo con un’altra encomiabile prova.

La partita

Vittoria sofferta ma meritata del Treviso che batte l’Opitergina 2-1 con gol di Torromino e De Lorentiis. Per gli ospiti accorcia le distanze Dei Rossi, ma nel nervoso finale i biancocelesti resistono all’assalto delle furie rosse e volano a +5 in classifica vista la sconfitta dell’Unione Venezia a Rovigo.

Cronaca

Le pagelle di Treviso-Opitergina
Il Gazzettino it logo.png Tribuna di treviso logo.png
Sartorello 6 6
Granati 6,5 7
Paoli 6,5 6,5
Ferronato 6 6,5
Cernuto 6 6
Biagini 6,5 7
De Bortoli s.v. 5
Brunetti 6 6
Spinosa 6 6
Bandiera 6,5 6
De Mattia s.v. s.v.
Ferretti 6,5 6
Torromino 6 7,5
De Lorentiis 6 6

Tra squalifiche e infortuni piccola emergenza per Zanin, che all’ultimo deve rinunciare anche a Spinosa tenuto precauzionalmente in panchina e sostituito a centrocampo da Brunetti, che lascia la fase difensiva a Granati. Al centro della difesa Cernuto rimpiazza Visintin, mentre in attacco dopo due gare di riposo ritrova il posto il fantasista calabrese Torromino. Come annunaicato problemi anche per l’Opitergina che deve far a meno di Pasian e Mastellotto squalificati e del regista De Pandis. Toso, in dubbio fino all’ultimo per l’infortunio alla mano, è in campo fin dall’inizio ma proprio nei primi minuti di gara deve abbandonare la partita dopo uno scontro aereo con Torromino. Il giovane esterno biancorosso cade pesantemente e si infortuna alla spalla, al suo posto entra Grava. Al 5′ prima occasione per i biancocelesti, con Granati che affonda sulla destra e semina un paio di avversari, ma al momento di concludere a rete viene stoppato dalla difesa ospite. Dopo cinque minuti ci prova Torromino, che dopo aver scambiato con Ferretti (ottima l’intesa tra i due) fa partire un bolide da fuori area che si stampa sulla parta della traversa graziando Saltarel. L’Opitergina sembra in balia del Treviso, anche se al 14′ Dei Rossi vede un varco e prova il tiro da fuori, ma la sua conclusione è troppo debole e Sartorello non ha problemi a bloccare il pallone. Poco dopo altra magica combinazione tra Ferretti e, questa volta, Bandiera. Il centrocampista si libera a fa partire un destro violento disinnescato con fatica da Saltarel. La palla resta in area ma il difensore Artusi libera l’area. Ferretti è scatenato, ma Saltarel gli nega ancora il gol. Poco dopo l’attaccante di Ponsacco ci riprova con un’azione personale, ma il suo tiro sfiora il palo alla destra di Saltarel. Il Treviso continua ad assediare le furie rosse, che per fermare le incursioni avversarie sono costretti a intervenire in modo falloso. Al 24′ una punizione dai 35 metri di Ferronato rischia di trafromarsi in un assist perfetto per De Lorentiis, ma la difesa ospite si fa trovare pronta con Saltarel protagonista in due tempi. Ma l’estremo difensore opitergino nulla può contro la magia di Torromino. Al 28′ il trequartista riceva palla sul vertice destro dell’area di rigore, con un finta elude il controllo del marcatore e di sinistro fa partire un tiro a giro che si insacca alla destra di Saltarel. Esplode l’Omobono Tenni, il Treviso è finalmente in vantaggio. Al 35′ l’Opitergina si fa vedere in avanti con Martina, abile a guadagnarsi un calcio d’angolo che grazie all’ottima prova della difesa biancoceleste non porta alcun pericolo. Rischia grosso invece De Lorentiis, che interviene duramente su Paolucci. L’arbitro lo grazia. Poco prima dell’intervallo ci riprova Ferretti che, dopo aver recuperato palla al limite dell’area, fa partire un pallonetto che si spegne sul fondo. Tre minuti dopo l’arbitro manda tutti negli spogliatoi.

