DEBUTTO OK La Cagnina torna bomber (doppietta), il Treviso stende il Caldogno

Ottimo debutto al Tenni per il Treviso, che batte in casa il Caldogno Rettorgole con una doppietta del difensore-bomber Josè Maria La Cagnina realizzata nel primo tempo (24′ e 31′).

Nel video la doppietta di La Cagnina.

Piovanelli ripropone il suo tradizionale modulo offensivo, inserendo il fresco tesserato Luca Dal Compare come punta centrale, affiancato dal classe ’94 Da Tos e Del Papa. Subito in campo anche Giuliato a centrocampo e La Cagnina come pilastro difensivo a supporto di capitan Ton. Il Caldogno Rettorgole, ancora privo dell’ex Alberto Paoli, si presenta con un modulo speculare a quello biancoceleste, con al centro dell’attacco Piovan, che all’8′ si trova tra i piedi quella che si rivelerà la più grossa occasione da rete per gli ospiti. Su un errore della difesa biancoceleste la sfera rimbalza verso l’ariete vicentino, che vedendo Bortolin fuori dai pali non ci pensa due volte e fa partire un pallonetto che rimbalza sulla traversa e si spegne sullo sfondo. Scampato pericolo, il Treviso si sveglia, anche perché i primi minuti di gioco avevano visto un netto predominio territoriale degli uomini di Soldà. I biancocelesti cambiano decisamente ritmo e nei venti minuti successivi cingono d’assedio l’area del Caldogno, collezionando calci d’angolo in serie e da cui origineranno entrambi i gol di la Cagnina. Ma il primo colpo di testa vincente rischia di arrivare già al 15′, quando Ton devia l’angolo di Di Prisco sull’esterno della rete, facendo esultare a vuoto qualche tifoso in tribuna. Due minuti dopo, sempre sugli sviluppi di un corner di Di Prisco, il portiere biancorosso Nardon esce male, e sul rimpallo si avventa Giuliato che di testa manda la palla di un soffio sopra la traversa. Il pressing continua, e otto minuti dopo il mancino di Di Prisco viene premiato quando la palla trova solo soletto il 40enne La Cagnina, che da difensore centrale torna centrale d’attacco e con un perfetto colpo di testa trafigge Nardon. Grande esultanza per l’ex Cremonese, Lecco e Pavia, che sette minuti dopo si ripete dimostrando grande senso del gol. Altro corner, cambia l’angolo ma non l’esito: parabola perfetta di Di Prisco, La Cagnina anticipa nuovamente la statica difesa ospite e gela nuovamente Nardon.
Nella ripresa il Treviso si limita a controllare, concedendosi qualche leziosità che per poco non regala ai tifosi uno spettacolare tris. Grande protagonista il funambolico Dal Compare, che nei primi minuti riceve da Pilotto e con un colpo di tacco serve Del Papa in area, ma la conclusione al volo dell’esterno ex Sacilese è fuori misura. E al 13′ l’asse Di Prisco-La Cagnina sfiora l’incredibile hattrick: calcio piazzato da posizione defilata sulla sinistra, Livotto anticipa tutti, La Cagnina compreso, ma la palla finisce abbondantemente fuori. La girandola di cambi non cambia le sorti dell’incontro, soprattutto per il Caldogno Rettorgole, che non riesce a impensierire il muro difensivo biancoceleste. E sui capovolgimenti di fronte, il Treviso va vicino al tris. Sugli sviluppi di un batti e ribatti al limite del vertice destro dell’area biancorossa la palla finisce a Dal Compare, la cui girata al volo si spegne sopra la traversa. In questa fase il Treviso continua a macinare gioco, ma non riesce a concludere niente di buono anche per la mancanza di una punta centrale di ruolo su cui fare riferimento. Negli ultimi dieci minuti il Caldogno si rifà pericoloso grazie a qualche generoso calcio di punizione concesso da Pasinetti di Venezia, ma Bortolin e compagni spazzano l’area senza troppi problemi. Dopo due minuti di recupero arriva il triplice fischio: prima vittoria stagionale per il Treviso, prima gioia dopo mesi di sofferenza per i supporters biancocelesti. Un successo che dà morale e fiducia a un gruppo ancora in rodaggio e, speriamo, non ancora completo. Nonostante il risultato positivo, la partita di oggi ha confermato la necessità di una prima punta in grado di fare la differenza sotto porta. La Cagnina, ormai convertito definitivamente a difensore centrale, il bomber l’ha fatto, in Serie C, e oggi l’ha dimostrato con due incornate su calcio da fermo, ma la difficoltà a creare pericoli serie su azione dimostra che in avanti c’è un vuoto da colmare.


TABELLINO

TREVISO – CALDOGNO RETTORGOLE 2-0

TREVISO: Bortolin; Pilotto, La Cagnina, Ton, Fonti; Di Prisco, Livotto, Giuliato (st 43‘ Balzan); Del Papa, Da Tos (st 16′ Vio); Dal Compare. A disp. Vincenzi, Filippetto, Pillon, Esposito. All. Piovanelli.
CALDOGNO RETTORGOLE: Nardon; Uliano, Boscato (pt 33‘ Bernardinello), Casale, Gobbato; Dalla Fina, Zenere (st 31‘ Zarantonello), Piovan; Panozzo (st 8‘ Gresele), Marcante, S. Rosario. A disp. D. Rosario, Giacomin, Guido, Castagnaro. All. Soldà.
RETI: pt 24′ e 31′ La Cagnina
ARBITRO: Pasinetti di Venezia
NOTE: tempo instabile, campo in ottime condizioni. Spettatori paganti 390. Ammoniti: Da Tos, Livotto, Di Prisco per il Treviso; Boscato, Gobbato per il Caldogno Rettorgole. Angoli 8-3 per il Treviso.

Comments are closed.