Lunedì i calendari. Ufficializzato il regolamento della Coppa Italia

Acd Treviso Coppa Italia DilettantiLunedì 25 agosto saranno diramati i calendari dei campionati dilettantistici gestiti dal Comitato Regionale Veneto (dall’Eccellenza alla Seconda categoria). La presentazione avrà luogo alle ore 19.00 presso l’Auditorium de  «Il Gazzettino», nella sede Regionale di Venezia, situata in via Torino 110 a Mestre.
L’evento si potrà seguire in diretta streaming sul sito de «Il Gazzettino» (www.ilgazzettino.it); l’apposito collegamento diretto all’evento sarò presente nella home page del sito.

Il Crv con l’allegato al comunicato 16 ha ufficializzato il regolamento della Coppa Italia Dilettanti, al via il 27 agosto.

REGOLAMENTO COPPA ITALIA 2014/2015

49^ edizione

(Fase Regionale)

• Alla Coppa Italia Dilettanti – manifestazione ufficiale organizzata dalla L.N.D. – sono tenute a partecipare le Società aventi titolo di iscrizione al Campionato di Eccellenza della stagione sportiva 2014/2015.

• Il Comitato Regionale Veneto curerà direttamente l’organizzazione della “Fase Regionale”.
Nella predisposizione dei gironi quadrangolari e degli abbinamenti, il C.R.V. si atterrà al criterio della vicinanza, prescindendo -dal primo turno di qualificazione ai quarti di finale- dall’ appartenenza delle squadre al medesimo girone di Campionato.
La Società prima classificata, sarà ammessa alla successiva “fase nazionale”.

GARE DI QUALIFICAZIONE (1° Turno di gare)

• Al 1° Turno di Gare, che si svolgerà Mercoledì 27 Agosto, Domenica 31 Agosto e Mercoledì 17 Settembre 2014, le 32 formazioni in lizza, suddivise in 8 Gironi quadrangolari, si incontreranno, con gare di sola andata e classifica finale. Si qualificheranno ai quarti di finale le prime squadre classificata per ogni girone.

• Al termine delle tre giornate di gara, per determinare le Società vincenti ciascun quadrangolare – che passeranno al turno successivo – saranno stilate le classifiche, tenendo conto nell’ordine:

1° – del punteggio acquisito (3 punti alla vittoria, 1 punto al pareggio, 0 punti alla sconfitta)
2° – dello scontro diretto (tra due Società a parità di punteggio)
3° – del punteggio della classifica avulsa (tra tre o più Società a parità di punteggio)
4° – della differenza reti (tra le Società coinvolte nella classifica avulsa)
5° – del maggior numero di reti realizzate (tra le Società coinvolte nella classifica avulsa)
6° – della differenza reti (tra tutte le Società del Quadrangolare)
7° – del maggior numero di reti realizzate (tra tutte le Società del Quadrangolare)
8° – in caso di permanente situazione di parità, si ricorrerà al sorteggio.

GARE DEI QUARTI DI FINALE
Le 8 squadre qualificate per i Quarti di Finale saranno abbinate tra di loro -a due a due- con gare di sola andata, il campo di gioco sarà stabilito per sorteggio a cura del C.R.V..
Sarà dichiarata vincente la squadra che avrà realizzato il maggior numero di reti; qualora le due squadre si trovassero in parità di punteggio al termine della gara, per determinare la vincente, si procederà all’esecuzione dei tiri di rigore, da effettuarsi con le modalità previste dal vigente Regolamento del Giuoco.
Non è prevista la disputa di tempi supplementari.
Le reti in trasferta non valgono doppio.

Le gare dei Quarti di Finale si giocheranno nella giornata di:
• – Mercoledì 15 ottobre 2014 ore 20.30.

GARE DI SEMIFINALI
• Le 4 squadre qualificate per le Semifinali saranno abbinate per sorteggio e disputeranno gara di andata e ritorno, il campo di gioco sarà stabilito per sorteggio a cura del C.R.V.. Per la formulazione degli abbinamenti delle squadre partecipanti alle Semifinali, si procederà al sorteggio presso la sede del Comitato Regionale Veneto.
Sarà dichiarata vincente la squadra che avrà realizzato il maggior numero di reti nelle due gare di andata e ritorno; qualora le due squadre si trovassero in parità di punteggio al termine dei due incontri (andata/ritorno), per determinare la vincente, si procederà all’esecuzione dei tiri di rigore, da effettuarsi con le modalità previste dal vigente Regolamento del Giuoco.
Non è prevista la disputa di tempi supplementari.
Le reti in trasferta non valgono doppio.

Le gare di Semifinale si giocheranno nelle giornate di:
• – Andata: Mercoledì 19 novembre 2014 ore 20.30;
• – Ritorno: Mercoledì 03 dicembre 2014 ore 20.30.

GARA DI FINALE
• La gara di Finale “Regionale” verrà disputata in campo neutro a cura del C.R.V. che ne curerà l’organizzazione.
In caso di parità di punteggio al termine dei tempi regolamentari, verranno disputati due tempi supplementari da 15’ ciascuno e, nel caso di ulteriore parità, verranno battuti i tiri di rigore come previsto dal vigente Regolamento del Giuoco.
Le due squadre vincitrici le rispettive semifinali si qualificheranno per la gara di Finale “Regionale” in programma:

DOMENICA 04 GENNAIO 2015 ORE 14.30

• Alle gare possono partecipare i giocatori tesserati per le rispettive Società, che abbiano compiuto il 15° anno di età nel rispetto delle condizioni previste dall’art. 34 comma 3) delle N.O.I.F. (vedi Com. Uff. n. 1 del 03/07/2014); le Società hanno inoltre l’obbligo di impiegare – sin dall’inizio e per l’intera durata della gara, anche nel caso di sostituzioni successive di uno o più partecipanti – almeno TRE giocatori rientranti nelle seguenti fasce d’età:
– n. 1 atleta nato dal 1° gennaio 1994 in poi
– n. 1 atleta nato dal 1° gennaio 1995 in poi
– n. 1 atleta nato dal 1° gennaio 1996 in poi.
Resta inteso che, in relazione a quanto precede, devono eccettuarsi i casi di espulsione dal campo e, qualora siano già state effettuate tutte le sostituzioni consentite, anche i casi di infortunio dei calciatori delle fasce di età interessate.

L’inosservanza delle predette disposizioni, sarà punita con la sanzione della perdita della gara prevista dall’Art. 17 comma 5 del Codice di Giustizia Sportiva.

• Durante ogni incontro, a ciascuna squadra é consentita la sostituzione di TRE calciatori, indipendentemente dal ruolo ricoperto, secondo quanto previsto dall’art. 74 delle N.O.I.F.

Limitatamente alle tre gare del primo turno in programma il 27/8 – 31/8 e 17/9/2014, tenuto conto che si tratta delle prime gare ufficiali d’inizio dell’attività, alle squadre viene concessa la possibilità di sostituire CINQUE calciatori.

• Gli orari delle gare che si svolgono in giornata festiva, sono quelli fissati per le manifestazioni ufficiali.
Nelle gare organizzate in giornate infrasettimanali non festive, l’orario d’inizio è stabilito per le ore 20.30, salvo diverso accordo intercorso tra le Società direttamente interessate; le Società organizzatrici devono quindi dotarsi per tempo di un campo di gioco attrezzato con un impianto di illuminazione idoneo ed efficiente.

• La disciplina della fase regionale della Coppa Italia, demandata agli Organi Disciplinari Regionali, sarà gestita in ossequio a quanto disposto dagli Artt. 44, 45, 46 del vigente Codice di Giustizia Sportiva, con termini particolari per la presentazione di eventuali reclami, che devono essere inoltrati:
a) davanti al Giudice Sportivo Regionale – preannunciato telegraficamente – (relativamente ai limiti di età ed alle sostituzioni dei calciatori)
b) davanti al Giudice Sportivo Regionale (relativamente alle posizioni di tesseramento degli atleti e provvedimenti disciplinari pendenti) (può essere omesso l’invio del preannuncio telegrafico)
nel termine massimo di TRE giorni dallo svolgimento della gara stessa; copia del ricorso deve essere inviata alla Società controparte a mezzo di lettera raccomandata ed il tagliando di avvenuta spedizione di tale raccomandata deve essere allegato alla documentazione originale del reclamo da trasmettere all’Organo di Disciplina competente nel rispetto dei termini suddetti.

Nel caso che una Società rinunci, per qualsiasi motivo, alla disputa di una gara, saranno applicate nei suoi confronti le sanzioni di cui all’art. 17 n. 3 del C.G.S.; a carico della stessa verrà posta una ammenda di € 500,00. Nei confronti della Società rinunciataria potrà essere adottato il provvedimento di esclusione dal proseguimento nella manifestazione; saranno anche escluse le Società che utilizzano giocatori in posizione irregolare (Art. 17 n. 5 CGS) o che comunque si rendano responsabili di fatti in riferimento ai quali viene applicato nei loro confronti l’art. 17 n. 1 del Codice di Giustizia Sportiva (perdita della gara).

• Per quanto sopra non contemplato, valgono le norme federali vigenti, il Regolamento della L.N.D. ed il Regolamento della Coppa Italia Dilettanti pubblicato dalla L.N.D.

• Le spese arbitrali, rimborsate secondo le tariffe in vigore, saranno poste a carico delle squadre partecipanti.

• Ogni Società terrà per sé l’incasso della gara organizzata in casa. Nessun indennizzo sarà scambiato tra le Società. Nessuna tassa di iscrizione o di partecipazione è richiesta.

• Assistenza medica: alle Società ospitanti è fatto obbligo di far presenziare in ogni gara un medico da esse designato, munito di documento che attesti l’identità personale e l’attività professionale esercitata e a disposizione di entrambe le squadre. In alternativa, alle Società ospitanti è fatto obbligo di avere ai bordi del campo di giuoco una ambulanza. L’inosservanza di uno di tali obblighi comporta l’applicazione di un’ammenda.

• Alla Società di Eccellenza vincente la Coppa Italia Dilettanti fase Regionale 2014/2015, verranno assegnati:
n. 1 Trofeo per la Società, targa e distintivo al Presidente e n. 25 medaglie per la squadra;

• Si ricorda quanto previsto dall’art. n. 19 del C.G.S. :
Art. 19. punto 11 sub 1): “le sanzioni inflitte dagli Organi di Giustizia Sportiva in relazione a gare di Coppa Italia e di Coppe Regioni, si scontano nelle rispettive competizioni”;
Art. 19. punto 11 sub 2): “per le gare di Coppa Italia e Coppe Regioni organizzate dai Comitati, i tesserati incorrono in una giornata di squalifica ogni due ammonizioni inflitte dall’Organo di Giustizia Sportiva”.

Nella fase nazionale, la Società di Eccellenza finalista – che andrà a rappresentare il CR Veneto – sarà tenuta al rispetto delle disposizioni a carattere generale emanate dalla Lega Dilettanti con il proprio Com. Uff. n. 4 del 1° luglio 2014.

• Applicazione regolamenti federali: per quanto non previsto nel presente regolamento si fa espresso richiamo agli articoli delle Norme Organizzative della F.I.G.C., del Codice di Giustizia e del Regolamento della L.N.D.