Nella ripresa il Treviso si presenta con la voglia giusta per chiudere la partita e non commettere quell’errore che in passato tanto gli è costato. Dopo un minuto il Treviso reclama un rigore (non sarà l’unico). Torromino si incunea in area spalla contro spalla con Niero, che vistosi saltato stende l’autore del vantaggio biancoceleste. Sembra rigore ma l’arbitro ha ravvisato un fallo di Torromino, che protesta inutilmente. Dopo due minuti il fantasista scuola Crotone spizza di testa per Ferretti che si trova solo davanti al Saltarel, ma l’attaccante invece di calibrare spara addosso al portiere. All’8′ bello scambio in orizzontale tra Torromino e Ferretti. Il numero 9 ha la possibilità di tirare, ma preferisce appoggiarla per De Lorentiis, che smarcato sulla sinistra fa partire un piattone mancino troppo debole per il Saltarel visto finora. Al 20′, azione insistita del Treviso su azione da calcio d’angolo, Paoli fa partire un bel traversone dalla sinistra, l’accorrente Ferretti anticipa il proprio marcatore e colpisce di testa, ma la palla finisce di poco fuori. Al 21′ altra bella azione di Torromino, che recuperata una palla al limite dell’area fa partire un assist delizioso per Ferretti che viene atterrato da Grava. L’attaccante toscano non ha nemmeno la forza per protestare. Poco importa perchè poco dopo, al 24′, arriva il meritato gol del 2-0 questa volta su azione perfezionata dall’asse Ferretti-De Lorentiis. Su lancio di Ferronato De Lorentiis prolunga per Ferretti, che dalla destra salta un avversario e calcia in porta. Saltarel riesce a deviarla sulla traversa e rimbalza in campo ma appostato come un falco c’è De Lorentiis che di testa la mette dentro. Poco dopo Biagini esce per crampi e lascia il posto a De Bortoli. Al 32′, quando la partita sembra già finita. l’Opitergina la riapre sfruttando una delle poche amnesie difensive della retroguardia biancoceleste. Dall’Acqua appoggia per Artusi che fa partire un cross su cui si avventa Dei Rossi che di testa infila Sartorello. Il Treviso prova a richiuderla. Ferretti, ormai esausto dopo l’ennesima prova generosa, invoca inutilmente un altro rigore. Poco dopo invece, al 38′, appoggia per l’accorrente Ferronato che da fuori fa partire un tiro forte ma impreciso che finisce sopra la traversa. Il Treviso ha di nuovo in mano la partita, e all’Opitergina saltano i nervi. Ne fanno le spese vari giocatori del Treviso, in primis Ferretti che mentre cerca di difendere una palla lungo il fallo laterale viene atterrato con un intervento duro ma non falloso. Volano i gialli verso gli ospiti, ma i colpi proibiti continuano. Il più sfortunato è Bandiera che dopo un intervento kamikaze di un opitergino resta a terra dolorante e con le mani sul volto. Il centrocampista viene portato fuori in barella (per lui un dente scheggiato e una forte botta in testa), al suo posto entra De Mattia. L’Opitergina ha l’ultima occasione per pareggiare al 46′, ma la punizione di Favero termina abbondantemente alta. Dopo il lungo recupero arriva il triplice fischio che fa esplodere il Tenni.

Commento

I biancocelesti approfittando del clamoroso tonfo dell’Unione Venezia a Rovigo e si portano a +5 sugli arancioneroverdi facendo un altro bel passo in avanti verso la vittoria del campionato. Quella di oggi è stato l’ennessimo sofferto successo, ma in questo periodo a contare sono i punti e il Treviso in questa pazza domenica di primavera ha fatto il suo compito.

Galleria

Collegamenti esterni

Note


Riepilogo partite stagionali

Treviso Foot-ball Club 1993 - Partite 2010/11
Campionato di Serie D (girone C)

(1) Sanvitese-Treviso • (2) Treviso-Montecchio Maggiore • (3) Belluno-Treviso • (4) Treviso-Montebelluna • (5) Rovigo-Treviso • (6) Treviso-Este • (7) Pordenone-Treviso • (8) Treviso-SandonàJesolo • (9) Kras Repen-Treviso • (10) Treviso-San Paolo Padova • (11) Torviscosa-Treviso • (12) Treviso-Unione Venezia • (13) Opitergina-Treviso • (14) Union Quinto-Treviso • (15) Treviso-Tamai • (16) Chioggia Sottomarina-Treviso • (17) Treviso-Città di Concordia • (18) Treviso-Sanvitese • (19) Montecchio Maggiore-Treviso • (20) Treviso-Belluno • (21) Montebelluna-Treviso • (22) Treviso-Rovigo • (23) Este-Treviso • (24) Treviso-Pordenone • (25) SandonàJesolo-Treviso • (26) Treviso-Kras Repen • (27) San Paolo Padova-Treviso • (28) Treviso-Torviscosa • (29) Unione Venezia-Treviso • (30) Treviso-Opitergina • (31) Treviso-Union Quinto • (32) Tamai-Treviso • (33) Treviso-Chioggia Sottomarina • (34) Città di Concordia-Treviso

Poule Scudetto di Serie D

Treviso-CuneoMantova-Treviso

Coppa Italia di Serie D

Trento-TrevisoSan Paolo Padova-Treviso

Amichevoli

Treviso-CareniPieviginaTreviso/A-Treviso/BVicenza/Primavera-TrevisoGiorgione-TrevisoUnion Sandonatese-TrevisoTreviso-PonzanoScorzè-Treviso

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti