LA RISCOSSA Il Treviso va sotto, poi rimonta e batte l’Istrana (2-1)

Dall’inferno alla resurrezione: non è la prima volta che il Treviso fa vivere giornate al cardiopalmo ai propri tifosi, ribaltando una situazione molto molto complicata. Era successo a Feltre come a Cornuda, si è ripetuto contro l’Istrana.
Ottoni (assente per influenza, al suo posto in panchina Riccardo Gheller) disegna il Treviso con un 4-3-3 che vede ancora assente Giovannini, ma con Furlan recuperato. Assente anche Casella per squalifica, mentre ritorna in panchina Di Salvo dopo un lungo stop.
Pronti, via e l’Istrana passa subito in vantaggio con un tiro da fuori area di Vettoretto, lasciato colpevolmente libero. Siamo di fronte all’ennesima sconfitta? Al Tenni si respira uno strano presagio. Il Treviso però questa volta reagisce subito, e dopo una bella occasione per Cattelan sprecata a tu per tu con il portiere, coglie l’incrocio dei pali con Zanardo. Il pareggio è maturo, e avviene puntualmente al 39 con Zanardo che, imbeccato dall’ottimo Furlan, riesce a trovare il gol dopo oltre 2 mesi di astinenza.
Ad inizio del secondo tempo l’Istrana riesce a prendere le redini del gioco e riesce a raddoppiare con un gol di testa di Zanatta, ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Il Treviso, spaventato, un po’ alla volta riesce a guadagnare metri in campo e con Moretti (tiro troppo alto) sfiora il vantaggio. Sempre Moretti è protagonista dell’azione che regala ai biancocelesti il gol vittoria: il suo tiro si stampa sulla traversa, sulla ribattuta il più lesto di tutti è Moretto che deposita in rete il suo settimo gol stagionale tra il tripudio del Tenni. Moretto esulta andando sotto i tifosi e viene ammonito; due minuti più tardi rimedia il secondo giallo e finisce anzitempo negli spogliatoi, ma c’è troppo poco tempo per l’Istrana per approfittare della superiorità numerica: il Treviso ritorna alla vittoria dopo un mese e mezzo, in cui ha quasi sicuramente compromesso la vittoria di questo campionato. Certo, non si è trattata della migliore prestazione stagionale, ma non è sicuramente il momento per fare i puristi e bisogna accontentarci di questa vittoria che ci mantiene, quantomeno, in zona play-off. Domenica si va a Vigonza, vietato sbagliare!

Per commentare la partita, usare l’apposito thread sul nostro forum.

TREVISO-ISTRANA 2-1 (1-1)
TREVISO: Schincariol, Sagui (Di Salvo 21’st), Furlan, Granati (Prosdocimi 47’st), Donè, Bellotto, Biondo, Moretti, Cattelan (Mastellotto 28’st), Zanardo, Moretto. A disposizione: Gottardi, Mastellotto, Antonioli, Sartori, Lovisotto. Allenatore: Riccardo Gheller.
ISTRANA 1964: Cavarzan, Pivato, Lovisetto (Trevisan 42’st), Calcagnotto, Furlanetto, Nobile, Doria, De Prezzo, Zanatta, Vettoretto, Lorenzetto (Pesce 32’st). A disposizione: Perussato, Granello, Gregorio, Vedelago. Suno. Allenatore: Marco Marchetti.
ARBITRO: Lovison di Padova.
MARCATORI: Vettoretto 3’pt, Zanardo 39’pt, Moretto 40’st.
NOTE Ammonizioni: Moretti, Granati, Sagui, Pesce. Espulso: Moretto.
Spettatori: 512. Recuperi: 1 min pt e 4 min st.